Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Meglio non prendere alla leggera le nuove regole!

Fitofarmaci: 20mila euro di multa senza il patentino. E l'arresto se mancano i cartelli

Meglio lasciare perdere l'idea di acquistare e/o manipolare prodotti fitosanitari senza la regolare abilitazione (patentino) o con patentino scaduto: la sanzione amministrativa va dai 5mila ai 20mila euro. E c'è l'arresto se non vengono messi i cartelli previsti nelle aziende che hanno dipendenti.

 

Forse non tutti gli agricoltori (ma il discorso vale anche per chi esegue trattamenti post raccolta con fitosanitari nelle strutture di lavorazione) sanno che le norme sono state inasprire rispetto ad alcuni anni fa. Durante i corsi di aggiornamento che vengono organizzati anche in questo periodo (cfr. Freshplaza del 28/10/2016) i docenti hanno l'obbligo di illustrare tutti i dettagli. E, fra questi, anche mettere in guardia sugli errori da non compiere e sulle sanzioni (salate) a cui si può incorrere.

E inoltre: il datore di lavoro che non mette i cartelli informativi previsti, cioè la segnaletica di sicurezza, è punito con l'arresto da 3 a 6 mesi e con l'ammenda da 2.740 a 7.014,40 euro.



E' proibito acquistare prodotti fitosanitari da ambulanti: si possono prendere solo da rivenditori autorizzati e questi non sono di certo ambulanti o improvvisati. Tale norma è stata inserita per evitare i furti e lo smercio dei presidi fitoiatrici. In caso di dubbi, o se si è avvicinati da un "bagarino dei veleni" si può contattare il numero verde del Comando Carabinieri Politiche Agricole attivo 24 ore su 24 all'800.020320. Oppure si può chiamare Agrofarma dalle 9 alle 18 all'800.913083. E' anche vietato acquistarli allo stato sfuso.

"Nel prossimo futuro – si legge nel libro di formazione realizzato da Dinamica Emilia Romagna – potrebbero essere possibili altre forme di acquisto come quelle on-line. Ma le modalità saranno rese note dal Ministero che detterà le regole".

Un altro aspetto fondamentale, di certo non preso in considerazione da tutti, è che l'autorizzazione è strettamente personale. Se non ci si può recare di persona dal rivenditore, non si può delegare moglie, figli o amici. Vi è un'unica eccezione: se il titolare ha motivazioni gravi come malattia o ricovero, può fare delega che va però vistata dal Comune, o dal Servizio agricoltura della Regione, o dall'ufficio preposto dell'Asl o dai Carabinieri. L'uso però è permesso solo al titolare, quindi non pare avere molto senso questo passaggio. Infatti che senso ha portare a casa il prodotto, se poi non c'è chi possa utilizzarlo? L'unica è che venga acquistato per poi farlo distribuire da un contoterzista abilitato.

Il patentino non va assolutamente lasciato in giacenza dal rivenditore. E' come la patente di guida, l'agricoltore lo deve avere sempre con sé, soprattutto
quando acquista, trasporta e usa i prodotti fitosanitari.

Data di pubblicazione: 15/11/2016
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2017 Biologico: salutare, ma con moderazione
24/05/2017 Packaging in bioplastica per i prodotti ortofrutticoli: resistente all'umidita'
24/05/2017 Grecia: soluzioni di confezionamento in polistirolo espanso
24/05/2017 Colombia: piantagioni di frutta al posto della coca
24/05/2017 Stati Uniti, terza meta dei prodotti italiani
24/05/2017 Mango: dall'Italia un progetto per la lavorazione e commercializzazione in Africa
23/05/2017 Agrinsieme: urge una nuova normativa sul lavoro accessorio in agricoltura
23/05/2017 Start-up svizzera combatte gli sprechi ortofrutticoli
23/05/2017 Meno spreco alimentare con PerfoLid
23/05/2017 Agroalimentaria 2017: il reportage fotografico
23/05/2017 Le conseguenze per l'agricoltura della salinita' del suolo: Valagro presenta Retrosal
23/05/2017 Il Parlamento europeo si impegna a combattere lo spreco alimentare nell'Ue
22/05/2017 Il mondo sementiero affida a un video il suo appello per l'accesso alle risorse genetiche
22/05/2017 Istat: nel 2016 Italia primo Paese UE per valore aggiunto in agricoltura
22/05/2017 FAO: 70% del cibo nel mondo prodotto da aziende con meno di 5 ettari
22/05/2017 Cia Emilia-Romagna: serve un sostituto dei voucher, in agricoltura e non solo
22/05/2017 Nuove etichette dei fitofarmaci, occhio al 31 maggio
22/05/2017 Certis: trappola per il monitoraggio della cimice asiatica
22/05/2017 Vittoria: controlli sulle aziende che commercializzano prodotti ortofrutticoli
22/05/2017 Una nazione interamente bio: l'obiettivo della Repubblica di San Marino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*