Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A colloquio con l'avvocato Gualtiero Roveda, consulente Fruitimprese

Agricoltori anello debole della filiera: lo ha capito anche l'Europa. Il rimedio

Gli agricoltori e le PMI (Piccole medie imprese) sono notoriamente gli attori più deboli della filiera agroalimentare, in quanto privi di potere contrattuale nei confronti dei distributori e quindi particolarmente vulnerabili alle pratiche commerciali sleali.

In occasione della recente Assemblea annuale di Fruitimprese, Paolo De Castro, primo vicepresidente della Commissione agricoltura dell'Europarlamento, ha commentato la proposta di direttiva della Commissione europea, di cui sarà il relatore, volta a regolamentare i rapporti tra le imprese per ridurre le criticità del funzionamento della filiera ortofrutticola. Approfondiamo l'argomento con l'avvocato Gualtiero Roveda, consulente di Fruitimprese.

FreshPlaza (FP): Sembra che l'Europa abbia finalmente preso atto della debolezza contrattuale dei produttori agricoli, accresciuta dalle recenti congiunture economiche, e cerchi di porvi rimedio.
Gualtiero Roveda (GR): Era ora. Le inefficienze che si verificano nell'ambito delle relazioni contrattuali incidono negativamente sul funzionamento dell'intera filiera, riflettendosi inevitabilmente anche sui consumatori. E' vero che i rapporti contrattuali tra imprese sono essenzialmente privati. Tuttavia, sono relazioni economiche intimamente collegate all'interesse pubblico di avere una struttura di mercato equilibrata e concorrenziale. La continua contrazione dei margini di guadagno determina l'indebolimento complessivo della capacità competitiva delle imprese agricole e delle PMI, impedendo loro di fare investimenti in nuove varietà e tecnologie per innovare i processi produttivi. Nel lungo periodo, la circostanza si ripercuoterà inevitabilmente su tutta la filiera ortofrutticola, con pregiudizio di tutte le sue componenti. In ragione di ciò, è molto sentita l'esigenza di una regolamentazione a livello europeo dei rapporti tra gli operatori coinvolti.

FP: Cosa si intende per pratica commerciale sleale?

GR: Sono tali quelle pratiche che si discostano decisamente dalla buona condotta commerciale, in quanto in contrasto con i principi di buona fede e correttezza contrattuale. Sono diffuse nel settore ortofrutticolo per due ordini di fattori: la sostanziale diversità strutturale ed economica degli operatori coinvolti e la stagionalità del prodotto che limita la durata delle negoziazioni.



FP: In che modo pensa di intervenire la Commissione Ue?
GR:
La Commissione, attraverso una logica di filiera, intende focalizzare l'attenzione sui rapporti contrattuali a monte e a valle dell'attività agricola, proibendo le pratiche commerciali sleali più dannose, quali i pagamenti tardivi per i prodotti deperibili, la cancellazione degli ordini all'ultimo momento, le modifiche unilaterali o retroattive ai contratti. Per altre pratiche, invece, la Commissione chiede sia formalizzato tra le parti un accordo "chiaro e privo di ambiguità".

FP: Quali pratiche ricadrebbero in questa "lista grigia" della Commissione?
GR:
Sono quelle per cui l'acquirente restituisce al fornitore prodotti alimentari rimasti invenduti o gli impone un pagamento per assicurare o mantenere un accordo di fornitura. Dovrà anche essere regolamentata la partecipazione del venditore ai costi legati alla promozione o al marketing dei prodotti alimentari venduti dall'acquirente.

Data di pubblicazione: 02/05/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

13/07/2018 Uvitaly esalta le peculiarita' delle uve da tavola del Sud Italia in un mercato altamente globalizzato
12/07/2018 Video sulle buone pratiche di rotazione delle colture pubblicato da IFOAM
11/07/2018 Il biologico di Canova investe sul futuro: in un anno assunti 12 giovani tecnologi alimentari e agronomi di talento
11/07/2018 L'AgriAcademy di Ismea fa tappa a Bologna
11/07/2018 La siciliana Ecofaber celebra 20 anni
10/07/2018 Le Op siano di medie dimensioni e non troppo grandi
09/07/2018 L'azienda ispicese Agriblea indossa la maglietta rossa per il dramma dei migranti
05/07/2018 Il modello ortofrutticolo da seguire e' quello olandese
04/07/2018 Quali elementi per l’innovazione nel settore dei pomodori?
04/07/2018 Piu' legalita' per le arance di Sicilia
03/07/2018 Associazione Le Donne dell'Ortofrutta: un bilancio a sei mesi dalla costituzione
02/07/2018 Agrumi: COA dice no ai fenomeni degenerativi del mercato del lavoro
02/07/2018 Negli Stati Uniti possono verificarsi problemi con il recupero dei crediti
29/06/2018 Le imprese italiane sono sempre piu' sostenibili, ma non lo comunicano
29/06/2018 Vivai Cecere: il mondo agricolo guarda all'avanzamento tecnologico
29/06/2018 Perche' abbandonare l'azienda, quando basta rivolgersi a un professionista?
29/06/2018 Piu' dati raccogli, piu' le previsioni sulle produzioni saranno accurate
27/06/2018 Al via l'Agriacademy di Ismea
27/06/2018 Vigilanza e tutela internazionale al centro di un seminario a Pachino
26/06/2018 Il gruppo Anton Durbeck annuncia l'arrivo della quinta generazione in azienda

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*