Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Con video!

Report maltempo dalla fascia trasformata della Sicilia meridionale

La Sicilia, al momento, sembra la regione meno colpita dai danni del maltempo che si è abbattuto sulla nostra Penisola nelle scorse ore (cfr. articolo correlato). Peraltro, è previsto un miglioramento generale delle condizioni meteo che non farebbe presagire eventi preoccupanti, anche se localmente, come vedremo, le cose potrebbero mettersi diversamente.



Qualche danno si è registrato, nella notte tra il 6 ed il 7 gennaio 2017, nelle campagne di Licata (provincia di Agrigento) e di Ispica (provincia di Ragusa). In entrambi in casi si tratta di tunnel, dunque strutture non dotate di altra protezione termica oltre al film di rivestimento e che, adibiti alla coltura dello zucchino, non hanno protetto gli ortaggi dalla gelata.



In particolar modo nel territorio compreso tra Ispica e Pachino (provincia di Siracusa), precisamente in Contrada Carrubba, è stata colpita l'azienda agricola dei fratelli Fidone, che comprende per buona parte colture protette, come detto, da semplici tunnel.



Circa la metà dei quaranta ettari coltivata a zucchino è stata colpita dal gelo, a causa del forte calo delle temperature, nella nottata del 6/7 gennaio.




"La temperatura, scesa a -2 gradi centigradi, ha danneggiato la produzione principale della nostra azienda - ha dichiarato Giuseppe Fidone - ossia lo zucchino. Stiamo incassando un brutto colpo, calcolando una perdita del 50%, ma non siamo i soli. Confrontandoci infatti con altri produttori in alcune aziende limitrofe, abbiamo rilevato come alcuni hanno perduto la totalità delle loro coltivazioni. Purtroppo non è ancora finita: le prossime due notti saranno quelle decisive, dato che la temperatura dovrebbe scendere a -4 gradi".



Il quadro a livello regionale, al momento in cui scriviamo, è confermato dall'ufficio stampa della Coldiretti nazionale. Ma si tratta pur sempre di una fotografia parziale, poiché la vera entità dei danni emergerà solo nelle prossime ore, quando da una più attenta osservazione delle piante si potrà capire l'estensione delle colture che hanno effettivamente subito uno shock termico. Attendiamo, nei prossimi giorni, i feedback dagli areali di Vittoria, Acate e Scicli, che per ora sembrano essere rimasti indenni.

Autore: Gaetano Piccione

Data di pubblicazione: 09/01/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/05/2017 ULTIMI AGGIORNAMENTI? Consulta La Clessidra!
26/05/2017 Terremerse: il bilancio 2016 vede un recupero di 626 mila euro
26/05/2017 Cambio ai vertici di Valfrutta Fresco
26/05/2017 Phil Hogan: su riforma bio accordo UE al 95%
26/05/2017 UE: la presidenza maltese punta a un accordo sul biologico entro giugno
26/05/2017 Ortofrutta: dal 2 giugno aumento all'indennita' di ritiro UE
26/05/2017 Utilizzate la maggior parte delle misure di sostegno UE per l'embargo russo
26/05/2017 Stefano Soli nominato direttore generale di Valfrutta Fresco
26/05/2017 Valente Pali, una storia lunga piu' di 50 anni
26/05/2017 Il Ministro Martina presenta alle UE una nuova strategia su acqua e agricoltura
26/05/2017 Dal Mipaaf, conferma sui pagamenti Agea destinati allo sviluppo rurale
25/05/2017 Apofruit e BPER Banca insieme a favore degli imprenditori agricoli
25/05/2017 L'ambasciata del Vietnam mette in guardia gli esportatori da 13 fornitori fraudolenti degli Emirati Arabi
25/05/2017 Turchia e Russia firmano un accordo per la revoca delle sanzioni (ma non tutte)
25/05/2017 Sicilia: il comprensorio di Ribera (AG) ha bisogno al piu' presto di irrigazione
25/05/2017 Anche le arance 3moretti salutano la centesima edizione del Giro d'Italia
24/05/2017 Biologico: salutare, ma con moderazione
24/05/2017 Packaging in bioplastica per i prodotti ortofrutticoli: resistente all'umidita'
24/05/2017 Grecia: soluzioni di confezionamento in polistirolo espanso
24/05/2017 Colombia: piantagioni di frutta al posto della coca

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*