Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'allerta resta alta per il gelo nel Centro-Sud Italia

La situazione dovuta a gelo e neve nelle aree già precedentemente colpite dai terremoti è drammatica mentre nel resto della Penisola si parla di emergenza praticamente ovunque: in Puglia e Basilicata (cfr. FreshPlaza del 09/01/2017), Sicilia (cfr. FreshPlaza del 09/01/2017), Calabria e Campania. Le Regioni settentrionali, più abituate e attrezzate alle basse temperature hanno tenuto meglio, ma si registrano comunque disagi e aggravi di costi produttivi. Questo in breve quanto delinea Cia-Agricoltori italiani.



Le prime stime approssimative e parziali parlano di molte centinaia di milioni di euro di danni. Ma è ancora tutto da verificare. Finora si parla di perdite di produzioni, guasti a beni strumentali, problemi logistici e difficoltà nel reperimento di foraggio per gli allevamenti; così come sono almeno triplicati i consumi di gasolio ed energia per il riscaldamento di stalle e serre. In alcune zone, alberi sono stati divelti dal forte vento, in altre si teme la tenuta di molte piante da frutta.



Coldiretti Puglia sottolinea inoltre il mancato approvvigionamento di mercati e punti vendita, che starebbe facendo schizzare in alto i prezzi di vendita degli ortaggi. Migliaia pare siano gli ettari di verdure, che erano pronte per la raccolta, ormai bruciate dal gelo.



In provincia di Lecce sarebbe a rischio la produzione di patate novelle. Come riferisce a FreshPlaza Enzo Manni, responsabile commerciale della Cooperativa Acli Racale: "Non eravamo preparati a questo scenario da alta montagna. Dopo i danni agli uliveti, altrettanto straordinaria si presenta la situazione attuale, soprattutto per le coltivazioni in pieno campo che appaiono compromesse. Per quanto riguarda le patate, noi dobbiamo ringraziare i nostri bravissimi produttori che fino ad oggi sono riusciti a salvare le produzioni in serra. Sempre in allerta dal giorno di Capodanno per verificare soprattutto che il riscaldamento funzionasse in maniera continuativa e non a intermittenza. Grande dispendio di energie e risorse umane: la professionalità, però, paga".

"Ovviamente qualche danno ci sarà, specie per il pieno campo sommerso dalla neve. Le primissime primizie dovrebbero essere compromesse. La fortuna nella sfortuna potrebbe essere data dal fatto che pochissimi erano i tuberi già spuntati, ma è ancora tutto da valutare".



Lazio
Migliaia di ettari di verdure pronte per la raccolta sono andate compromesse dal gelo, con serre danneggiate o distrutte sotto il peso della neve, bestiame senz'acqua perché sono gelate le condutture, aziende e stalle isolate. E' il bilancio di un primo monitoraggio avviato dalla Coldiretti Lazio. Il sistema serricolo della piana di Fondi, come quello di Sabaudia, San Felice e dei comuni dell'agro romano è in sofferenza anche per il blocco degli impianti di approvvigionamento idrico causato dalle pesanti gelate, con il congelamento delle tubazioni e con la rottura e l'esplosione dei contatori. Nel frusinate risultano quasi totalmente danneggiate le coltivazioni invernali in campo aperto, come piselli e carciofi. Danni anche agli agrumeti, come nel caso di Fondi, e ai vigneti di uva da tavola nella bassa provincia romana.

Calabria
Erano oltre 50 anni che non si riscontravano temperature tanto rigide in Calabria. Da una prima ricognizione effettuata dalla Coldiretti Calabria, neve e gelo avrebbero causato danni a centinaia di ettari di frutta pronta per la raccolta, in particolare agrumi e clementine oltre ortaggi quali zucchine, cipolle, finocchi, piselli e fave.



Sicilia
C'è anche chi esprime una nota positiva per l'arrivo del gelo. "Rispetto ad altre annate, in termini di necessità in ore di freddo per i vigneti di uva da tavola a Mazzarrone (CT), quest'anno dovremmo riuscire a soddisfarle senza grosse difficoltà - riferisce a FreshPlaza un tecnico - stando anche alle ultime giornate, con temperature tipicamente da Nord Italia. Non dovremmo quindi avere problemi, specie per le uve coperte intorno al 15-20 dicembre 2016 per l'anticipo di raccolta. In ogni caso, potremo verificare lo stato delle gemme solo tra una quindicina di giorni".

"Situata a 300 metri sopra il livello del mare, per Mazzarrone l'ondata di gelo non ha creato particolari difficoltà. Nei paesi limitrofi posti a un'altitudine maggiore si sono registrati problemi di viabilità. Nessun danno strutturale".

Data di pubblicazione: 10/01/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

27/02/2017 La Russia non ha alcuna fretta di sospendere le sanzioni alla Turchia
27/02/2017 Cia Imola: Ismea riapre nuovo bando per primo insediamento giovani
27/02/2017 Caporalato: considerazioni e proposte dei presidenti di Confagricoltura Puglia e Confagricoltura Bari
24/02/2017 Assicurazioni: in arrivo i soldi del 2015. In Romagna gia' partita la campagna 2017
24/02/2017 Terremoto: pagati da Agea 50 milioni di euro per gli agricoltori danneggiati
24/02/2017 La Cassazione accoglie il ricorso di Spreafico contro l'Agenzia delle Dogane
24/02/2017 Caporalato: sei arresti ad Andria (BT) per la bracciante morta di fatica
24/02/2017 Londra: frigorifero anti-sprechi per combattere la fame
23/02/2017 Icqrf: nel 2016 oltre 48mila controlli effettuati
23/02/2017 Ortofrutta, un settore strategico poco tutelato dall'UE
23/02/2017 Biofach e Vivaness 2017 hanno superato i 50.000 visitatori
23/02/2017 Meno visitatori si traducono in piu' clienti potenziali
22/02/2017 L'Argentina blocca l'import di barbatelle di uva: le dichiarazioni di Paolo De Castro
22/02/2017 Mappa dei brevetti nel mondo
21/02/2017 Canapa industriale: tra i mille utilizzi, anche quello per la fitodepurazione dei terreni inquinati
21/02/2017 Difendetevi dalle imitazioni: le reti antigrandine foto-selettive sono solo Iridium® di Agrintech
21/02/2017 Non solo CETA: ecco altri 9 accordi internazionali in ballo
21/02/2017 Attiva la prima serra indoor certificata GlobalGAP
21/02/2017 Uno sguardo alla prima azienda agricola indoor della Panasonic
21/02/2017 In crescita la percentuale di ortofrutta coltivata in serra

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*