Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



In atto intensi controlli. L'opinione dell'avvocato Gualtiero Roveda

Un operaio agricolo su cinque non e' in regola con la normativa

E' di questi giorni la notizia che militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro stanno effettuando numerosi sopralluoghi presso le aziende agricole per verificare il rispetto delle norme in materia di sorveglianza sanitaria.

I controlli sono iniziati dopo la pubblicazione della lettera circolare n. 3 del 12 ottobre 2017, con la quale l'Ispettorato Nazionale ha fornito ai propri Uffici territoriali indicazioni operative sulle sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti a un rischio specifico. Affrontiamo l'argomento con l'avvocato Gualtiero Roveda, consulente di Fruitimprese.


Foto d'archivio

FreshPlaza (FP): Quando il datore di lavoro deve sottoporre un lavoratore a sorveglianza sanitaria?
Gualtiero Roveda (GR): L'obbligo scatta nel momento in cui la valutazione dei rischi rilevi tale necessità. L'Ispettorato ha evidenziato, in particolare, che l'omessa sorveglianza sanitaria è riconducibile alle tre seguenti fattispecie:
  • a) nei casi in cui si debba valutare lo stato di salute del lavoratore, al fine dell'affidamento dei compiti specifici, che non dipendono dai rischi presenti nell'ambiente di lavoro, ma dalla capacità del lavoratore stesso di svolgerli, come ad esempio i lavori in quota;
  • b) in tutti i casi in cui la normativa prevede l'obbligo della sorveglianza;
  • c) nei casi in cui nei confronti del lavoratore soggetto a sorveglianza sanitaria, pur sottoposto a visita, non sia stato ancora espresso il giudizio di idoneità e in sede ispettiva si riscontri che lo stesso sia adibito a quella specifica mansione; in questo caso, risulta evidente il difetto di vigilanza.
FP: Quali sono le modalità con cui viene svolta l'ispezione?
GR: Le funzioni ispettive sono compiute tramite accessi nei luoghi di lavoro; tali accessi non sono subordinati ad autorizzazioni da parte del datore di lavoro o di un magistrato. L'esercizio dei poteri di indagine include la possibilità di raccogliere dichiarazioni spontanee da parte dei lavoratori, esigere la documentazione utile alle indagini, nonché chiedere informazioni a uffici pubblici, al Consulente del lavoro, ai patronati e agli istituti di previdenza (Inps, Inail, Inpdap, ecc.).


Foto d'archivio

FP: E' possibile per il datore di lavoro assistere in occasione della raccolta di informazioni presso i lavoratori?
GR: No. Le dichiarazioni devono essere acquisite in assenza del datore di lavoro o di altri superiori gerarchici, in modo da evitare pressioni sui lavoratori.

FP: Quali sono i documenti che di norma vengono richiesti?
GR: Nel corso dei controlli effettuati in questi giorni è stata rivolta particolare attenzione al DVR (ndr: Documento di valutazione dei Rischi), alla documentazione relativa a designazioni, nomine e deleghe delle figure aziendali della sicurezza, agli attestati comprovanti l'informazione, la formazione e l'addestramento, ai documenti relativi alla sorveglianza sanitaria e ai rapporti con il medico competente. E' stata, altresì, controllata la regolarità delle assunzioni e della contribuzione previdenziale.

FP: L'attività svolta nei primi nove mesi del 2017 dai Carabinieri per la Tutela del lavoro in coordinamento con l'Ispettorato del Lavoro ha evidenziato una situazione di diffusa irregolarità.
GR: E' vero. In occasione di circa 15.000 ispezioni è risultata irregolare la posizione di un operaio agricolo su cinque. Sono state sospese quasi 2.000 attività d'impresa e 5.000 persone denunciate, di cui 38 tratte in stato di arresto. Sono state accertate omissioni contributive per 12 milioni di euro ed elevate sanzioni amministrative per 20 milioni.

Data di pubblicazione: 13/11/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/02/2018 Presentato Skill4agri, il progetto di Enapra Confagricoltura e Intesa Sanpaolo Formazione per le imprese agricole
19/02/2018 Imprese agricole: entro il 25 maggio mettersi in regola con la privacy
16/02/2018 Il lavoro sano e onesto porta i suoi frutti: OP APOC celebra i suoi 40 anni con risultati record
15/02/2018 Prorogata al 31 marzo la scadenza per l’esonero contributivo spettante ai giovani agricoltori
14/02/2018 Digital divide, Confagricoltura: 'Prendere esempio dalla Germania: investimenti per la copertura digitale delle zone rurali'
14/02/2018 Rijk Zwaan riceve il premio Best Employer 2017/2018
13/02/2018 Agroalimentare: crescita prevista di oltre il 2%, ma restano alcune criticita' sui tempi di pagamento tra le aziende
06/02/2018 Il Consorzio Le Galline Felici lavora con i gruppi di acquisto
05/02/2018 Italia Ortofrutta: il 50% della produzione ortofrutticola nazionale si riconosce nel sistema OP
05/02/2018 Mela Val Venosta consegna l'automezzo per il progetto 'Mobilita' in Alto Adige'
05/02/2018 Comparto ortofrutticolo del Sudest siciliano, la sfida del nuovo consorzio
05/02/2018 Da luglio 2018 stop ai pagamenti in contanti
02/02/2018 Giovani e lavoro: nascono 300 imprese al giorno, boom in agricoltura
01/02/2018 Le giuste informazioni permetteranno di sviluppare in anticipo un piano vendite
31/01/2018 Vendere all'estero: la mappa dei Paesi a rischio e di quelli tranquilli
26/01/2018 Giuseppe Calcagni laureato in Kazakhstan
25/01/2018 I produttori ucraini si uniscono per accedere al mercato globale
24/01/2018 Serena Pittella presenta le 'Donne dell'Ortofrutta' ai Protagonisti e lancia il programma 2018
23/01/2018 Cofinanziamento Ue per la promozione delle imprese
23/01/2018 OP Rosaria: l'altissima qualita' nelle arance rosse si ottiene al costo di enormi sacrifici

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*