Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



TRADITOM: il progetto dedicato alla valorizzazione delle varieta' tradizionali di pomodoro

TRADITOM è un progetto europeo che coinvolge una rete di ricercatori provenienti da Università e istituti di sette paesi membri dell'UE (Francia, Germania, Grecia, Italia, Spagna, Paesi Bassi e Regno Unito) e di un paese associato (Israele). I ricercatori stanno lavorando in stretta collaborazione con i produttori di pomodori tradizionali e con organizzazioni associate provenienti da Grecia, Italia e Spagna.

Il progetto si focalizza sull'identificazione e la valorizzazione di varietà tradizionali europee di pomodoro e le loro pratiche colturali, gli obiettivi principali sono:


  • descrivere le varietà tradizionali di pomodoro dell'UE, i loro metodi di coltivazione, le caratteristiche ambientali delle regioni in cui sono state tradizionalmente coltivate e conservare i loro semi in una banca del germoplasma. Le informazioni raccolte così come i semi saranno disponibili mediante il repository della pagina web del progetto;
  • valutare la variabilità genetica e fenotipica presente nelle varietà TRADITOM;
  • fornire agli agricoltori e ai breeder nuove versioni di varietà tradizionali di pomodoro che incorporano le caratteristiche di maggiore resa e resistenza alle malattie senza influenzare le loro buone caratteristiche sensoriali;
  • valorizzare le varietà tradizionali di pomodoro e i metodi di coltivazione tradizionali, attraverso un'accurata caratterizzazione del valore nutrizionale e salutistico, l'individuazione delle preferenze dei consumatori, la valutazione di fattori socio-economici che limitano la diffusione delle varietà tradizionali sul mercato e la loro protezione attraverso l'utilizzo dei marchi DOP o IGP.
Freshplaza ha chiesto al dott. Giovanni Giuliano di ENEA e al prof. Mazzucato Andrea dell'Università della Tuscia, partners del progetto, quali sono i risultati più interessanti emersi finora.

Il primo anno di progetto ha previsto la coltivazione di circa 1.500 lotti di seme corrispondenti a varietà tradizionali di pomodoro provenienti da Italia, Francia, Spagna e Grecia. Il materiale è stato valutato a livello fenotipico sulla base di circa 100 caratteristiche della pianta e della bacca. Tutti i campioni sono stati sottoposti anche all'analisi del DNA (eseguita in modo centralizzato a cura del coordinatore del progetto) e i dati morfologici e genetici saranno utilizzati per estrapolare un gruppo più limitato di varietà su cui eseguire nel secondo anno analisi biochimiche.

Il partner ENEA/UNITUS ha contribuito fornendo circa 200 campioni di varietà tradizionali reperiti nella collezione conservata presso l'Università della Tuscia. Questi materiali, che forniscono una buona rappresentazione dei pomodori tradizionali italiani coltivati soprattutto nelle regioni del Centro Italia, sono stati allevati e caratterizzati presso l'Azienda sperimentale dell'Università. La combinazione delle analisi previste alla fine dello svolgimento del progetto sarà in primo luogo di grande aiuto alla conservazione, al miglioramento e alla valorizzazione di queste tipologie di pomodoro tradizionale.


Analisi di immagine di parametri morfometrici della bacca tramite il software Tomato analyzer.

Uno degli obiettivi più specifici del progetto riguarda la capacità dei frutti di alcune varietà tradizionali di conservarsi freschi anche per mesi senza refrigerazione. Queste varietà, note come "da serbo" (o "de penjar" in spagnolo), devono questa loro caratteristica a tecniche di coltivazione particolari, ma soprattutto alla loro peculiare composizione genetica. Sia le tecniche di coltivazione, che i geni responsabili del fenotipo "da serbo" sono stati selezionati nella Spagna e nell'Italia meridionali durante secoli di coltivazione e consumo.

"Assieme agli altri partner del progetto, stiamo costruendo una mappa genetica delle varietà da serbo con l'obiettivo di trasferire le loro caratteristiche alle varietà moderne. Questo dovrebbe alleviare alcune pratiche usate attualmente nella catena di distribuzione dei pomodori da mensa, che hanno un impatto negativo sulle loro caratteristiche organolettiche, come la raccolta allo stadio verde e la refrigerazione durante lo stoccaggio".

Contatti:
Andrea Mazzucato
Dip. di Scienze Agrarie e Forestali (DAFNE), Università della Tuscia
Email: mazz@unitus.it

Giovanni Giuliano
ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile)
Email: giovanni.giuliano@enea.it

Data di pubblicazione: 18/03/2016
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2017 Fucino: il finocchio Virgo F1 di Bejo soddisfa produttori e commercianti
20/10/2017 Insalate di IV gamma: la perdita di vitamina C dipende dal lavaggio
20/10/2017 SOILVEG lancia un video dimostrativo
19/10/2017 Germania: costi di raccolta in notevole aumento per i funghi
19/10/2017 Australia: quasi il 90% dei pomodori viene rifiutato dai supermercati per l'aspetto estetico
19/10/2017 I pomodori spagnoli tornano sugli scaffali dei supermercati europei
18/10/2017 Usa: record mondiale per una zucca da 960 kg
18/10/2017 E' la Cina che detta legge sul mercato mondiale dell'aglio
18/10/2017 Russia: autonomia nella fornitura di pomodori tra 5 anni
18/10/2017 Le zucche piacciono, meglio ancora se dolci e ben presentate
17/10/2017 SIPO amplia la gamma dei funghi freschi
17/10/2017 Alcune curiosita' sugli spaghetti di verdura de La Linea Verde Dimmidisi'
17/10/2017 Cina: nel 2017 le scorte di aglio sono aumentate rapidamente
16/10/2017 A breve si svolgera' il II Simposio Internazionale del Pomodoro, con un focus su genetica e difesa
16/10/2017 Focus sul mercato globale dell'aglio
16/10/2017 L'innovazione cresce anche nelle verdure con le offerte Sipo
16/10/2017 Il crescione d'acqua e' la verdura piu' sana al mondo
13/10/2017 La Spagna domina i mercati europeo e mondiale dei cetrioli
13/10/2017 Iniziata la stagione dei cardi dolci coltivati nella sabbia
13/10/2017 Esordio sui mercati delle orticole in serra di origine siciliana

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*