Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A colloquio con Mauro Laghi, direttore di Alegra

Per il kiwi un finale di mercato in crescendo

"In queste ultime settimane c'è una ripresa nella richiesta di kiwi. Considerando le scorte che abbiamo, arriveremo a rifornire i clienti sino a fine maggio, così da non lasciare vuoti di fornitura rispetto al prodotto proveniente dall'altro emisfero". Così Mauro Laghi, direttore di Alegra, comincia tirare le somme sulla stagione del kiwi.


Mauro Laghi

"Le grandi catene si sono svegliate e hanno avviato alcune promozioni, mettendo al centro dell'attenzione i kiwi. Si tratta di azioni che riguardano per lo più calibri medi, quindi proprio quelli che vi sono in abbondanza. In tal modo andiamo a bilanciare le uscite, dato che in genere hanno miglior mercato i calibri maggiori".



Da cosa è causato questo ritrovato interesse per il kiwi? C'è una serie di concause, prima fra tutte l'andamento meteo che fa assomigliare questa primavera a un autunno. Le mele sono poche, le fragole hanno avuto vuoti produttivi e la tipologia kiwi ne ha approfittato.

"Il prodotto neozelandese - aggiunge Laghi - sarà in ritardo di circa 15 giorni. Perciò si prospetta un finale di campagna interessante. Da registrare che il prodotto greco, invece che terminare a febbraio, lo abbiamo visto sui mercati fino ai primi di aprile. In generale, ci aspettavamo un mercato più brillante e sarà da verificare quanto gli ultimi colpi di coda potranno migliorare la media".



Circa la qualità, Laghi conferma che è ancora molto buona, ma occorre pensare già alla prossima stagione. "Il consumatore compra kiwi se è buono e, al giorno d'oggi, si deve poter mangiare con il cucchiaio. Quindi la columella non deve mai essere dura e legnosa. Come raggiungere questo obiettivo? In linea di massima, va raccolto al momento giusto e non in anticipo, con un buon grado brix e conservato a dovere".

Circa l'aumento dei consumi del giallo, Laghi conferma che l'interesse per questa tipologia è forte, ma anche il verde piace: "L'importante - conclude - è che sia un buon prodotto con giusto equilibrio fra acidità e grado brix. Ribadisco: gestione in campo, raccolta al momento giusto e conservazione sono fondamentali".

Contatti
Alegra Soc. Coop. Agricola
Via G. Galilei, 5
48018 Faenza (RA)
Tel: (+39) 0546 624401
Fax: (+39) 0546 622513
Email: info@alegrait.com
Web: www.alegrait.com 

Data di pubblicazione: 13/04/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2018 Basilicata: disponibile online la carta vocazionale del nocciolo
20/07/2018 Avocado: le differenze tra le varieta' Hass e Fuerte
20/07/2018 La stagione italiana delle uve procede senza intoppi
20/07/2018 Piante danneggiate dai topi: un fenomeno in aumento
19/07/2018 Esportazioni di uva turca aumentate di oltre l'85 per cento nel 2017
19/07/2018 Tunisia: proventi delle esportazioni di frutta in crescita del 51%
19/07/2018 Positive contrattazioni per la frutta estiva, flessione fisiologica dei listini delle pesche
19/07/2018 Inizia la raccolta di Romagna Summer, nettarina con elevati calibri e Brix
19/07/2018 Fichi, un articolo caratterizzato da alti e bassi
19/07/2018 Europa: ottima accoglienza per due nuove varieta' di mirtilli
18/07/2018 Europa nord-occidentale: il mango Kent resta il preferito, ma il Palmer guadagna terreno
18/07/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 luglio 2018
18/07/2018 Quando un telo diventa alleato della colorazione di uva da tavola Crimson
18/07/2018 Angurie a fette: meglio tenerle a temperatura controllata
18/07/2018 Ortofruit Italia apre la stagione delle pesche con una strategia tricolore
17/07/2018 Bosnia ed Erzegovina: sospiro di sollievo per i melicoltori
17/07/2018 The Greenery amplia l'assortimento di Sweet and Sunny
17/07/2018 Rese basse ma ottima qualita' per le fragole di montagna
17/07/2018 Presentazione della frutta in cassetta: suggerimenti per evitare l'autogol
17/07/2018 Nocciolo in Piemonte: dall'impianto alla coltivazione, le nuove pratiche

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*