Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Fusariosi dell'aglio: parte da Piacenza uno studio per contrastarla

Parte da Piacenza uno studio per trovare una soluzione alla fusariosi, patologia che colpisce l'aglio a livello mondiale e crea problemi dal momento della raccolta fino alla tavola del consumatore.

L'idea è nata e si svilupperà nei prossimi anni (almeno tre) sul nostro territorio, grazie alla Copap, realtà associata a Confcooperative, appoggiata da Agrisilva, Irecoop e dall'istituto di Patologia vegetale dell'Università Cattolica di Piacenza.

L'obiettivo è quello di avviare uno studio per trovare una soluzione alla fusariosi; "Le linee generali sono già state tracciate - spiega Francesco Rastelli di Copap - adesso l'Università dovrà definire le modalità operative nel tentativo di migliorare la qualità dell'aglio".

Complessivamente il progetto costerà 400mila euro, dei quali circa 280mila verranno finanziati dalla Regione a seguito della costituzione di un gruppo operativo Pei, il partenariato europeo di innovazione.

"Da Bologna - chiarisce Claudio Piva di Agrisilva - c'è la volontà di affrontare il problema, sostenendo una serie di azioni legata a studi e sperimentazioni di procedure per contenere l'agente patogeno. Si punta a ridurre l'entità del problema, anche per ottenere risparmi futuri".

Un traguardo raggiunto grazie alla collaborazione fra le associate di Confcooperative. Copap ha presentato il problema suggerendo la possibile strada da percorrere per arrivare a una soluzione, grazie al coinvolgimento dell'Università, Agrisilva ha garantito il supporto tecnico per l'accesso alla domanda e la collaborazione per la gestione complessiva del progetto, dall'avvio fino alla completa realizzazione, mentre Irecoop organizzerà eventi per la formazione e di coaching nelle aziende. Un lavoro di squadra che punta a portare Piacenza al vertice a livello internazionale.

Fonte: www.piacenzasera.it

Data di pubblicazione: 26/08/2016



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/02/2018 Ampliamento dell'offerta grazie ai prataioli bio svizzeri
23/02/2018 Tre societa' francesi insieme, ognuna con le proprie specialita'
23/02/2018 Partita la campagna di promozione del Pomodoro di Pachino IGP nella Gdo
22/02/2018 Yuanbao, cavolo cinese resistente all'afide verde
22/02/2018 La nuova stagione causera' ulteriori difficolta' all'export di aglio cinese
22/02/2018 I produttori di Prince de Bretagne creano una Carta degli Impegni
22/02/2018 L'Italia non e' pronta culturalmente per l'agricoltura biodinamica
21/02/2018 Le zucche Butternut sudafricane integrano le scorte europee durante l'inverno boreale
21/02/2018 Vilmorin ha presentato a Vittoria (RG) il nuovo ciliegino a tutto gusto: Ottymo F1
21/02/2018 De Ruiter Portinnesti Pomodoro Academy: 15 vivaisti italiani ad Almeria per un seminario di approfondimento
20/02/2018 Carciofi importati dalla Tunisia ma il know how e' italiano
20/02/2018 Asparago, in Italia puo' solo crescere in volume e valore
20/02/2018 Automato si concentra sulle tendenze self-service
20/02/2018 Nel 2017 le vendite di indivia sono aumentate notevolmente in Cina
19/02/2018 L'ascesa della cucina mediterranea ha un ruolo importante nelle vendite di melanzane
19/02/2018 Southern Seed: le novita' presentate a Berlino
19/02/2018 SAIS Sementi ha presentato il nuovo pomodoro ciliegino Mygliorito F1
19/02/2018 Carciofi siciliani: una stagione da dimenticare
19/02/2018 Radici amare: un po' piu' 'amabili' per via dell'inverno mite
16/02/2018 Nuovo packaging per l'Aglio bianco Piacentino

 

Commenti:


Buongiorno,

Specializzati nell'aglio, gradiremmo scambiare con voi e il nostro ingegnere agronomo.
In attesa gentile riscontro
Volonteri Bruno, Beaumont de Lomagne, France (email) - 29/08/2016 10:41:17


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*