Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La preoccupazione di Simona Caselli, assessore agricoltura Emilia Romagna

L'allarme: il 2 maggio l'Europa decide sulla PAC e l'Italia non esiste

"Il 2 maggio 2018 l'Unione Europea deciderà sulla PAC 2020-2027 e noi Italiani non ci siamo. Invito tutte le istituzioni, le associazioni, le organizzazioni, a farsi sentire, in modo da poter colmare questo tremendo vuoto". Così Simona Caselli, assessore regionale all'agricoltura dell'Emilia Romagna, ha concluso un convegno che si è tenuto venerdì 13 aprile 2018 a Ravenna presso la cooperativa Agrisfera.



"Stanno decidendo la nuova PAC e noi Italiani siamo senza rappresentante governativo - ha detto Caselli - La situazione è drammatica. Noi come Regione ci stiamo muovendo non in solitaria, ma come rete di Regioni, che però si sentono sole. Sappiamo che Paolo De Castro è in prima linea, ma non è un esponente del Governo italiano".



L'assessore è entrata nel merito della questione. "Siamo preoccupati per la prossima PAC, perché si rischia una decurtazione dei fondi per un 15-30% in meno. Se si giungesse a un -30%, sarebbe catastrofico, ma già un taglio del 15% sarebbe una brutta botta. Nel dettaglio, al bilancio UE mancano 25 miliardi di euro: 12 a causa della Brexit, 13 a causa di sopraggiunte politiche comunitarie. La preoccupazione è che parte di questi 25 miliardi vengano prelevati dal budget destinato all'agricoltura".



Già un calo del 15% sarebbe devastante, secondo Caselli. La soluzione sarebbe che ogni Stato membro aumentasse la quota di PIL da mettere nel calderone europeo, passando dall'1% all'1,1%. La Germania avrebbe già espresso la propria disponibilità, ma altre nazioni hanno dato parere negativo. Sono giorni convulsi, quindi, ma l'Italia è assente non solo perché senza Governo, ma anche perché il precedente ministro ha deciso di piantare "baracca e burattini" e dimettersi per pensare al proprio partito.

"In definitiva - ha concluso Caselli - la Brexit rischiano di pagarla gli agricoltori. Sia direttamente perché potrebbe diminuire il budget per gli investimenti, sia per qualche problema nell'export".

Data di pubblicazione: 16/04/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2018 Registro unico dei produttori biologici in Russia
20/07/2018 Inflazione: a giugno +1,3% su base annua, i prezzi della frutta salgono del +7,9%
20/07/2018 Anomalie climatiche per Paese dal 1900 al 2016: guarda il video!
20/07/2018 Fucino: entro 4 mesi gli interventi per contrastare la siccita'
20/07/2018 Siccita': situazione difficile in Europa
20/07/2018 Sud Italia: 21 Investimenti entra nel capitale di Carton Pack
19/07/2018 Francia e Germania sono unite contro i tagli ai fondi della PAC
19/07/2018 Agrinsieme: consumo di suolo, si aggrava la situazione
19/07/2018 Certificazione QS: ora e' possibile anche per le aziende certificate GlobalGAP Opzione 2
19/07/2018 Tutti dovremmo fare qualcosa per cambiare il mondo. E non solo nel settore del packaging
19/07/2018 Sicilia: progetto Med-Gold per rispondere ai cambiamenti climatici
19/07/2018 Anche in Cina cresce il ruolo della confezione nella presentazione della frutta
18/07/2018 Stati Uniti: successo per l'Organic Produce Summit, buona l'affluenza
18/07/2018 Lo sviluppo del mercato biologico francese
18/07/2018 La Cina potrebbe salvare i produttori ortofrutticoli serbi
18/07/2018 Giansanti (Confagricoltura): senza PAC l'agricoltura italiana non ha futuro
18/07/2018 La regione piu' innovativa d'Europa e' l'Emilia Romagna
18/07/2018 Vertice Ue‑Giappone: una tappa storica per gli scambi commerciali e la cooperazione
18/07/2018 Italia a due velocita': maltempo al nord, vento e siccita' in Sicilia
17/07/2018 I principali importatori mondiali del 2017

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*