Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Marco Eleuteri: la pesca piatta e' un prodotto del tutto differente da quella tonda

E' un dato di fatto: le pesche tradizionali, nonostante alcune annate come quella 2017 connotate da ottima qualità e prezzi abbastanza abbordabili, stanno perdendo appeal presso i consumatori italiani. Ma non tutte le drupacee sono interessate dallo stesso fenomeno: tra i segmenti che si muovono in controtendenza, c'è quello delle pesche piatte. Per comprendere il fenomeno in atto, abbiamo interpellato Marco Eleuteri, tra i principali produttori e innovatori in questo segmento.

"Il problema delle pesche tradizionali è che ce ne sono troppe, con diversi risultati in termini di appetibilità e aroma. La pesca piatta, in questo senso, ha una marcia in più, grazie a un patrimonio genetico che ha consentito a questa specie un'uniformità di gusto che invece non esiste nelle pesche tonde. La pesca piatta è subacida, generalmente a polpa bianca (anche se ci sono pure nuove proposte a polpa gialla). Presenta un contenuto in tenore zuccherino (grado Brix) mediamente elevato. Questa è una delle ragioni per cui il consumatore la preferisce a quella tonda e, quando la prova, torna ad acquistarla".


Pesche piatte a marchio proprietario "Saturnia" dell'az. Eleuteri.

L'azienda Eleuteri opera principalmente nelle Marche, dove annovera una settantina di ettari, anche grazie a una recente acquisizione di ulteriori 20 ettari. "I nostri impianti sono tutti coperti, in modo da mitigare gli effetti del clima - spiega l'imprenditore - Su questo prodotto abbiamo sviluppato un grande know how. La pesca piatta è infatti un frutto delicato, che richiede grande accortezza e specializzazione. La nostra azienda dispone di uno stabilimento dedicato esclusivamente alla lavorazione del frutto".

Il mercato della pesca piatta, nonostante la ricerca italiana fosse stata la prima ad aver sviluppato alcune linee promettente diversi anni fa, è attualmente dominato dalla Spagna. Marco Eleuteri riferisce che la ricerca e il miglioramento varietale in Spagna (ma anche in Francia) si trovano in una fase molto più avanzata rispetto all'Italia e sono tutt'ora estremamente dinamici, con risultati interessanti.

"Non c'è paragone tra la forza della ricerca spagnola e francese in questo campo e le iniziative che conduciamo qui in Italia. Noi siamo praticamente l'unica azienda che sta investendo in questa direzione, nel tentativo di introdurre varietà sempre più gustose. Spesso le proposte più interessanti ci giungono proprio dalla Francia o dalla Spagna. Quest'ultimo paese dedica ingenti risorse e grandi superfici alla sperimentazione. Basti pensare che a Murcia esiste un'azienda sperimentale che, da sola, fa 300 ettari di pesche piatte, contro un totale stimato di 1000 ettari su tutto il territorio nazionale italiano!"

La partita, però, secondo Eleuteri non è perduta in partenza: "La Spagna, dimensionalmente, è un gigante rispetto a noi. Gli Spagnoli hanno pensato ai grandi volumi, a industrializzare una produzione che però negli ultimi anni non consente di ottenere prezzi alla produzione sufficientemente remunerativi. Andare a favorire solo le rese per ettaro o puntare solo sugli aspetti quantitativi rischia di essere penalizzante, in fin dei conti, per un prodotto che era invece geneticamente favorito proprio sul fronte della qualità. E' esattamente questo il lavoro che noi, come azienda italiana, abbiamo fatto: sviluppare un prodotto di nicchia che fosse immediatamente distinguibile e apprezzabile dal consumatore. Siamo molto onorati, in tal senso, di essere stati invitati come caso di studio dall'assessorato agricolo della Catalogna - una delle principali aree spagnole specializzate nella produzione di pesche piatte - in un meeting recente".


Marco Eleuteri

L'azienda Eleuteri sta valutando diverse centinaia di incroci nell'ambito del miglioramento varietale delle platicarpe: "Nessuno di questi incroci ha dato ancora i suoi frutti - precisa l'imprenditore - perché i tempi agricoli sono molto lunghi. Bisogna avere pazienza e soprattutto, anche quando si importano in Italia delle nuove varietà, vanno osservate in campo per almeno 4/5 anni, per assicurarsi che si adattino alle nostre condizioni pedoclimatiche. Inutile lamentarsi se una varietà non rende bene nel nostro clima; soprattutto quando è stata sviluppata altrove, va tenuta attentamente sotto osservazione prima di impiantarla".

Attualmente, l'offerta di pesche piatte dell'azienda Eleuteri è inferiore alla domanda presente sul mercato interno: "Questa è una delle ragioni percui non siamo in grado di esportare. Il mercato italiano è un importatore netto di pesche piatte. Meglio dunque, per ora, concentrarsi sul mercato interno e provare a crescere qui".

Per quanto riguarda invece le nettarine piatte, Eleuteri riferisce che si tratta ancora di un segmento molto minoritario, sia in Italia sia in Spagna: "A causa di una degenerazione genetica, sulla nettarina piatta non si riesce a ottenere continuità. Essa rappresenta solo un 5% di tutto il business delle platicarpe. Francia e Spagna stanno concentrando la ricerca anche in questo segmento, e pure noi avvieremo un progetto in collaborazione con l'Università di Ancona e con lo spagnolo Istituto di Ricerca e Tecnologia Agroalimentare-IRTA. E' chiaro che siamo sempre una singola azienda agricola contro un intero sistema ma naturalmente, se vogliamo crescere, quella della ricerca è l'unica strada".

La prossima campagna della pesca piatta italiana, presso l'azienda Eleuteri, sta cominciando: "La produzione marchigiana è iniziata questa settimana con piccoli quantitativi ed entrerà nel vivo tra una quindicina di giorni, per durare fino al 15/20 agosto. Per quanto riguarda la produzione 2018, non ci aspettiamo minori volumi a livello aziendale. Perdite si sono registrate soltanto sul segmento precoce, in specie nella zona di Battipaglia. Ma in generale, avendo aumentato le superfici produttive, ci attendiamo una stagione in linea con quelle precedenti".

L'Azienda Agricola Eleuteri è associata alla OP Armonia.

Data di pubblicazione: 30/05/2018
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2018 Sudafrica: calibri e qualità eccellenti per le coltivazioni di avocado
22/06/2018 Ancora vietate le esportazioni di mele cinesi verso l'India
22/06/2018 Prezzi stabili e ancora mele disponibili per i produttori polacchi
22/06/2018 La Cina autorizza condizioni migliori per l'export del kiwi italiano
22/06/2018 Dal Sudafrica alla Puglia per una visita nel cuore della produzione di uva da tavola
22/06/2018 Generale flessione dei listini per le drupacee, buona domanda per l'uva da tavola
22/06/2018 Fragole Val Martello: dalla montagna con piu' sapore
21/06/2018 Spagna: i furti di meloni si possono denunciare via WhatsApp
21/06/2018 Nuova Zelanda: due produttori di kiwi ricevono riconoscimento per la coltivazione sostenibile
21/06/2018 Chi si ama si premia con Zespri!
21/06/2018 L'Europa dovrebbe rivolgersi alla Croazia per l'approvigionamento di frutti esotici
21/06/2018 UniBo: le ciliegie Alma Mater a favore delle associazioni di volontariato
21/06/2018 Vendite a rilento per gli ananas sul libero mercato
21/06/2018 AOP Luce: una campagna albicocche deludente, ottimismo sulle varieta' medio-tardive
21/06/2018 Uve egiziane: la resa di quest'anno e' piuttosto limitata
21/06/2018 Fragole al nord, un'annata in rimessa netta
20/06/2018 Una stagione positiva per le ciliegie durone della Valle del Chiampo
20/06/2018 'Speriamo che il bel tempo e i Mondiali di calcio diano una spinta ai consumi'
20/06/2018 Egitto: giornata in campo ARRA™, operatori interessati alle varieta' precoci
20/06/2018 In Nuova Zelanda superati tutti i record, i prezzi dell'avocado raggiungono il massimo storico

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*