Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un quarto della Terra rischia di diventare un deserto

Nuovo allarme degli scienziati sulle conseguenze del riscaldamento globale del pianeta. Secondo un team di scienziati, se le temperature globali saliranno di 2° Celsius rispetto ai livelli preindustriali oltre il 25% della Terra rischia di diventare un deserto arido.

In uno studio pubblicato su Nature Climate Change, un team di ricercatori della University East Anglia nel Regno Unito e della Southern University of Science and Technology in Cina hanno realizzato una nuova ricerca che suggerisce che circa un quarto del globo potrebbe essere lasciato in una siccità permanente se gli sforzi per frenare il riscaldamento globale non riusciranno a raggiungere gli obiettivi fissati dall'accordo di Parigi, ovvero al di sotto dell'1,5° C.

Gli scienziati hanno compilato le previsioni di 27 modelli climatici globali per determinare quali regioni del pianeta Terra hanno maggiori probabilità di subire un'aridificazione significativa entro la fine del secolo, rilevando che se si dovesse raggiungere un aumento di 2°C delle temperature globali - cioè superando il tetto dell'accordo di Parigi - dal 20 al 30% delle terre emerse rischierebbe uno stato di aridità permanente.

"L'aridità è una seria minaccia perché può avere un impatto critico su aree come l'agricoltura, la qualità dell'acqua e la biodiversità" ha rimarcato Chang-Eui Park, ricercatore presso la Southern University of Science and Technology di Shenzhen, in Cina. L'aridità, ha sottolineato ancora il ricercatore, "può anche portare a più siccità e incendi, simili a quelli che abbiamo visto infuriare in tutta la California".

Secondo i ricercatori, la riduzione delle emissioni di gas serra per mantenere il riscaldamento tra 1,5 e 2 gradi potrebbe scongiurare un allargamento ampio delle zone aride, ma rimanendo al di sotto dell'1,5 gradi due terzi delle regioni colpite dall'aridità potrebbe salvarsi.

E, ha rilevato Tim Osborn dell'University East Anglia, "le aree del mondo che trarrebbero maggiore beneficio mantenendo la temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi sarebbero le zone del Sud-Est asiatico, dell'Europa meridionale, dell'Africa meridionale, dell'America Centrale e dell'Australia meridionale. Aree dove attualmente vive più del 20% della popolazione mondiale".

Fonte: www.adnkronos.com

Data di pubblicazione: 10/01/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

16/01/2018 La Linea Verde in continua evoluzione
16/01/2018 Marocco: aumentano del 36 per cento le esportazioni di frutta e ortaggi verso la Spagna
16/01/2018 Il Centro di Sperimentazione Laimburg in una nuova veste
16/01/2018 Resto al Sud: fino a 200mila euro per imprese giovani
15/01/2018 Zerbinati presenta il suo primo progetto Digital 2018: la Guida per la Remise-en-forme
15/01/2018 Arrivano Le Avventure di Kiwito e Galita: i due frutti supereroi amici dei bambini
15/01/2018 Anno turbolento per i mercati valutari nel 2018
15/01/2018 L'imballaggio in cartone polacco sta attirando molta attenzione
15/01/2018 Cucurbitacee: eccesso di ribasso dei prezzi in Sicilia
15/01/2018 Feromoni e trappole, la frutticoltura ci scommette
12/01/2018 Coldiretti: nel 2017 record per l'export agroalimentare Made in Italy
12/01/2018 Vietnam: le esportazioni di ortofrutta hanno raggiunto i 3,45 miliardi di dollari
12/01/2018 Dole non si quota in Borsa
12/01/2018 ARA Srl cessa l’attivita' di sperimentazione
12/01/2018 Dall'entrata in vigore dell'embargo, la Russia ha distrutto 19.000 ton di alimenti
12/01/2018 Cinque differenti modelli di stenditunnel a marchio Pellerano
11/01/2018 Russia: un coltivatore di fragole alle presidenziali
11/01/2018 Risparmiare soldi adottando il software giusto
10/01/2018 Sara' l'anno della Basilicata ortofrutticola
10/01/2018 Sudafrica: i satelliti aiutano gli agricoltori a usare l'acqua in maniera piu' efficiente

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*