Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



In atto intensi controlli. L'opinione dell'avvocato Gualtiero Roveda

Un operaio agricolo su cinque non e' in regola con la normativa

E' di questi giorni la notizia che militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro stanno effettuando numerosi sopralluoghi presso le aziende agricole per verificare il rispetto delle norme in materia di sorveglianza sanitaria.

I controlli sono iniziati dopo la pubblicazione della lettera circolare n. 3 del 12 ottobre 2017, con la quale l'Ispettorato Nazionale ha fornito ai propri Uffici territoriali indicazioni operative sulle sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti a un rischio specifico. Affrontiamo l'argomento con l'avvocato Gualtiero Roveda, consulente di Fruitimprese.


Foto d'archivio

FreshPlaza (FP): Quando il datore di lavoro deve sottoporre un lavoratore a sorveglianza sanitaria?
Gualtiero Roveda (GR): L'obbligo scatta nel momento in cui la valutazione dei rischi rilevi tale necessità. L'Ispettorato ha evidenziato, in particolare, che l'omessa sorveglianza sanitaria è riconducibile alle tre seguenti fattispecie:
  • a) nei casi in cui si debba valutare lo stato di salute del lavoratore, al fine dell'affidamento dei compiti specifici, che non dipendono dai rischi presenti nell'ambiente di lavoro, ma dalla capacità del lavoratore stesso di svolgerli, come ad esempio i lavori in quota;
  • b) in tutti i casi in cui la normativa prevede l'obbligo della sorveglianza;
  • c) nei casi in cui nei confronti del lavoratore soggetto a sorveglianza sanitaria, pur sottoposto a visita, non sia stato ancora espresso il giudizio di idoneità e in sede ispettiva si riscontri che lo stesso sia adibito a quella specifica mansione; in questo caso, risulta evidente il difetto di vigilanza.
FP: Quali sono le modalità con cui viene svolta l'ispezione?
GR: Le funzioni ispettive sono compiute tramite accessi nei luoghi di lavoro; tali accessi non sono subordinati ad autorizzazioni da parte del datore di lavoro o di un magistrato. L'esercizio dei poteri di indagine include la possibilità di raccogliere dichiarazioni spontanee da parte dei lavoratori, esigere la documentazione utile alle indagini, nonché chiedere informazioni a uffici pubblici, al Consulente del lavoro, ai patronati e agli istituti di previdenza (Inps, Inail, Inpdap, ecc.).


Foto d'archivio

FP: E' possibile per il datore di lavoro assistere in occasione della raccolta di informazioni presso i lavoratori?
GR: No. Le dichiarazioni devono essere acquisite in assenza del datore di lavoro o di altri superiori gerarchici, in modo da evitare pressioni sui lavoratori.

FP: Quali sono i documenti che di norma vengono richiesti?
GR: Nel corso dei controlli effettuati in questi giorni è stata rivolta particolare attenzione al DVR (ndr: Documento di valutazione dei Rischi), alla documentazione relativa a designazioni, nomine e deleghe delle figure aziendali della sicurezza, agli attestati comprovanti l'informazione, la formazione e l'addestramento, ai documenti relativi alla sorveglianza sanitaria e ai rapporti con il medico competente. E' stata, altresì, controllata la regolarità delle assunzioni e della contribuzione previdenziale.

FP: L'attività svolta nei primi nove mesi del 2017 dai Carabinieri per la Tutela del lavoro in coordinamento con l'Ispettorato del Lavoro ha evidenziato una situazione di diffusa irregolarità.
GR: E' vero. In occasione di circa 15.000 ispezioni è risultata irregolare la posizione di un operaio agricolo su cinque. Sono state sospese quasi 2.000 attività d'impresa e 5.000 persone denunciate, di cui 38 tratte in stato di arresto. Sono state accertate omissioni contributive per 12 milioni di euro ed elevate sanzioni amministrative per 20 milioni.

Data di pubblicazione: 13/11/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 Fru-Italy diventa JoinFruit: un'OP che parte dal nome come simbolo di una svolta
20/11/2017 Mango, avocado & C.: i segreti di un successo sempre piu' globale
16/11/2017 Agrinsieme: bene la valorizzazione dell'imprenditoria femminile in agricoltura
14/11/2017 Donne in agricoltura: l'Austria al primo posto nella Ue
13/11/2017 SDA Bocconi apre le iscrizioni ai nuovi corsi in materia di Agribusiness
13/11/2017 La pera esce dall'anonimato e conquista il web
10/11/2017 Caporalato, Ministro Martina: con la legge contributi in agricoltura +7%
10/11/2017 C'e' bisogno di guardare i clienti negli occhi
08/11/2017 Storie sul cibo: come i produttori diventano strumenti del marketing
08/11/2017 AgriControl, il servizio che coniuga le esigenze della Gdo con la gestione dei processi produttivi
07/11/2017 Liti fra confinanti: come comportarsi per realizzare manufatti
07/11/2017 Serbia: proclamati i vincitori Intesa Farmer 2017 per i migliori imprenditori agricoli
06/11/2017 Diospiri, loti, kaki brillanti o lisci: comunque li si chiami e' il loro momento sul web
31/10/2017 Ortofrutta e industria alimentare: ingredienti tanti, co-marketing poco
30/10/2017 I funghi dominano il web e sono un prodotto globale
30/10/2017 Rete del lavoro agricolo di qualita': ancora nessun risultato di rilievo
27/10/2017 Agricoltura intensiva e tutela ambientale possono coesistere: il modello Interra Farm
24/10/2017 Zerbinati aderisce al progetto "Fabbriche Aperte" in Piemonte
24/10/2017 Maracchi (Accademia dei Georgofili): valorizzare il locale per rispondere alla globalizzazione
23/10/2017 Made in Italy e web: c'e' tutto tranne l'ortofrutta

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*