Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Messico: un sistema per coltivare piu' pomodori con meno acqua

Gli scienziati del Dipartimento di Orticoltura della Universidad Autónoma Agraria Antonio Narro (UAAAN) hanno sviluppato un sistema sostenibile e low cost di ricircolo delle risorse idriche per la produzione di pomodori nelle aree caratterizzate da carenza di acqua. Lo scopo di questo sistema è quello di produrre pomodori a basso costo, attraverso l'utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel ciclo agricolo, promuovendo la sicurezza alimentare tra le popolazioni agricole isolate e con limitate disponibilità di acqua.

"Utilizziamo 150 litri per modulo da 16 piante ciascuno. Impiegheremo 600 litri di acqua per ogni modulo durante tutto il ciclo, e nell'acqua modificheremo la concentrazione di sali minerali presenti per ogni pianta, in base alla fase in cui si troverà" ha affermato Marcelino Cabrera de la Fuente, professore ricercatore del Dipartimento di Orticoltura della UAAAN, e candidato per il Sistema Nacional de Investigadores (SNI).

In Messico la produzione di un chilogrammo di pomodori in pieno campo richiede 215 litri di acqua, in serra 36 litri, con un'impronta idrica di 13 litri a pomodoro - circa 70 grammi. L'acqua che non viene più sfruttata nel sistema non viene sprecata, ma viene aggiunta al sistema di irrigazione a goccia della coltivazione all'aperto.

Un ciclo virtuoso e a basso costo
Lo scienziato ha spiegato che il sistema si basa su tubature di polivinilcloruro (PVC). Queste sono collegate ad una pompa, simile a quelle usate negli acquari, che richiede un utilizzo minimo di energia elettrica. L'acqua cade in un contenitore, e da lì viene pompata in tubi situati a livello delle radici. Questi hanno una pendenza del 10%. Il consumo di acqua è minimo, ogni settimana si perde all'incirca un litro di acqua in un ciclo in serra di durata 150-180 giorni, con un costo approssimativo di 800 pesos/modulo.

"Riduciamo l'utilizzo di acqua e prodotti fitosanitari e offriamo un prodotto compatibile al consumo umano - ha precisato Cabrera de la Fuente - Il progetto tenta di impiegare le risorse in modo più sostenibile: sappiamo che esiste un grosso problema, chiamato cambiamento climatico, e abbiamo sempre sottolineato l'attenzione per le risorse (terra, acqua, atmosfera) ai professionisti che abbiamo preparato. In questo caso abbiamo aggiunto un altro importante fattore: fare attenzione alla qualità nutrizionale del prodotto".

"L'idea è quella coinvolgere le persone della comunità, così che possano apprendere le tecniche, imparare a migliorarle e impiegare le risorse in modo intelligente, oltre a produrre loro stessi il loro cibo a seconda delle proprie possibilità". Cabrera de la Fuente ha sottolineato il fatto che il sistema possa essere applicato in aree agricole caratterizzate da carenza di risorse idriche, ma con un potenziale di sviluppo per progetti di questo genere.

"Mi piacerebbe svilupparlo per le coltivazioni in campo aperto. Vorremmo che i produttori adottassero questo sistema, ma alcuni di loro possiedono risorse limitate e non possono produrre in serra, oppure non possiedono l'esperienza adatta a produrre pomodori".

Fonte: conacytprensa.mx

Data di pubblicazione: 11/09/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

18/06/2018 L'innovazione vegetale rischia di bloccarsi senza un accesso semplificato alle risorse genetiche
13/06/2018 Piantare alberi da frutto non potrebbe essere piu' facile
12/06/2018 In India, uva da tavola selezionata dai robot
11/06/2018 I robot ci salveranno dalla carenza di manodopera nel settore fragole
11/06/2018 Le patatine del futuro grazie alla stampa 3D
08/06/2018 Un brevetto dell'Universita' di Bolzano per riutilizzare gli scarti della lavorazione delle mele
06/06/2018 Una societa' cinese di innovazione tecnologica si afferma sui mercati d'oltremare
06/06/2018 La cucina robotica che prepara piatti vegetariani, vegani e gluten free
05/06/2018 Bonduelle apre un nuovo centro dell'innovazione
01/06/2018 Alternative al rame e agli insetticidi per l'agricoltura bio: una ricerca italiana
01/06/2018 Il robot impollinatore BrambleBee: un'enorme ape su ruote, con braccio meccanico
31/05/2018 Innovazione e sviluppo sostenibile: Vertical farming a Torino
30/05/2018 Dopo le babyleaf fuori suolo, quelle senza la mano dell'uomo
28/05/2018 Ridurre il costo della manodopera e migliorare la crescita dei raccolti di piccoli frutti
24/05/2018 Agricoltura hi-tech, semina miliardi e pensa sostenibile
23/05/2018 Interpoma 2018 da' spazio alle idee innovative con lo Startup Village
21/05/2018 Impollinazione noce con drone: esperienza italiana in Portogallo
18/05/2018 Cosenza: Confindustria premia la macchina che funziona con gli scarti delle arance
17/05/2018 Lanciato un induttore di colore per l'uva rossa
16/05/2018 Il packaging riciclabile in ortofrutta tira: la proposta compostabile di Itali'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*