Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Con video!

Report maltempo dalla fascia trasformata della Sicilia meridionale

La Sicilia, al momento, sembra la regione meno colpita dai danni del maltempo che si è abbattuto sulla nostra Penisola nelle scorse ore (cfr. articolo correlato). Peraltro, è previsto un miglioramento generale delle condizioni meteo che non farebbe presagire eventi preoccupanti, anche se localmente, come vedremo, le cose potrebbero mettersi diversamente.



Qualche danno si è registrato, nella notte tra il 6 ed il 7 gennaio 2017, nelle campagne di Licata (provincia di Agrigento) e di Ispica (provincia di Ragusa). In entrambi in casi si tratta di tunnel, dunque strutture non dotate di altra protezione termica oltre al film di rivestimento e che, adibiti alla coltura dello zucchino, non hanno protetto gli ortaggi dalla gelata.



In particolar modo nel territorio compreso tra Ispica e Pachino (provincia di Siracusa), precisamente in Contrada Carrubba, è stata colpita l'azienda agricola dei fratelli Fidone, che comprende per buona parte colture protette, come detto, da semplici tunnel.



Circa la metà dei quaranta ettari coltivata a zucchino è stata colpita dal gelo, a causa del forte calo delle temperature, nella nottata del 6/7 gennaio.




"La temperatura, scesa a -2 gradi centigradi, ha danneggiato la produzione principale della nostra azienda - ha dichiarato Giuseppe Fidone - ossia lo zucchino. Stiamo incassando un brutto colpo, calcolando una perdita del 50%, ma non siamo i soli. Confrontandoci infatti con altri produttori in alcune aziende limitrofe, abbiamo rilevato come alcuni hanno perduto la totalità delle loro coltivazioni. Purtroppo non è ancora finita: le prossime due notti saranno quelle decisive, dato che la temperatura dovrebbe scendere a -4 gradi".



Il quadro a livello regionale, al momento in cui scriviamo, è confermato dall'ufficio stampa della Coldiretti nazionale. Ma si tratta pur sempre di una fotografia parziale, poiché la vera entità dei danni emergerà solo nelle prossime ore, quando da una più attenta osservazione delle piante si potrà capire l'estensione delle colture che hanno effettivamente subito uno shock termico. Attendiamo, nei prossimi giorni, i feedback dagli areali di Vittoria, Acate e Scicli, che per ora sembrano essere rimasti indenni.

Autore: Gaetano Piccione

Data di pubblicazione: 09/01/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/01/2017 Primo stabilimento in Francia per Del Monte
20/01/2017 UE: nuovo record dell'export agroalimentare, 11,7 miliardi di euro a novembre
20/01/2017 Gennaio da record: siccita' al Nord, gelo storico al Sud
20/01/2017 Le esigenze della moderna orticoltura trovano risposte a Macfrut 2017
20/01/2017 Cartarredo: distributore di assorbitori di etilene per tutta Italia e parte dell'area mediterranea
19/01/2017 VIDEO! Scopri Macfrut in campo: la grande novita' dell'edizione 2017
19/01/2017 Settore kiwi: packaging riciclabili trasformati in utensili
19/01/2017 AOP Armonia si trasforma in Organizzazione di Produttori
18/01/2017 Marca 2017: un'edizione da record
18/01/2017 Noberasco Nutrition Partner di Juventus Football Club
18/01/2017 Corte Conti UE: lotta allo spreco alimentare inefficace
18/01/2017 Brexit: Istituto Delors, buco da 10 miliardi di euro l'anno nel bilancio UE
18/01/2017 Un certificato che attesta l'uso di Ecodian
18/01/2017 La nanotecnologia per conservare la frutta
18/01/2017 Fruitimprese: i dati sul commercio estero ortofrutticolo italiano nei primi dieci mesi del 2016
17/01/2017 Biolchim si espande in Ungheria
17/01/2017 Italia Ortofrutta cresce con 19 nuove OP nel 2016
17/01/2017 La tregua nell'ondata di freddo non ha portato alcun sollievo
17/01/2017 Fmi: economia mondiale in ripresa, giu' stime sull'Italia (+0,7% nel 2017)
17/01/2017 Biologico in Sicilia: sbloccati fondi per 320 milioni di euro

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*