Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il Datterino di Pachino IGP punta alla Gdo nazionale

Come già anticipato ieri (vedi news), la famiglia del Pomodoro di Pachino IGP si allarga: il marchio di Indicazione Geografica Protetta è stato riconosciuto anche alle tipologie di plum e mini-plum (comunemente noto come datterino). Queste andranno ad arricchire l'offerta delle tre varietà precedenti: ciliegino, costoluto e  tondo liscio.

La modifica del disciplinare di produzione della IGP è stato un procedimento complesso che ha coinvolto sia la Regione Sicilia sia il Ministero delle Politiche agricole e alimentari, il quale ha istituito un'apposita commissione per la valutazione dei requisiti delle nuove varietà.

"In questo momento - spiega Salvatore Francavilla, il tecnico che ha seguito l'iter - ci troviamo nella fase in cui sono trascorsi i tre mesi in cui gli altri paesi membri potevano sollevare opposizioni. Se nessuna obiezione è stata notificata a Bruxelles da parte di soggetti interessati, a breve sarà emesso dalla Commissione il decreto definitivo e sarà modificato il piano dei controlli da sottoporre al Ministero. Da lì inizierà la certificazione del nuovo prodotto".



Si tratta di un'importante novità per tutto il comprensorio produttivo che ricade all'interno del territorio individuato dal disciplinare di produzione. Joe Fortunato, direttore dell'omonima azienda siciliana Fortunato Srl, commenta a FreshPlaza: "L'IGP garantisce al datterino di Pachino la differenziazione sul mercato, ad esempio da altri prodotti locali, come quello di Vittoria. Ora l'obiettivo è creare una corsia preferenziale all'interno della Grande distribuzione nazionale; è in Italia, infatti, che si punta a raggiungere uno dei primi risultati: far inserire il Datterino IGP tra le referenze offerte nei reparti ortofrutticoli in ogni gruppo distributivo".

"Il Consorzio di tutela si sta muovendo, inoltre, per incentivare gli acquisti esteri di prodotto IGP". Joe spiega che all'estero è già difficile far riconoscere il ciliegino IGP come prodotto d'eccellenza, quindi sarà necessario un impegno doppio. "Grazie all'indicazione geografica protetta, poi, i mercati dovrebbero commercializzare maggiori volumi di prodotto".

Il commento del Consorzio di Tutela IGP Pomodoro di Pachino
"Da anni lavoriamo su questa tipologia di pomodoro che incontra un grande apprezzamento da parte del mercato - spiega Sebastiano Fortunato, presidente del Consorzio - Questa misura ci permetterà di valorizzarlo rispetto a pomodori di altra provenienza. Per la produzione rappresenterà un valore aggiunto, che contribuirà ad aumentare il reddito di chi lo produce. La previsione è di un aumento per i volumi certificati dal Consorzio".

Il riscontro sarà anche di tipo economico per tutti i produttori, come sottolinea il direttore del Consorzio Salvatore Chiaramida. "Con questa variante, anche le aziende che non producono ciliegino o costoluto hanno l'opportunità di fregiarsi del marchio IGP. Di conseguenza, si amplierà la platea dei potenziali soci che possono far parte del Consorzio e usufruire delle azioni di tutela e promozione. Inoltre, c'è la possibilità di ottenere un prezzo di vendita maggiore del 20-25%, che si traduce in una redditività e marginalità superiori".

Data di pubblicazione: 03/11/2016
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/02/2018 L'ascesa della cucina mediterranea ha un ruolo importante nelle vendite di melanzane
19/02/2018 Southern Seed: le novita' presentate a Berlino
19/02/2018 SAIS Sementi ha presentato il nuovo pomodoro ciliegino Mygliorito F1
19/02/2018 Carciofi siciliani: una stagione da dimenticare
19/02/2018 Radici amare: un po' piu' 'amabili' per via dell'inverno mite
16/02/2018 Nuovo packaging per l'Aglio bianco Piacentino
16/02/2018 Germania: rutabaga, eletto ortaggio dell'anno 2017 e 2018
16/02/2018 Comincia la stagione dell'aglio orsino lungo il Danubio
16/02/2018 Annata buona per l'indivia, ma i prezzi restano difficili
16/02/2018 La bufala dell'invasione di pomodori Pachino dal Camerun
16/02/2018 Spagna: il primo asparago verde che puo' essere consumato crudo
15/02/2018 Difficile competere con il prodotto francese
15/02/2018 La Carota di Polignano biofortificata in iodio
15/02/2018 I pomodori da mensa della linea Pomo Rosa di ISI Sementi: Rosamunda e Rosalinda
15/02/2018 Carciofo per via meristematica: rese produttive migliori del 20 per cento
15/02/2018 Finocchio di IV gamma: soluzione anti-imbrunimento con etanolo
14/02/2018 Romania: quasi 60mila tonnellate di pomodori importati
14/02/2018 Il 60% delle verdure albanesi e' destinato ai mercati europei
14/02/2018 Seminis: resa e rusticita' con il pomodoro SV8840TM
14/02/2018 Ministro Martina: duplice azione contro la crisi del pomodoro di Pachino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*