Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La Sicilia si conferma tra le regioni piu' produttive d'Italia, ma solo 25 aziende su 100 sono aggregate

"Con una superficie di circa 8000 ettari coltivati a orticole in pieno campo o in ambiente protetto, senza trascurare la zootecnia e la floricoltura, la provincia di Ragusa si attesta come uno dei territori a vocazione agricola più produttivi d'Italia". Con questo incipit il presidente dell'Ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Ragusa, Francesco Celestre, ha aperto lo scorso 2 dicembre un convegno-studio, alla presenza di 70 agronomi e del dirigente dell'ispettorato agrario di Ragusa, Giorgio Carpenzano. Quest'ultimo, dopo i saluti istituzionali è entrato nel merito del suo intervento, dichiarandosi disposto, per quanto di sua competenza, a venire incontro alle richieste provenienti dalle aziende agricole per risolvere le difficoltà legate alla misura 4.1 del PSR Sicilia, che ha provocato non poche difficoltà al mondo produttivo ortofrutticolo.


Da sx.: Giorgio Carpenzano (dirigente dell'ispettorato agrario di Ragusa), Carmelo Calabrese (responsabile produzione e assistenza tecnica agronomica OP Fonteverde), Francesco Celestre (presidente dell'Ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Ragusa).


La giornata, organizzata per l'attribuzione dei crediti formativi professionali agli agronomi ragusani, è stata ospitata presso l'OP Fonteverde di Ispica, in provincia di Ragusa: una delle più grandi realtà produttive e commerciali della Sicilia. A fare gli onori di casa è stato Carmelo Calabrese, responsabile produzione e assistenza tecnica agronomica alla OP, nonché amministratore unico del socio più rappresentativo della OP, l'Associazione Fonte Verde, che ha relazionato sull'organizzazione: dalla costituzione, avvenuta nel 2005 con 6 aziende socie, ad oggi, in cui ne conta 12 compresa una cooperativa, per un totale di 16 produttori.


Sopra: settanta gli agronomi presenti alla giornata formativa

"L'OP Fonteverde è nata per meglio organizzare la produzione e la commercializzazione dei nostri prodotti - ha detto Calabrese - La carota di Ispica IGP è la più importante delle nostre coltivazioni, assieme a meloni, zucchine, peperoni e pomodori. Vi sono poi una cinquantina di ettari coltivati a frutta, fra cui spicca l'uva da tavola".


Sopra: visita guidata nel magazzino della OP Fonteverde. In camice verde, Tiziana Calabrese, responsabile linee di lavorazione e controllo qualità.


In linea con i temi del giorno, Calabrese ha spiegato: "In molti casi, non c'è ancora univocità nella programmazione delle produzioni. Ciò determina una frammentazione anche a livello commerciale. Se, inoltre, molte risorse non arrivano in Sicilia dalla Comunità europea, è perché le aziende non sono aggregate. In Sicilia solo il 25-30% delle aziende sono strutturate in organizzazioni. Ciò è ingiustificabile, alla luce del fatto che anche le aziende più piccole possono far parte delle OP e non vi è nessun motivo ostativo per non aderire, se non quelli legati a una cultura d'impresa retrograda".


Scarico in acqua delle zucchine

"Queste aziende, per diverse ragioni, faticano a usufruire dei Piani di sviluppo rurale - ha proseguito Calabrese - e infatti l'input che oggi voglio dare ai tecnici qui presenti, è quello di diffondere con maggiore incisività l'idea vincente dell'aggregazione, specialmente tra i piccoli imprenditori. Certo vi è qualche incongruenza, come quella emersa nella misura 4.1 che in tal senso appare contraddittoria; ma tale evenienza va annoverata tra le eccezioni nel panorama complessivo delle risorse messe a disposizione. Ed è sempre e comunque preferibile aggregarsi in OP, poiché sono le Organizzazioni attraverso cui valorizzare commercialmente i prodotti ortofrutticoli".


Lavorazione zucchine

"L'OP si estende per il 55% in provincia di Ragusa e per il 45% in provincia di Siracusa - ha spiegato Calabrese - di tutta la nostra produzione, circa il 45% è destinato al centro e Nord Europa. Prima tra le referenze esportate è la nostra carota; al secondo posto per quantità vi è la zucchina, mentre i peperoni sono prevalentemente destinati al mercato italiano. Per lo più destinata all'export è infine l'uva da tavola. Nel tempo ci siamo specializzati anche nella lavorazione della zucchina che, dopo essere stata lavata per mezzo di appositi macchinari, viene asciugata con un getto d'aria, calibrata con un sistema ottico, smistata per dimensione e infine opportunamente confezionata".


Lavorazione peperone

La linea di lavorazione fornisce l'intera tracciabilità per lotto e per lavorazione e termina con la pallettizzazione (vedi foto sotto) per il trasporto. Stessa modalità di trattamento avviene per il peperone che, oltre a essere sottoposto al lavaggio, viene spazzolato prima di essere avviato alla successiva lavorazione con l'impacchettamento finale.



"La maggior parte delle nostre attrezzature sono state acquisite con finanziamenti europei - ha continuato Calabrese - questo dimostra la grande importanza di aggregarsi in strutture idonee a intercettare ogni mezzo utile che favorisca la crescita della buona impresa".


L'OP Fonteverde dispone di celle a temperatura controllata, per un totale di 7300 metri cubi di capacità, nei diversi magazzini.

Al termine del lungo ed esaustivo intervento di Calabrese, il presidente degli agronomi ragusani, Francesco Celestre, ha sottolineato che l'Ordine degli Agronomi di Ragusa ha in programma di organizzare corsi di formazione rivolti agli iscritti, incentrati proprio sulle OP e il loro funzionamento, oltre che sulla progettazione europea. Celestre ha continuato mettendo in evidenza l'opportunità che le OP si aggreghino in mega organizzazioni come quelle che operano in Spagna che riescono a fare lobby curando i loro interessi presso l'UE.

Infatti si tratta di organizzazioni che esprimono un forte potere economico, a tal punto da potersi permettere uffici di rappresentanza a Bruxelles, dove influenzano i rappresentanti politici, ponendo in evidenza le necessità del mondo produttivo spagnolo al Legislatore europeo.

La giornata è poi proseguita con alcune visite tecniche presso le coltivazioni della Fonteverde, sia in pieno campo - come quello della carota novella di Ispica IGP - sia in colture coperte, come lo zucchino sotto tunnel e il peperone in serra.


Sopra: carota novella di Ispica (RG) Igp

"E' stata una giornata proficua, all'insegna della formazione, per i nostri professionisti che si trovano a operare in un sistema agricolo tra i più complessi in Europa - ha concluso a margine dei lavori il presidente Celestre - Oggi abbiamo posto, nell'ottica di una rivitalizzazione interna all'ordine, una pietra miliare. I nostri propositi vertono su futuri appuntamenti che saranno sempre più qualificati e qualificanti, nell'interesse dell'agricoltura locale e siciliana tutta".

Data di pubblicazione: 07/12/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:


Analisi degli alimenti per individuare la regolarita' dei trattamenti fitosanitari

Agro.Biolab Laboratory. Residui da fitofarmaci e nuovi contaminanti

"Oltre ai contaminanti alimentari conosciuti ormai da decenni, ne esistono altri individuati solo di recente, i cosiddetti contaminanti emergenti. L'acqua, il suolo e i fertilizzanti sono oggi considerati come nuove potenziali fonti di contaminazione negli alimenti". A prendere in esame la problematica è.....

Il settore orticolo nell'UE: le statistiche

Il settore ortofrutticolo dell'UE vede protagonisti, per percentuali più rilevanti di produzione, commercio e lavorazione, alcuni Stati membri, mentre molti altri rappresentano individualmente volumi trascurabili. I due terzi della popolazione dell'UE-28 consumano almeno una porzione di frutta e verdura al.....

La testimonianza di un operatore del Mercabarna

Clandestini nascosti in un carico di zucche bloccato al porto di Tunisi: la storia si ripete

La vicenda s'è già presentata in passato: clandestini nascosti nei camion di frutta e verdura con la speranza di entrare in un nuovo Paese e scampare alle proprie disgrazie in patria. Protagonista di un recente episodio, risalente al 2 giugno scorso, è un camion di zucche, bloccato all'imbarco al porto di.....

Spagna in crescita

Drastica riduzione per il raccolto stagionale di albicocche in Italia: tutte le previsioni per il 2018

La coltivazione dell'albicocco in Italia prosegue con tendenza all'incremento del potenziale produttivo, aumento in atto da alcuni anni nel nostro Paese. L'espansione è stata frutto di diversi fattori, che insieme, hanno reso buone prospettive alla coltivazione fra cui: l'evoluzione delle tecniche colturali,.....

Il biologico rischia di morire di burocrazia

Troppa burocrazia uccide anche il biologico. Se ne è parlato al talk show "Dal convenzionale al biologico" dove alcuni fra i protagonisti del comparto hanno esaminato l'evoluzione del settore negli ultimi decenni cercando di approfondire gli attuali punti di debolezza. L'evento è stato organizzato da.....

Il Prof. Antonino Catara interviene sul tema del mal secco del limone

Riceviamo e volentieri pubblichiamo le seguenti osservazioni da parte del Prof. Antonino Catara, già ordinario di Patologia vegetale, Delegato alla Ricerca nell'Università di Catania e Presidente del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia, sul tema del mal secco del limone, che stiamo affrontando in.....

Se n'e' discusso a Noto (SR)

Obblighi per i produttori in materia di sicurezza alimentare. E il valore dei prodotti?

VIDEO L'evoluzione del sistema agroalimentare, con il passaggio da un'agricoltura tradizionale a quella moderna, è sempre più soggetta all'innovazione ed è cresciuta assieme ai cambiamenti socio-economici e culturali dei nostri tempi. Allo stesso modo si è evoluta la sicurezza alimentare e la normativa che la.....

La Xylella non cammina se non sulle gambe della disinformazione

In risposta al nostro articolo sul disastro Xylella come diretta conseguenza dell'irrazionale opposizione alle risposte della scienza (cfr. notizia), il Prof. Francesco Giulio Crescimanno dell'Università di Palermo ci ha fornito il suo parere: "Con riferimento alla lotta alla Xylella che continua a.....

Disastro Xylella: quando in agricoltura prevale il disprezzo per il metodo scientifico

"La metodologia scientifica, specie se applicata all'agricoltura, viene spesso snobbata se non posta sotto attacco da parte di vasti settori dell'opinione pubblica e della politica"... con risultati devastanti, aggiungiamo noi. Così Marco Sassi osserva in un articolo dal calzante titolo "Il sonno del.....

L'ispirazione porta innovazione sul mercato greco

Seppure quello greco è un mercato tradizionale che attraversa una crisi finanziaria, Vasilis Bogdanis di Bogdanis Import Export è stato ispirato da tutte le grandi innovazioni viste a Fruit Logistica e ha voluto portarle in Grecia. "Abbiamo cominciato cinque anni fa importando mix di insalate italiane per il.....

Quali soluzioni per la crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola?

Le aziende agricole, per loro natura giuridica, non possono essere dichiarate fallite. E' partito da questo presupposto il convegno dal tema: "Strumenti di risoluzione della crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola" tenutosi lo scorso 18 maggio 2018 nella sede dell'Ordine dei commercialisti di.....

Urs Luder: 'La varieta' si adatta bene al profilo di gusto del consumatore europeo attuale'

Transizione fluida verso le mele Kanzi dell'emisfero sud

Le prime mele Kanzi dell'emisfero sud sono arrivate sul mercato europeo. L'amministratore delegato Urs Luder, direttore della varietà Kanzi per GKE, sembra soddisfatto della campagna europea. "Nonostante non sia stata una stagione facile per il settore delle mele, possiamo concludere che la Kanzi ha saputo.....

La testimonianza di Greg Vicherat (Halls)

'Evitiamo che l'avocado diventi un prodotto di lusso'

La storia dell'avocado è una storia di successo. A livello globale, il consumo continua a crescere a doppia cifra. I coltivatori stanno incrementando la produzione, ma nonostante le attuali percentuali di semina, non riescono a tenere il passo con la velocità di crescita dei consumi. "C'è ancora spazio sul.....

Meta' della produzione olandese di ortaggi in serra va in Germania e Regno Unito

Le verdure prodotte in serra rappresentano quasi la metà delle esportazioni complessive di frutta e verdura coltivate nei Paesi Bassi. Le cipolle sono il prodotto più importante in termini di quantità, ma subito dopo ci sono orticole da serra come pomodori, peperoni e cetrioli.Per quanto riguarda la.....

L'imballaggio EPS per estendere la shelf life dell'uva da tavola

Per quanto riguarda le uve, la difficoltà è che cominciano a deteriorarsi non appena vengono raccolte. Pertanto estendere la shelf life del prodotto è fondamentale per aiutare i punti vendita a risparmiare denaro e ridurre lo spreco alimentare.Imballare e spedire le uve in contenitori in polistirolo espanso.....

Sistema di Supporto Decisionale OPI

Smart Agriculture: Evja propone sensori e algoritmi predittivi

Evja è una startup con sede a Napoli, attiva nella Smart Agricolture e partner di RWA e BayWa (tra le maggiori aziende del mercato agricolo austriaco e tedesco). Il suo prodotto, OPI, è un Sistema di Supporto Decisionale per aziende agricole basato su sensori e algoritmi previsionali. OPI è.....

Regio'Com: la guida alle migliori pratiche per la promozione di frutta e verdura in Europa

Per contrastare la stagnazione del consumo di frutta e verdura in Europa, che rappresenta una sfida importante per il nostro settore, AREFLH ha voluto evidenziare un certo numero di azioni di promozione e di educazione alimentare attuate nelle sue regioni, sottolineandone la ricchezza e la diversità.La guida.....

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*