Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Attraverso il progetto "Piu' sano, piu' buono"

Il Fungo Italiano Certificato sostiene la ricerca della Fondazione Veronesi

"Quando siamo partiti ci siamo chiesti ha valore il fungo? Abbiamo poi scoperto che ne ha più di quanto pensassimo", spiega Mario Mattozzi, presidente del Fungo Italiano Certificato, il consorzio di promozione e valorizzazione del fungo coltivato 100% made in Italy (cfr. FreshPlaza del 08/09/2016), e che riunisce il Consorzio Funghi di Treviso, Fungamico, Funghidea e Funghi delle Terre di Romagna, sta a dire il 70% della produzione fresca italiana.



Da quella domanda iniziale è poi nata una ricerca, resa possibile proprio dal fatto di essersi consorziati, e condotta da Università di Padova. I risultati sono stati presentati ieri durante il Macfrut: "I funghi - spiega Carlo Nicoletto, dell'Università padovana e del team che ha condotto la ricerca - hanno un basso contenuto calorico e un basso contenuto di grassi, come un bassissimo contenuto di sale. Sono fonte di proteine (ad eccezione dei prataioli) e di fibre: le diete attuali e quelle alimentari a regime salutistico sono sempre più alla ricerca di prodotti ricchi di fibre; ma nel fungo c'è anche altro. Ci sono fenoli, vitamine e antiossidanti; c'è più potassio che nella banana, più che nel pomodoro e due terzi di quello che troviamo nel fagiolo, uno dei prodotti orticoli che ne è più ricco. Praticamente non contengono nitrati, che sono uno dei problemi maggiori degli ortaggi a foglia, non hanno lattosio, né glutine".


Carlo Nicoletto, dell'Università di Padova, che ha condotto le ricerche sulle proprietà nutritive e salutari dei funghi.

"Sapendo questo dovevamo comunicarlo, perché tanti consumatori non ne sono consapevoli", riprende Mattozzi. Da lì è partita una campagna di comunicazione, anche su Facebook dove, "in un mese e mezzo abbiamo avuto 100 volte più contatti di quanti non ne abbiamo avuto nelle nostre storie aziendali". In parallelo è partita, tra i consorziati, l'idea di adottare tutti quanti un'unica etichetta che riportasse i claim nutrizionali utilizzabili (fonte di proteine e a bassissimo contenuto di sale, a basso contenuto calorico) ma che pure lasciasse ai produttori la possibilità di mantenere la propria identità, con il proprio logo. L'impegno del Consorzio è quello di utilizzare la nuova etichetta già a partire dai prossimi giorni.


Il logo del progetto "Più sano, più buono" della Fondazione Veronesi, sui funghi prodotti dai consorziati del Fungo Italiano Certificato.

Ma accanto alla nuova etichetta comparirà anche un altro logo, sarà quello della Fondazione Umberto Veronesi e del suo progetto "Più sano, più buono", a sostegno della ricerca scientifica sulla nutrigenomica: la scienza che studia le correlazioni tra le molecole presenti nei cibi e il nostro DNA. Obiettivo del progetto è quello di dimostrare come una sana e corretta alimentazione possa aiutare il nostro organismo a mantenersi in salute senza rinunciare al gusto. "Nel libro di Veronesi - conclude Mattozzi - la metà delle ricette proposte è a base di funghi"; da lì a farsi avanti con la Fondazione per sostenerne il progetto il passo è stato breve.


Ieri al Macfrut. Da sinistra Carlo Nicoletto (Università di Padova), Mario Mattozzi (presidente Fungo Italiano Certificato), Ferdinando Ricci (Fondazione Veronesi).


"Alcuni mesi fa ci hanno contattati - spiega Ferdinando Ricci, della Fondazione Umberto Veronesi - perché ci sono dei punti di contatto tra quanto loro fanno e quella che è la nostra mission: proporre ogni giorno uno stile di vita sano e salutare. In questo il fungo può svolgere un ruolo primario". Così è nata la partnership tra la Fondazione Veronesi e il consorzio Fungo Italiano Certificato: quest'ultimo, usando il logo del progetto "Più sano, più buono", raccoglierà fondi per le altre iniziative della fondazione, mentre il logo certificherà la salubrità del proprio prodotto.


La futura etichetta sui funghi prodotti dagli associati del Consorzio Fungo Italiano Certificato.

Acquistando le confezioni di Fungo Italiano Certificato in vendita nei negozi e nella grande distribuzione italiana sulle quali è presente il marchio "Più Sano, più Buono" sarà possibile sostenere giovani medici e ricercatori della Fondazione Umberto Veronesi che si occupano di nutrigenomica.

Contatti:
Fungo Italiano Certificato (Fungo Italiano soc. consortile)

Via Farini, 2
04100 Latina (LT) - Italia
Tel.: (+39) 06 964 53091
Email: fungoitaliano@gmail.com
Web: www.fungoitaliano.it

Data di pubblicazione: 16/09/2016
Autore: Andrea Minghelli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/02/2018 Yuanbao, cavolo cinese resistente all'afide verde
22/02/2018 La nuova stagione causera' ulteriori difficolta' all'export di aglio cinese
22/02/2018 I produttori di Prince de Bretagne creano una Carta degli Impegni
22/02/2018 L'Italia non e' pronta culturalmente per l'agricoltura biodinamica
21/02/2018 Le zucche Butternut sudafricane integrano le scorte europee durante l'inverno boreale
21/02/2018 Vilmorin ha presentato a Vittoria (RG) il nuovo ciliegino a tutto gusto: Ottymo F1
21/02/2018 De Ruiter Portinnesti Pomodoro Academy: 15 vivaisti italiani ad Almeria per un seminario di approfondimento
20/02/2018 Carciofi importati dalla Tunisia ma il know how e' italiano
20/02/2018 Asparago, in Italia puo' solo crescere in volume e valore
20/02/2018 Automato si concentra sulle tendenze self-service
20/02/2018 Nel 2017 le vendite di indivia sono aumentate notevolmente in Cina
19/02/2018 L'ascesa della cucina mediterranea ha un ruolo importante nelle vendite di melanzane
19/02/2018 Southern Seed: le novita' presentate a Berlino
19/02/2018 SAIS Sementi ha presentato il nuovo pomodoro ciliegino Mygliorito F1
19/02/2018 Carciofi siciliani: una stagione da dimenticare
19/02/2018 Radici amare: un po' piu' 'amabili' per via dell'inverno mite
16/02/2018 Nuovo packaging per l'Aglio bianco Piacentino
16/02/2018 Germania: rutabaga, eletto ortaggio dell'anno 2017 e 2018
16/02/2018 Comincia la stagione dell'aglio orsino lungo il Danubio
16/02/2018 Annata buona per l'indivia, ma i prezzi restano difficili

 

Commenti:


Come posso leggere etichetta confezionamento e scadenza Fungo iItaliano certificato? Grazie
Francesco, Venezia, Jesolo (email) - 01/12/2017 10:56:15


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*