Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A colloquio con Mauro Laghi, direttore di Alegra

Per il kiwi un finale di mercato in crescendo

"In queste ultime settimane c'è una ripresa nella richiesta di kiwi. Considerando le scorte che abbiamo, arriveremo a rifornire i clienti sino a fine maggio, così da non lasciare vuoti di fornitura rispetto al prodotto proveniente dall'altro emisfero". Così Mauro Laghi, direttore di Alegra, comincia tirare le somme sulla stagione del kiwi.


Mauro Laghi

"Le grandi catene si sono svegliate e hanno avviato alcune promozioni, mettendo al centro dell'attenzione i kiwi. Si tratta di azioni che riguardano per lo più calibri medi, quindi proprio quelli che vi sono in abbondanza. In tal modo andiamo a bilanciare le uscite, dato che in genere hanno miglior mercato i calibri maggiori".



Da cosa è causato questo ritrovato interesse per il kiwi? C'è una serie di concause, prima fra tutte l'andamento meteo che fa assomigliare questa primavera a un autunno. Le mele sono poche, le fragole hanno avuto vuoti produttivi e la tipologia kiwi ne ha approfittato.

"Il prodotto neozelandese - aggiunge Laghi - sarà in ritardo di circa 15 giorni. Perciò si prospetta un finale di campagna interessante. Da registrare che il prodotto greco, invece che terminare a febbraio, lo abbiamo visto sui mercati fino ai primi di aprile. In generale, ci aspettavamo un mercato più brillante e sarà da verificare quanto gli ultimi colpi di coda potranno migliorare la media".



Circa la qualità, Laghi conferma che è ancora molto buona, ma occorre pensare già alla prossima stagione. "Il consumatore compra kiwi se è buono e, al giorno d'oggi, si deve poter mangiare con il cucchiaio. Quindi la columella non deve mai essere dura e legnosa. Come raggiungere questo obiettivo? In linea di massima, va raccolto al momento giusto e non in anticipo, con un buon grado brix e conservato a dovere".

Circa l'aumento dei consumi del giallo, Laghi conferma che l'interesse per questa tipologia è forte, ma anche il verde piace: "L'importante - conclude - è che sia un buon prodotto con giusto equilibrio fra acidità e grado brix. Ribadisco: gestione in campo, raccolta al momento giusto e conservazione sono fondamentali".

Contatti
Alegra Soc. Coop. Agricola
Via G. Galilei, 5
48018 Faenza (RA)
Tel: (+39) 0546 624401
Fax: (+39) 0546 622513
Email: info@alegrait.com
Web: www.alegrait.com 

Data di pubblicazione: 13/04/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/04/2018 Le Canarie promuovono la coltivazione del frutto della passione
20/04/2018 USA: domanda stabile per i kiwi almeno fino alla chiusura delle scuole
20/04/2018 Guatemala: la stagione del rambutan mostra una crescita notevole
20/04/2018 Gli ananas ecuadoriani di varieta' MD2 sono arrivati in Spagna
20/04/2018 Finalmente un mercato stabile per l'avocado, anche grazie alle promozioni al dettaglio
20/04/2018 Cina: le ciliegie sotto serra hanno una marcia in piu'
20/04/2018 èSquisita! si presenta alla Milano Design Week 2018
20/04/2018 Polonia: aiuto per ritirare mele, pere, susine e pesche dal mercato
19/04/2018 Offerta continuativa di Noci Pecan Italia grazie all'azienda Sirgole
19/04/2018 Le prime pesche spagnole arrivano con un po' di ritardo
19/04/2018 Ciliegie sotto serra al nord, raccolta imminente
19/04/2018 Ispica: si spera nella campagna delle angurie
19/04/2018 Questa stagione e' stata spettacolare per i produttori di kiwi greci
19/04/2018 Cinque trucchi per far maturare l'avocado
19/04/2018 Costa Rica: vendite di ananas aumentate del 19% in quattro anni
19/04/2018 Canarie: i coltivatori di avocado esigono maggiori controlli
18/04/2018 Tre vivaisti italiani a supporto dell'agricoltura albanese
18/04/2018 Giappone: coppia di mango venduta a piu' di 3000 euro
18/04/2018 La ciliegia come frutto innovativo: nuove varieta' a disposizione
18/04/2018 Coldiretti Campania: le proposte per la rinascita della castanicoltura

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*