Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Mango: la sbucciatura enzimatica e' piu' efficace di quella chimica

Le industrie della frutta richiedono un metodo di sbucciatura pratico, specialmente durante la preparazione della purea per evitare il deterioramento della qualità dei frutti e la perdita di prodotto. Tecnologi dell'Università Putra Malaysia hanno confrontato diversi metodi di sbucciatura (peeling): manuale, chimico con idrossido di sodio (NaOH) ed enzimatico con pectinasi (Pectinex Ultra SP-L) per determinare l'efficienza di sbucciatura dei manghi Chok Anan.

Per lo studio sono stati saggiati diversi parametri di sbucciatura, quali la concentrazione di NAOH e pectinasi, la temperatura della soluzione (peeling chimico: 80-95°C, peeling enzimatico: 25-40°C) e la durata di ammollo (peeling chimico: 5-10 minuti, peeling enzimatico: 30-120 min) e sono stati valutati in termini di resa, tempo di sbucciatura, assorbimento della soluzione chimica ed enzimatica, profondità di penetrazione di NaOH e pectinasi.

Metodo di sbucciatura, resa e tempo della sbucciatura del mango.


Dai risultati è emerso che il peeling enzimatico ha significativamente ridotto il tempo (4,46 min) di sbucciatura del mango rispetto al peeling manuale (5,30 min) e chimico (6,49 min), mentre non sono emerse differenze significative per quanto riguarda la resa dell'operazione.

Le condizioni ottimali di peeling enzimatico (concentrazione: 0,009%, temperatura: 25°C, durata dell'immersione: 120 min) hanno permesso di riciclare la soluzione di pectinasi due volte, quindi potrebbe essere vantaggioso per l'industria di trasformazione del mango rispetto al peeling chimico, in cui l'NaOH può essere utilizzato una volta sola.


Sbucciatura chimica del mango: penetrazione del NAOH in profondità per favorire la rimozione della buccia.

Secondo i tecnologi, il peeling enzimatico è una valida alternativa al peeling manuale o chimico dei frutti di mango. I principali vantaggi del peeling enzimatico sono dovuti alla buona qualità (caratteristiche fisico-chimiche) del prodotto finale e al fatto che non coinvolge alcun trattamento termico. Inoltre, la soluzione di pectinasi può essere riciclata per due volte, il che può ridurre il costo dell'industria rispetto al peeling chimico, con cui la soluzione NaOH può essere utilizzata solo una volta durante il processo di peeling. Senza trascurare che il peeling chimico consiste in un trattamento termico elevato (alta temperatura a 95°C) che aumenta il costo del processo in quanto necessità di un luogo e di uno spazio separato per scaricare lo smaltimento dei rifiuti di NaOH. Il peeling enzimatico è quindi una valida e pratica alternativa al peeling chimico per le industrie di trasformazione della frutta.

Fonte: Mohamad N. S., Sulaiman R., Lai O. M., Hussain N., 'Comparison between conventional and alternative peeling methods on peeling efficiencies of Malaysian 'Chok Anan' mango ( Mangifera indica L.) fruit', October 2017, International Food Research Journal, Vol. 24(5), pag. 1934-1940.

Data di pubblicazione: 12/12/2017
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/01/2018 Australia: impianto di storage Tesla per una serra idroponica
16/01/2018 L'utensile definitivo per pulire l'avocado
16/01/2018 Confusione sessuale: arriva il diffusore elettronico
15/01/2018 Tecnica di fumigazione alternativa per degradare i residui di fiungicidi nelle uve da tavola
12/01/2018 Cile: i robot entrano nei supermercati
11/01/2018 Economia circolare, 7 progetti italiani per un uso intelligente degli scarti
10/01/2018 In arrivo sul mercato un nuovo tipo di rilevatore di temperatura PDF monouso
10/01/2018 Limonoidi estratti da Turrraea abyssinica: un'integrazione agli insetticidi bio
09/01/2018 In arrivo quattro nuove varieta' di lamponi
08/01/2018 Reti in fibre biologiche: l'alternativa alla plastica nel settore degli ortofrutticoli freschi
05/01/2018 Pook: chips al cocco candidate al Fruit Logistica Innovation Award
04/01/2018 Presentata una nuova e flessibile macchina fasciatrice
03/01/2018 Piccolo impianto di raffreddamento basato sull'espansione diretta dell'ammoniaca
22/12/2017 Germania: dopo 25 anni la Kellermeister Manns e' ancora leader in materia di frutta brandizzata
21/12/2017 Al via il Progetto Pantheon: robot aerei e terrestri guardiani della salute del frutteto
20/12/2017 La luce blu e UV-C migliora la capacita' antiossidante del peperoncino habanero durante la conservazione a basse temperature
18/12/2017 Un video mostra come i droni stanno rivoluzionando l'agricoltura
15/12/2017 La matita che germoglia: regalo perfetto per un Natale ecosostenibile
14/12/2017 La carota del Dipartimento di Agraria di Portici (NA) mettera' radici nello spazio
13/12/2017 Ecco i candidati per il Fruit Logistica Innovation Award 2018

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*