Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ernesto Machancoses (Frutas Inma): "Del 30% di frutti rimasti, il 90% e' da buttare"

Situazione disastrosa per i kaki di Valencia a causa delle gelate notturne



La settimana scorsa Frutas Inma, come altri esportatori di Benimodo (Valencia), si stava preparando alla stagione locale dei kaki. I frutti erano pronti per essere raccolti, ma sono bastate una paio di notti di gelo e la stagione è cambiata drasticamente. Il direttore tecnico Ernesto Machancoses ha dichiarato mostrando i frutti: "Del 30% che siamo riusciti a raccogliere, il 90% è da buttare. E' un disastro".



Non esiste un mercato per la trasformazione dei kaki
"Normalmente assistiamo a episodi di gelo a gennaio e febbraio, non a dicembre. Siamo totalmente disarmati. Non si può fare niente con questo prodotto. Sui frutti sono già comparse macchie nere e tra una decina di giorni i kaki saranno morbidi come spugne. Inoltre - ha continuato Ernesto - per questi frutti non esiste un piano B, come per esempio la trasformazione in succo". 



"E' una situazione terribile per i produttori. Stimo che il 70% circa degli agricoltori sia assicurato. Non faranno profitti, ma potranno ricominciare da zero. Nella nostra zona gran parte dell'economia è direttamente o indirettamente connessa alla coltivazione dei kaki. E' una situazione difficile anche per i raccoglitori e i lavoratori dei centri di imballaggio. Tuttavia, sono cose che succedono e dobbiamo affrontarle. Mi aspetto che potremo realizzare non più del 25% dei programmi concordati".



"Abbiamo informato i nostri clienti. Un aumento dei prezzi è inevitabile, ma non mi aspetto un picco improvviso nei prossimi giorni. Questo perché tutti vorranno vendere i frutti vendibili il prima possibile". Anche se gli effetti del gelo variano molto a livello locale, è stata interessata l'intera coltivazione di kaki di Valencia. "La Spagna coltiva 25.000 ettari di kaki, 23.000 dei quali si trovano nell'area di Valencia. Pertanto ciò avrà enormi conseguenze per il mercato. Quest'anno avremmo avuto una stagione normale, con un raccolto di circa 300mila tonnellate di kaki. Le nuove piantagioni che stanno entrando ora in produzione, nei prossimi tre anni risulteranno in un volume previsto di 500mila ton". 



Attenzione sulle destinazioni lontane
Mentre la maggior parte degli esportatori si concentra sul mercato europeo, 7 anni fa Frutas Inma ha deciso di concentrarsi su altre destinazioni nel mondo. "La metà del nostro volume viene spedita verso nazioni lontane. Ciò ci rende un'eccezione in questo commercio. Canada, Brasile, Uruguay, Hong Kong, Singapore, Malesia, Emirati Arabi Uniti, Giordania e Qatar sono ottimi mercati per noi. All'intero dell'Europa, Germania e Francia sono di gran lunga i nostri principali mercati. Il kaki è famoso in Spagna, ma le vendite sono sempre un po' deludenti dato che le persone posseggono già degli alberi".



Negli ultimi anni la coltivazione del kaki è aumentata drasticamente nell'area di Valencia, a scapito di quella agrumicola. Ernesto, tuttavia, non ritiene che questa espansione sia stata eccessiva per il mercato. "Il volume di quest'anno è stato persino più basso del 10% rispetto all'anno scorso. Il potenziale del kaki è enorme; sempre più clienti scoprono questo frutto. Solitamente comincia tra i gruppi etnici della popolazione e poi si espande ad altri mercati. Attualmente la Cina sta importando molti frutti da Corea del Sud e Giappone. Prima dell'embargo, la Russia rappresentava il 30% delle nostre esportazioni di kaki. Se questo mercato dovesse nuovamente diventare accessibile, avremmo una carenza del frutto".



"Il problema non sono i volumi, ma il modo in cui li vendiamo. Abbiamo kaki di buona qualità, ma li commercializziamo in massa. Succede ovunque nel nostro settore. I paesi di produzione d'oltremare vendono kaki di qualità inferiore allo stesso prezzo che fissiamo noi. Ci siamo fatti raggirare troppo facilmente dal settore della vendita al dettaglio".



I clienti vogliono il prodotto per tutto l'anno
Anche se Frutas Inma sta testando diverse nuove varietà di kaki, i suoi clienti continuano a preferire la Rojo Brillante. "Chiediamo loro cosa vogliono, ma vediamo comunque del potenziale nell'estensione della stagione spagnola. Non credo che lo faremo con la varietà Rojo Brillante". Grazie a joint venture in Perù e Uruguay, la società può fornire frutti ai suoi clienti per lunghi periodi di tempo. "Ci chiedono kaki per 12 mesi, il che è ancora una sfida, ma mi aspetto che entro cinque anni saremo in grado di fornire kaki per dieci mesi l'anno".



Inoltre, negli ultimi anni, Frutas Inma ha ampliato la sua gamma con gli avocado. "Come i kaki, anche gli avocado sono considerati esotici. Possiamo rifornire i nostri clienti fissi anche con questi frutti. A Valencia la coltivazione degli avocado non è certo semplice, ma è comunque possibile. Coltiviamo anche avocado in Perù su un'area di 200 ettari. Questo ci permette di fornirlio ai nostri clienti per tutto l'anno. Anche altri prodotti, come le melagrane, hanno ovviamente del potenziale. Abbiamo scelto, tuttavia, di concentrarci su kaki e avocado. Non si può essere specializzati in ogni prodotto".



Per maggiori informazioni:
Ernesto Machancoses
Frutas Inma
Carrer de L'Olivera,
46291 Benimodo (Valencia)
Tel.: +34 96 253 14 71
Email: info@frutasinma.com
Web: www.frutasinma.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 07/12/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

11/12/2017 Mela Val Venosta: la qualita' e' anche sui social
11/12/2017 Nocciola Piemonte: a Cravanzana (CN) si e' parlato di cimice asiatica e qualita' del prodotto
11/12/2017 Il gelo influenza volumi e prezzi delle mele
11/12/2017 Presentata la gamma melone per il 2018 di Enza Zaden
11/12/2017 Cile: Vitroplant protagonista all'8° Simposio Internazionale del Noce
11/12/2017 Per Coferasta nuova Linea Premium con imballaggio speciale
11/12/2017 Kiwi: importanti flussi in importazione in Italia dalla Grecia
11/12/2017 Egitto: fragole di ottima qualita' e a prezzi elevati
11/12/2017 Cina: kiwi di Chengdu esportati con successo in Europa
07/12/2017 Fragole italiane per una fornitura 12 mesi l'anno
07/12/2017 Valencia: kaki danneggiati dal gelo e produzioni agrumicole in anticipo
07/12/2017 Fertilizzante con nanoparticelle di calcio per diminuire cracking su melagrana
07/12/2017 Grecia: notevole aumento dell'esportazione di kiwi in Italia
07/12/2017 Azienda francese vince i diritti esclusivi a livello mondiale sulla varieta' di mela Juliet
07/12/2017 Cina: la produzione di pere Crown di Hebei cala del 30-50% per via della maculatura bruna
06/12/2017 Bulgaria: produzione 2017 di drupacee leggermente in aumento nonostante le avversita' meteorologiche
06/12/2017 A rischio il commercio di kiwi italiani in Australia
06/12/2017 Italfrutta Di Manno lancia il nuovo marchio aziendale
06/12/2017 In Belgio pere piu' piccole ma anche piu' dolci a causa del gelo
06/12/2017 Cina: le mele di Aksu toccano i cuori dei consumatori

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*