Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La preoccupazione di Simona Caselli, assessore agricoltura Emilia Romagna

L'allarme: il 2 maggio l'Europa decide sulla PAC e l'Italia non esiste

"Il 2 maggio 2018 l'Unione Europea deciderà sulla PAC 2020-2027 e noi Italiani non ci siamo. Invito tutte le istituzioni, le associazioni, le organizzazioni, a farsi sentire, in modo da poter colmare questo tremendo vuoto". Così Simona Caselli, assessore regionale all'agricoltura dell'Emilia Romagna, ha concluso un convegno che si è tenuto venerdì 13 aprile 2018 a Ravenna presso la cooperativa Agrisfera.



"Stanno decidendo la nuova PAC e noi Italiani siamo senza rappresentante governativo - ha detto Caselli - La situazione è drammatica. Noi come Regione ci stiamo muovendo non in solitaria, ma come rete di Regioni, che però si sentono sole. Sappiamo che Paolo De Castro è in prima linea, ma non è un esponente del Governo italiano".



L'assessore è entrata nel merito della questione. "Siamo preoccupati per la prossima PAC, perché si rischia una decurtazione dei fondi per un 15-30% in meno. Se si giungesse a un -30%, sarebbe catastrofico, ma già un taglio del 15% sarebbe una brutta botta. Nel dettaglio, al bilancio UE mancano 25 miliardi di euro: 12 a causa della Brexit, 13 a causa di sopraggiunte politiche comunitarie. La preoccupazione è che parte di questi 25 miliardi vengano prelevati dal budget destinato all'agricoltura".



Già un calo del 15% sarebbe devastante, secondo Caselli. La soluzione sarebbe che ogni Stato membro aumentasse la quota di PIL da mettere nel calderone europeo, passando dall'1% all'1,1%. La Germania avrebbe già espresso la propria disponibilità, ma altre nazioni hanno dato parere negativo. Sono giorni convulsi, quindi, ma l'Italia è assente non solo perché senza Governo, ma anche perché il precedente ministro ha deciso di piantare "baracca e burattini" e dimettersi per pensare al proprio partito.

"In definitiva - ha concluso Caselli - la Brexit rischiano di pagarla gli agricoltori. Sia direttamente perché potrebbe diminuire il budget per gli investimenti, sia per qualche problema nell'export".

Data di pubblicazione: 16/04/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/04/2018 L'Albania e' il tesoro nascosto dell'Europa
20/04/2018 Da un prodotto biologico ci si aspetta anche un imballaggio sostenibile
20/04/2018 Approvato regolamento sul biologico: le nuove regole UE criticate dall'Italia
20/04/2018 Grande successo per le riunioni tecniche di Arrigoni in Sicilia
20/04/2018 Che fine fanno le normative italiane sull'etichettatura dopo l'approvazione del Reg. UE?
19/04/2018 Croazia: calo nella produzione di mandaranci, pere, susine, brassiche, carote, aglio e cipolla
19/04/2018 Dallo Sri Lanka per incontrare clienti europei
19/04/2018 Empack e Packaging Innovations: il reportage fotografico
18/04/2018 Zerbinati partner di Vanity Fair alla Design Week
18/04/2018 Serbia: controllo straordinario di tutti gli importatori ortofrutticoli
18/04/2018 UE: consenso unanime dei ministri dell'Agricoltura alle norme sulle pratiche sleali
18/04/2018 Estensione d'impiego di Decis Evo di Bayer per il controllo dell'insetto vettore di Xylella fastidiosa
18/04/2018 Un sacchetto per le mele progettato per essere differente
17/04/2018 Il Gruppo La Linea Verde con Ortomad in mostra al Fuorisalone con 1DERBOX
17/04/2018 Il Rublo perde di valore a causa delle nuove sanzioni USA
17/04/2018 EVEO: accordo in esclusiva per l'Italia con IPAG e nuovo brand
17/04/2018 Una delegazione dell'ambasciata cubana incontra le cooperative associate a Legacoop Lazio
17/04/2018 Isola robotizzata della Morgante Engineering and Systems per produttori di succhi confezionati
17/04/2018 UE: ok all'indicazione di origine in etichetta sull'ingrediente principale
17/04/2018 CSO Italy approva un bilancio positivo e si prepara al proprio ventennale di attivita'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*