Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Poco calcio innesca accumulo di lignina e 'hard end' nelle pere

L'hard end è un disturbo fisiologico delle pere che colpisce i tessuti nella cavità calicina dei frutti maturi: i tessuti colpiti sono induriti e secchi e, nei casi più gravi, imbruniscono. Questo disturbo è stato segnalato principalmente nella maggior parte delle cultivar europee, come Bartlett, Anjou e Winter Nelis; ma negli ultimi anni, è stato frequentemente osservato nella varietà Whangkeumbae.

"Poiché i meccanismi responsabili dell'hard end sono poco conosciuti, abbiamo esplorato le cause di tale disturbo nelle pere Whangkeumbae in relazione alla carenza di calcio" – spiegano i ricercatori della Facoltà di Agraria di Qingdao della provincia di Shandong (Cina).

"Durante lo sviluppo dei frutti, si è osservato che il rapporto di calcio/azoto, calcio/potassio, calcio/magnesio e il contenuto di boro erano significativamente inferiori nei frutti colpiti da hard end rispetto ai frutti normali senza questo disordine fisiologico. Si sono registrati valori inferiori, senza che fosse stata rilevata alcuna carenza di calcio nel terreno e nelle foglie del frutteto in cui si trovavano i frutti hard end", continuano i ricercatori. "Inoltre, a 90 giorni dopo l'antesi, anche la traslocazione di calcio nel calice del frutto colpito da hard end era inferiore a quella del frutto normale".

Durante lo sviluppo del frutto, i livelli di calcio libero e di riserva nelle cellule della polpa delle pere hard end sono risultati inferiori rispetto a quelli delle pere normali, mentre una tendenza opposta è stata osservata alla raccolta, cioè a 120 giorni dopo l'antesi. Si è scoperto che nel frutto hard end aumenta l'espressione del gene relativo al trasporto di calcio (up-regulation), ma diminuisce l'espressione dei geni relativi al sensore del calcio (down-regulation).

Per alleviare il problema, i ricercatori hanno distribuito una soluzione di cloruro di calcio al 2% (CaCl2) che ha inibito il tasso di incidenza dell'hard end, ha diminuito la compattezza del frutto e l'accumulo di lignina durante lo stoccaggio. Inoltre, il rapporto di calcio/azoto, calcio/potassio, calcio/magnesio e il contenuto di boro sono tutti aumentati alla raccolta. Lo studio suggerisce che una bassa traslocazione di calcio provoca una minor concentrazione di calcio nel frutto, che si traduce in uno squilibrio intracellulare di calcio e di conseguenza innesca lo sviluppo dell'hard end.

Fonte: Wang Yuling, Zhang Xinfu, Wang Yongzhang, Yang Shaolan, Qu Haiyong, 'The changes of intracellular calcium concentration and distribution in the hard end pear (Pyrus pyrifolia cv. 'Whangkeumbaè) fruit', 2018, Cell Calcium, Vol. 71, pag. 15-23.

Data di pubblicazione: 09/01/2018
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2018 Sudafrica: calibri e qualità eccellenti per le coltivazioni di avocado
22/06/2018 Ancora vietate le esportazioni di mele cinesi verso l'India
22/06/2018 Prezzi stabili e ancora mele disponibili per i produttori polacchi
22/06/2018 La Cina autorizza condizioni migliori per l'export del kiwi italiano
22/06/2018 Dal Sudafrica alla Puglia per una visita nel cuore della produzione di uva da tavola
22/06/2018 Generale flessione dei listini per le drupacee, buona domanda per l'uva da tavola
22/06/2018 Fragole Val Martello: dalla montagna con piu' sapore
21/06/2018 Spagna: i furti di meloni si possono denunciare via WhatsApp
21/06/2018 Nuova Zelanda: due produttori di kiwi ricevono riconoscimento per la coltivazione sostenibile
21/06/2018 Chi si ama si premia con Zespri!
21/06/2018 L'Europa dovrebbe rivolgersi alla Croazia per l'approvigionamento di frutti esotici
21/06/2018 UniBo: le ciliegie Alma Mater a favore delle associazioni di volontariato
21/06/2018 Vendite a rilento per gli ananas sul libero mercato
21/06/2018 AOP Luce: una campagna albicocche deludente, ottimismo sulle varieta' medio-tardive
21/06/2018 Uve egiziane: la resa di quest'anno e' piuttosto limitata
21/06/2018 Fragole al nord, un'annata in rimessa netta
20/06/2018 Una stagione positiva per le ciliegie durone della Valle del Chiampo
20/06/2018 'Speriamo che il bel tempo e i Mondiali di calcio diano una spinta ai consumi'
20/06/2018 Egitto: giornata in campo ARRA™, operatori interessati alle varieta' precoci
20/06/2018 In Nuova Zelanda superati tutti i record, i prezzi dell'avocado raggiungono il massimo storico

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*