Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Dal 2015 presente in Italia

New Delhi virus: un problema crescente soprattutto per le cucurbitacee

Tomato leaf curl New Delhi virus (ToLCNDV) è un virus conosciuto in tutto il mondo per la sua virulenza. E' stato identificato in Italia nell'autunno del 2015 (in Sicilia, nella provincia di Trapani, su zucchino) dopo aver causato gravi danni in Spagna, paese in cui è stato segnalato nell'autunno 2012 su zucchino in pieno campo nella regione di Murcia e nel 2013, sempre su zucchino, nelle serre di Almeria. Nel gennaio 2015, il virus è stato rilevato anche in Tunisia su meloni, zucchini e cetrioli coltivati in serra.

Può colpire colture economicamente importanti come pomodoro, melanzana, patate, zucchino, melone, anguria, cetriolo. E' un virus da quarantena inserito nella lista EPPO (European and Mediterranean Plant Protection Organization) per cui sono necessarie misure di prevenzione e controllo obbligatorie.

La sintomatologia del virus consiste in un ingiallimento a mosaico delle foglioline, crescita anomala della venatura centrale, margine fogliare ripiegato verso il basso, con conseguente compromissione dello sviluppo vegetativo. Sui frutti si verificano rugosità cutanee e spaccature per cui il prodotto non è più commerciabile. Come la maggior parte dei virus, la sua trasmissione da pianta a pianta avviene tramite un insetto vettore, Bemisia tabaci, già vettore di oltre 120 virus delle piante.

Vista la recente introduzione e diffusione di ToLCNDV nei paesi mediterranei di Spagna, Tunisia e Italia occorre sviluppare adeguate misure di controllo. Dopo la rilevazione di ToLCNDV, in Spagna, B. tabaci è presente su pomodori, melanzane, peperone, cetrioli, meloni e zucchine in diverse regioni della Spagna meridionale.

Il problema maggiore è legato alle specie dette criptiche di B. tabaci: si tratta di specie diverse, ma così simili tra loro da essere indistinguibili; tuttavia diverse dal punto di vista molecolare ed ecologico. In Spagna, queste popolazioni sono state parzialmente sequenziate per identificare le specie criptiche e gli estratti del virus ToLCNDV.

Ad oggi, ToLCNDV è stato trovato associato con le specie asiatiche indigene criptiche B. tabaci; tuttavia, tra le 35 popolazioni di B. tabaci raccolte nel Sud della Spagna e sequenziate geneticamente, 15 popolazioni sono risultate positive in quanto contenevano ToLCNDV ed erano limitate alle province dell'Andalusia (Almeria, Granada, Siviglia e Malaga) e sono state raccolte su cetrioli, zucchine, pomodori e melone.

Ciò suggerisce che, oltre alle specie criptiche asiatiche, il virus si è diffuso anche attraverso le popolazioni di B. tabaci mediterranee, sottolineando così la necessità di incrementare i controlli sulla sicurezza sanitaria dei materiali vegetali.

Nelle zone in cui il problema sta provocando ingenti danni, diversi istituti di ricerca stanno lavorando per individuare genotipi resistenti. In Spagna, l'Università Politecnica di Valencia sta lavorando su messa a punto di protocolli di inoculazione, metodi diagnostici e resistenza genetica delle piante: in questi mesi sono stati pubblicati alcuni lavori sulle cucurbitacee, essendo le più suscettibili. E' di due settimane fa lo studio in cui, partendo da un genotipo di melone selvatico (VM-7), i ricercatori hanno identificato i geni che potrebbero indurre una resistenza al virus: scoperta importante per lo sviluppo di nuove cultivar virus-resistenti di melone.

Foto: Dr. Agr. Raffaele Giurato

Data di pubblicazione: 31/07/2017
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Ucraina: aumentate di sei volte le esportazioni di carote
31/07/2017 Romania: nel 2016, produzione vegetale tripla rispetto a quella animale
31/07/2017 Fagiolino di Sant'Anna: verdura antica e dimenticata della Toscana
31/07/2017 Syngenta: le ultime selezioni di cucurbitacee proposte al mercato
28/07/2017 Sipo: richieste dei clienti in linea con il 2016
28/07/2017 Ravanello: l’accumulo di metalli pesanti nell’ipocotile dipende dal genotipo
28/07/2017 Selezioni indiane di basilico per olio essenziale
28/07/2017 Ortica: da erba infestante a officinale ottima in cucina
28/07/2017 Pomodorino del piennolo del Vesuvio: un progetto di recupero della biodiversita' andato a buon fine
27/07/2017 Cipro trae vantaggio dal crescente appetito di gombo
26/07/2017 Il biologico cresce anche nel settore delle erbe aromatiche
25/07/2017 Pomodoro da industria: e' iniziata la trasformazione della materia prima
25/07/2017 Primo semestre 2017: consumi in crescita per la IV Gamma
25/07/2017 Aglio Rosso di Sulmona pronto per la vendita
25/07/2017 Spagna: i pomodori Piccolo arrivano sugli scaffali dei supermercati per la prima volta
24/07/2017 Funghi Funghi (Belgio): sono arrivati i primi gallinacci dalla Bielorussia
24/07/2017 Il ciliegino Mandello e il portinnesto Kaiser sono approdati in Tv
24/07/2017 Ad agosto ricomincia la messa a dimora dei funghi coltivati
21/07/2017 Cina: i prezzi dei broccoli sul mercato interno sono migliori di quelli ottenuti all'estero
21/07/2017 Bejo: Namibia F1, soddisfazione e conferme dalla piana del Fucino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*