Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Disastro Xylella: quando in agricoltura prevale il disprezzo per il metodo scientifico

"La metodologia scientifica, specie se applicata all'agricoltura, viene spesso snobbata se non posta sotto attacco da parte di vasti settori dell'opinione pubblica e della politica"... con risultati devastanti, aggiungiamo noi. Così Marco Sassi osserva in un articolo dal calzante titolo "Il sonno del metodo genera mostri", pubblicato sul sito Risoitaliano.eu e riferito a una conferenza che ha preso in esame il connubio esistente tra carenze culturali, eccessi ideologici e carestie nella vecchia Unione Sovietica.

Ma questo mix micidiale tra propaganda e rifiuto della Scienza ha avuto effetti anche in epoca contemporanea, anche qui da noi, anche in questi ultimi giorni. E' il caso della devastazione di migliaia di ettari di uliveti a causa di un batterio che poteva essere contenuto e forse anche sconfitto, se non fosse stato per lo "sgambetto" operato dai pregiudizi nei confronti del metodo scientifico. Con danni irrimediabili per un intero comparto produttivo della nostra agricoltura.

Ancora oggi, nonostante un Decreto Ministeriale che obbliga a quattro trattamenti fitosanitari contro l'insetto vettore principale della Xylella, trattamenti importanti e indifferibili, necessari, e che devono essere messi in campo, senza proroghe o ostacoli di carattere amministrativo e legale, ci si trova a doversi scontrare con le ordinanze di alcuni sindaci, che ne vietano l'impiego senza alcuna motivazione plausibile.


L'assessore regionale pugliese all'Agricoltura, Leonardo Di Gioia, reduce da un incontro tenutosi nelle sede di Anci Puglia con i sindaci locali, ha sottolineato: "I trattamenti con i fitofarmaci sugli ulivi per contrastare l'avanzata della Xylella sono obbligatori e dobbiamo farli in questo mese (maggio 2018, NdR): non dobbiamo commettere lo stesso errore di quando ci fu chiesto di tagliare alcuni alberi e si arrivò alle vie legali, tutt'ora pendenti. Dobbiamo avere responsabilità. Sono trattamenti dolorosi, però consentiti e non pericolosi allo stato dell'arte della scienza e della medicina, essendo autorizzati dal ministero della Sanità, e indicati dal ministero dell'Agricoltura come idonei a contrastare l'insetto vettore".

Tra l'altro, esiste una gamma di prodotti utilizzabili, tra cui scegliere: "Anche quei sindaci che avessero particolari sensibilità nei confronti di alcuni prodotti potrebbero chiedere ai propri cittadini di utilizzarne altri, adempiendo così alle prescrizioni del decreto e delle regole regionali", ha aggiunto Di Gioia.



Ma nonostante le indicazioni di Ministero e Assessorato, il braccio di ferro con alcuni sindaci prosegue, amplificando quelle stesse irrazionali resistenze alla tempestiva eradicazione delle piante infette, che hanno condotto alla situazione catastrofica attuale.

Nel frattempo, dall'Europa è arrivata una nuova stretta: lo scorso 23 maggio 2018 il comitato UE per la salute delle piante ha approvato la proposta della Commissione Europea di estendere l'attuale area di quarantena per la Xylella di circa 20 km verso il nord della Puglia, comprendendo quindi anche la provincia di Bari e la Valle d'Itria. L'attuale "area demarcata", ossia la fascia di contenimento della fitopatia, è già larga 20 km e taglia la penisola salentina dalla costa adriatica poco sotto Bari a quella ionica vicino a Taranto.

"Sono arrivati al pettine – ha commentato a tal proposito il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti - tutti i nodi provocati da inadempienze e superficialità che risalgono addirittura alla fine del 2015, quando la Commissione inviò all'Italia la prima lettera di costituzione in mora per il mancato adempimento degli obblighi in materia di lotta alla Xylella".

Confagricoltura ricorda che da allora sono trascorsi più di due anni, e lo scorso 17 maggio è arrivato il formale deferimento alla Corte di Giustizia, per non aver impedito in modo adeguato la diffusione dell'organismo nocivo.


In conclusione, l'unica strada rimasta all'Assessorato regionale pugliese sembrerebbe quella di adire la via giudiziaria, impugnando i decreti e le ordinanze comunali che impediscono l'uso dei fitofarmaci, in quanto in contrasto con norme europee, nazionali e regionali. Quando la Scienza va difesa in Tribunale, però, è sempre un brutto segno di tempi oscurantisti... Galileo Galilei docet.

Data di pubblicazione: 25/05/2018
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:


Analisi degli alimenti per individuare la regolarita' dei trattamenti fitosanitari

Agro.Biolab Laboratory. Residui da fitofarmaci e nuovi contaminanti

"Oltre ai contaminanti alimentari conosciuti ormai da decenni, ne esistono altri individuati solo di recente, i cosiddetti contaminanti emergenti. L'acqua, il suolo e i fertilizzanti sono oggi considerati come nuove potenziali fonti di contaminazione negli alimenti". A prendere in esame la problematica è.....

Il settore orticolo nell'UE: le statistiche

Il settore ortofrutticolo dell'UE vede protagonisti, per percentuali più rilevanti di produzione, commercio e lavorazione, alcuni Stati membri, mentre molti altri rappresentano individualmente volumi trascurabili. I due terzi della popolazione dell'UE-28 consumano almeno una porzione di frutta e verdura al.....

La testimonianza di un operatore del Mercabarna

Clandestini nascosti in un carico di zucche bloccato al porto di Tunisi: la storia si ripete

La vicenda s'è già presentata in passato: clandestini nascosti nei camion di frutta e verdura con la speranza di entrare in un nuovo Paese e scampare alle proprie disgrazie in patria. Protagonista di un recente episodio, risalente al 2 giugno scorso, è un camion di zucche, bloccato all'imbarco al porto di.....

Spagna in crescita

Drastica riduzione per il raccolto stagionale di albicocche in Italia: tutte le previsioni per il 2018

La coltivazione dell'albicocco in Italia prosegue con tendenza all'incremento del potenziale produttivo, aumento in atto da alcuni anni nel nostro Paese. L'espansione è stata frutto di diversi fattori, che insieme, hanno reso buone prospettive alla coltivazione fra cui: l'evoluzione delle tecniche colturali,.....

Il biologico rischia di morire di burocrazia

Troppa burocrazia uccide anche il biologico. Se ne è parlato al talk show "Dal convenzionale al biologico" dove alcuni fra i protagonisti del comparto hanno esaminato l'evoluzione del settore negli ultimi decenni cercando di approfondire gli attuali punti di debolezza. L'evento è stato organizzato da.....

Il Prof. Antonino Catara interviene sul tema del mal secco del limone

Riceviamo e volentieri pubblichiamo le seguenti osservazioni da parte del Prof. Antonino Catara, già ordinario di Patologia vegetale, Delegato alla Ricerca nell'Università di Catania e Presidente del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia, sul tema del mal secco del limone, che stiamo affrontando in.....

Se n'e' discusso a Noto (SR)

Obblighi per i produttori in materia di sicurezza alimentare. E il valore dei prodotti?

VIDEO L'evoluzione del sistema agroalimentare, con il passaggio da un'agricoltura tradizionale a quella moderna, è sempre più soggetta all'innovazione ed è cresciuta assieme ai cambiamenti socio-economici e culturali dei nostri tempi. Allo stesso modo si è evoluta la sicurezza alimentare e la normativa che la.....

La Xylella non cammina se non sulle gambe della disinformazione

In risposta al nostro articolo sul disastro Xylella come diretta conseguenza dell'irrazionale opposizione alle risposte della scienza (cfr. notizia), il Prof. Francesco Giulio Crescimanno dell'Università di Palermo ci ha fornito il suo parere: "Con riferimento alla lotta alla Xylella che continua a.....

L'ispirazione porta innovazione sul mercato greco

Seppure quello greco è un mercato tradizionale che attraversa una crisi finanziaria, Vasilis Bogdanis di Bogdanis Import Export è stato ispirato da tutte le grandi innovazioni viste a Fruit Logistica e ha voluto portarle in Grecia. "Abbiamo cominciato cinque anni fa importando mix di insalate italiane per il.....

Quali soluzioni per la crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola?

Le aziende agricole, per loro natura giuridica, non possono essere dichiarate fallite. E' partito da questo presupposto il convegno dal tema: "Strumenti di risoluzione della crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola" tenutosi lo scorso 18 maggio 2018 nella sede dell'Ordine dei commercialisti di.....

Urs Luder: 'La varieta' si adatta bene al profilo di gusto del consumatore europeo attuale'

Transizione fluida verso le mele Kanzi dell'emisfero sud

Le prime mele Kanzi dell'emisfero sud sono arrivate sul mercato europeo. L'amministratore delegato Urs Luder, direttore della varietà Kanzi per GKE, sembra soddisfatto della campagna europea. "Nonostante non sia stata una stagione facile per il settore delle mele, possiamo concludere che la Kanzi ha saputo.....

La testimonianza di Greg Vicherat (Halls)

'Evitiamo che l'avocado diventi un prodotto di lusso'

La storia dell'avocado è una storia di successo. A livello globale, il consumo continua a crescere a doppia cifra. I coltivatori stanno incrementando la produzione, ma nonostante le attuali percentuali di semina, non riescono a tenere il passo con la velocità di crescita dei consumi. "C'è ancora spazio sul.....

Meta' della produzione olandese di ortaggi in serra va in Germania e Regno Unito

Le verdure prodotte in serra rappresentano quasi la metà delle esportazioni complessive di frutta e verdura coltivate nei Paesi Bassi. Le cipolle sono il prodotto più importante in termini di quantità, ma subito dopo ci sono orticole da serra come pomodori, peperoni e cetrioli.Per quanto riguarda la.....

L'imballaggio EPS per estendere la shelf life dell'uva da tavola

Per quanto riguarda le uve, la difficoltà è che cominciano a deteriorarsi non appena vengono raccolte. Pertanto estendere la shelf life del prodotto è fondamentale per aiutare i punti vendita a risparmiare denaro e ridurre lo spreco alimentare.Imballare e spedire le uve in contenitori in polistirolo espanso.....

Sistema di Supporto Decisionale OPI

Smart Agriculture: Evja propone sensori e algoritmi predittivi

Evja è una startup con sede a Napoli, attiva nella Smart Agricolture e partner di RWA e BayWa (tra le maggiori aziende del mercato agricolo austriaco e tedesco). Il suo prodotto, OPI, è un Sistema di Supporto Decisionale per aziende agricole basato su sensori e algoritmi previsionali. OPI è.....

Regio'Com: la guida alle migliori pratiche per la promozione di frutta e verdura in Europa

Per contrastare la stagnazione del consumo di frutta e verdura in Europa, che rappresenta una sfida importante per il nostro settore, AREFLH ha voluto evidenziare un certo numero di azioni di promozione e di educazione alimentare attuate nelle sue regioni, sottolineandone la ricchezza e la diversità.La guida.....

 

Commenti:


Grazie a Rossella Gigli per l'intervento a difesa della coltura scientifica contro i comportamenti irrazionali di una parte di amministratori pubblici coinvolti nel problema della moria degli ulivi. Diceva Isaac Asimov che "se la conoscenza può creare problemi, non è attraverso l’ignoranza che questi si possono risolvere”. Grazie ancora per l'intervento illuminato.
Raffaele Testolin, Udine, Italia (email) - 27/05/2018 13:32:21


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*