Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Carolina e Francesco Cucurullo, Masseria del Feudo di Caltanissetta

Drupacee tardive: l'esperienza di un produttore siciliano

"Frazionare nel tempo le epoche di raccolta delle nostre coltivazioni frutticole, specialmente con le varietà tardive, significa stare sul mercato più a lungo rispetto ai nostri maggiori competitor del Nord Italia". Cosi Francesco Cucurullo che, assieme alla sorella Carolina, dirige i poderi di famiglia ricadenti nell'agro di Caltanissetta.

L'azienda 'Masseria Del Feudo' si trova nel cuore della Sicilia e la sua storia risale a più di cento anni fa, quando il bisnonno Salvatore acquistò nel 1906 dai Principi Branciforti una larga fetta dell'antico feudo.



Dal punto di vista strettamente agronomico, secondo quanto riferisce il titolare, la tipologia locale di terreno manifesta una spiccata potenzialità per le colture arboree di pregio come frutteti e vigneti.

"Il sito aziendale si trova a un'altitudine di circa 480 metri sul livello del mare - prosegue l'imprenditore - sui rilievi il terreno è mediamente calcareo, mentre nelle fasce medio-basse dei versanti e lungo i fondovalle predominano le argille-marnose. Sul versante podologico i terreni aziendali si classificano in suoli bruni di medio impasto. Si tratta di terreni, ora a tessitura equilibrata, ora a tessitura tendenzialmente argillosa, con una discreta presenza dei principali elementi chimici della fertilità e con un contenuto di argilla che varia dal 25 al 30%".

Videointervista di Francesco Cucurullo


Oltre agli aspetti riguardanti il suolo, svolgono un ruolo importante anche le condizioni climatiche: "Le temperature sono generalmente miti, grazie anche alla esposizione di gran parte dei terreni a sudest - spiega il responsabile vendite - e una sufficiente ventilazione riduce il livello di umidità, con ciò limitando le problematiche fitosanitarie. Il tempo durante la stagione, in questa zona, è particolarmente favorevole e pertanto il numero di trattamenti di difesa antiparassitaria è veramente esiguo, con favorevoli riflessi sull'impatto ambientale".

Le più avanzate tecniche agronomiche determinano una produzione totale della frutticoltura che si aggira sulle 700 tonnellate annue.



Per quanto riguarda pesche e nettarine (18 ettari), sono varietà a maturazione tardiva da fine agosto ai primi di ottobre. Si tratta di ben 12 diverse cultivar internazionali, particolarmente resistenti alle intemperie settembrine. Sono impiantate su ulteriori tre ettari prugne a maturazione medio tardiva da fine luglio a settembre. Per le albicocche (due ettari), trattasi di varietà a maturazione precoce. Il periodo di raccolta va dalla prima settimana di giugno alla prima settimana di luglio.

Francesco prosegue: "Noi vendiamo sulla pianta, ma la distribuzione dei nostri prodotti avviene attraverso il canale della GDO italiana ed europea grazie a nostre partnership commerciali. Per l'80% le nostre merci rimangono in Italia e solo il 20% è destinato all'export verso i Paesi europei, quali Germania, Francia e altri".

"Nell'intento di diversificare l'attività produttiva abbiamo investito nella realizzazione di una struttura agrituristica, in grado di ospitare fino a 15 persone. Oltre a pernottare, gli ospiti hanno l'opportunità di effettuare i 'percorsi di filiera' visitando a piedi tutte le coltivazioni. Inoltre ospitiamo spesso anche meeting e convegni".

Carolina, che si occupa di marketing aziendale, aggiunge: "La nostra azienda si trova al centro della Sicilia, fra siti di interesse Unesco come la Villa del casale a Piazza Armerina e la Valle dei Templi ad Agrigento. Anche per questo è nata la nostra struttura ricettiva. Infatti crediamo molto nella sinergia fra cultura e agricoltura".



"Terre antiche dove un tempo regnava il grano - conclude la manager - offrono adesso colline su cui insistono coltivazioni di pregio, che ricoprono una superficie complessiva di 110 ettari. Agricoltura e bellezze paesaggistiche si armonizzano alla Masseria del Feudo, dove è possibile trascorrere giornate immerse nella campagna e partecipare alla raccolta della frutta o alle altre attività, oppure visitare le bellezze architettoniche della zona".

Contatti:
Masseria Del Feudo

C.da Grottarossa s.n.
93100 - Caltanissetta
Tel.: +39 0934/830885
Fax: +39 0922/856755
Email: info@masseriadelfeudo.it
Web: www.masseriadelfeudo.it

Data di pubblicazione: 12/10/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/02/2018 Cina: nuovo dilemma per gli esportatori di mele
19/02/2018 UE e Russia ricevono le uve indiane
19/02/2018 Un assaggio di Francia meridionale approda in Australia
19/02/2018 Focus sul mercato mondiale delle mele
19/02/2018 Frutti esotici coltivati a Bergamo: baby kiwi rosso, Feijoa, Asimina
19/02/2018 La Polonia e' il terzo produttore di ciliegie al mondo
16/02/2018 Identificato il gene coinvolto nella crescita delle piante di fragola
16/02/2018 Svizzera: autorizzata l'importazione di 8.000 tonnellate di mele
16/02/2018 Il Venezuela vuole esportare una quantita' maggiore di avocado e ananas
16/02/2018 Potenziale del melone Charentais non sfruttato appieno sui mercati d'esportazione
16/02/2018 Comprendere cio' che i consumatori vogliono dai kiwi, dal sapore alla praticita'
16/02/2018 Resoconto del 21mo Congresso Nazionale ed Internazionale Uva da Tavola
16/02/2018 La filiera italiana di avocado e mango si sta facendo strada
16/02/2018 Sudafrica: il raccolto di uva resiste nonostante la siccita'
15/02/2018 I coltivatori di mele neozelandesi scelgono nuove varieta' rispetto al passato
15/02/2018 Chiusi i porti indiani alle mele cinesi, attenzione spostata sulla vendita al dettaglio
15/02/2018 Argentina: le esportazioni di pere e mele sono aumentate di oltre il 500% nel mese di gennaio
15/02/2018 Nuova varieta' di uva rossa senza semi selezionata in Sudafrica
14/02/2018 Brio parla tedesco con Fruit Logistica e Biofach
14/02/2018 Sviluppata una nuova tecnologia di post-raccolta per le pere

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*