Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il parere dell'avvocato Gualtiero Roveda consulente Fruitimprese

Liti fra confinanti: come comportarsi per realizzare manufatti

In una precedente occasione abbiamo parlato dei dissidi che possono insorgere tra proprietari di fondi rustici a causa del fosso comune. La questione, tuttavia, non è la sola a minare i rapporti di buon vicinato. Tra gli innumerevoli motivi di contenzioso tra confinanti è statisticamente rilevante anche la realizzazione di manufatti nei pressi del confine. Chiediamo all'avvocato Gualtiero Roveda, consulente di Fruitimprese, quali sono le regole in materia.

FP (FreshPlaza): Qual è la disciplina relativa alle distanze dal confine per pozzi, cisterne, fosse e tubi.
GR (Gualtiero Roveda): Il codice civile dispone che chi vuole aprire pozzi, cisterne, fosse di concime, deve osservare la distanza di almeno due metri tra il confine e il punto più vicino del perimetro interno delle opere in questione. La prescrizione mira a evitare il pericolo di infiltrazioni a danno del fondo del vicino nei cui confronti prevede una presunzione assoluta di danno, allorché le opere indicate siano eseguite a distanza inferiore di quella prevista. Per i tubi d'acqua, per quelli di gas e simili deve osservarsi la distanza di almeno un metro. Sono, in ogni caso, salve le disposizioni dei regolamenti locali.



FP: Per lo scavo di un fosso è prevista la stessa distanza?
GR: No. Chi vuole scavare fossi o canali presso il confine, se non vi è diversa disposizione locale, deve osservare una distanza eguale alla profondità del fosso o canale. La norma è finalizzata all'esigenza di scongiurare il pericolo di franamento che tali opere possono cagionare nei confronti del fondo del vicino. Ovviamente, l'osservanza delle distanze dal confine prescritte dalle norme, per chi scavi nel proprio fondo fossi o canali, non esclude l'obbligo di prevenire smottamenti e frane dannosi per l'altrui proprietà.

FP: In questo caso, come si misura la distanza?

GR: Si misura dal confine al ciglio della sponda più vicina, la quale deve essere a scarpa naturale ovvero munita di opere di sostegno. Se il confine si trova in un fosso comune o in una via privata, la distanza si misura da ciglio a ciglio o dal ciglio al lembo esteriore della via.

FP: Cosa si intende per "scarpa naturale"?
GR: Con tale locuzione si indica quella particolare inclinazione che si dà alla sponda per cui la terra si assesta da sola.

FP: L'opera di sostegno invece in cosa può consistere?
GR: Generalmente in un muro o in una palizzata di legno di particolare solidità.

FP: La manutenzione della scarpa e del sostegno spetta al proprietario del fosso?

GR: Certo.

FP: Nell'ipotesi in cui il fosso venga approfondito da eventi naturali, quali frana o erosione, il vicino può esigere l'arretramento dello scavo alla distanza corrispondente alla nuova maggiore profondità?

GR: Secondo l'orientamento prevalente, no. Tuttavia, se vi sono i presupposti, il confinante può esperire un'azione di danno temuto, al fine di ottenere il ripristino della situazione precedente.

FP: Quali sono, nel caso, i presupposti dell’azione?
GR: La "denunzia di danno temuto" presuppone che vi sia in capo al vicino il ragionevole timore che, dall'opera posta nel fondo possa derivare un pericolo di danno grave e prossimo ai beni in sua disponibilità. In questo caso, può ricorrere al giudice e ottenere, secondo le circostanze, una pronuncia giurisdizionale che ponga fine a tale situazione di emergenza o, ricorrendone il caso, disponga idonea garanzia per eventuali danni.

Data di pubblicazione: 07/11/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2018 Ispica (RG): incontro formativo sulla comunicazione dei prodotti a indicazione geografica
22/06/2018 Tirreno Fruit presenta il percorso di sviluppo e gli obiettivi 2018-2020
22/06/2018 Proficue esperienze di alternanza scuola-lavoro presso la OP APOC
20/06/2018 Con la fattura elettronica, obbligo di pagamento in forma tracciabile
19/06/2018 Un caso di piattaforma e-commerce per ortofrutta al corso SGMarketing 'Il marketing dell'ortofrutta'
19/06/2018 Agriblea in prima linea contro il caporalato
15/06/2018 Come e' cambiato il modo di fare agricoltura dei giovani imprenditori in 60 anni
14/06/2018 AbioMed: ortofrutta, alleata della salute
11/06/2018 Second Home: la 'seconda casa' creativa per imprenditori e innovatori
11/06/2018 Dall'Albania per imparare a fare ortofrutta organizzata
08/06/2018 Southern Seed: esigenze delle aziende e formazione scolastica a braccetto
07/06/2018 Fruit Logistica: disponibile la quarta parte del Trend Report 2018
06/06/2018 Agroinnova: anni di impegno per una difesa sostenibile delle colture
05/06/2018 Se il cliente e' un'illusione ottica
05/06/2018 Il debutto della fattura elettronica anche per le imprese ortofrutticole
04/06/2018 Coldiretti Calabria e OP Agrinsieme: una partnership che punta all’internazionalizzazione
01/06/2018 Quando il marchio non ha stagioni: il caso ClemenGold
29/05/2018 Venti anni di riconoscimenti al settore ortofrutticolo: il Comune di Rutigliano celebra il premio Grappolo d'Argento
29/05/2018 Fra un mese stop ai contanti per pagare i dipendenti
28/05/2018 SGMarketing: al via la III edizione del corso 'Il marketing dell'ortofrutta: dal prodotto alla categoria'

 

Commenti:


Buon giorno signor avvocato Roveda. Grazie per l'ottimo articolo (sperando venga ampliato). Questo argomento è il dibattito in quelle famiglie che hanno proprietà. Questo, che Lei solleva è un grande coperchio, che i proprietari dei fondi pongono dentro i muri delle proprie case.Grazie, per l'aiuto delle vostra rubrica porgete ai coltivatori, Erino.
Erino, Rovereto, Italia (email) - 07/11/2017 07:54:35


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*