Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Contraffazione marchio IGP: sanzioni fino a 750mila euro e il carcere

E' notizia di questi giorni che il Consorzio della Pesca e Nettarina di Romagna IGP sta per ricevere il riconoscimento ministeriale di Consorzio di Tutela. La Pesca e la Nettarina di Romagna IGP è coltivata nelle province di Bologna, Ravenna, Forlì, Cesena e Rimini ed è stato il primo frutto a ottenere il riconoscimento di IGP in Italia insieme alla Pera dell'Emilia Romagna e all'Arancia Rossa di Sicilia.

L'Italia è il Paese europeo con il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dalla UE. Ciò costituisce, indubbiamente, una dimostrazione della grande qualità delle nostre produzioni e del forte legame tra le eccellenze agroalimentari italiane e i territori di origine. Chiediamo alcuni chiarimenti in proposito all'avvocato Gualtiero Roveda, consulente di Fruitimprese.

FreshPlaza (FP): Cosa si intende con il termine IGP?
GR: L'Indicazione geografica protetta (IGP) identifica un marchio di qualità, rilasciato dalla UE a fronte di una istruttoria preliminare molto accurata e poi dell'impegno di tutti i produttori a sottoporsi al costante controllo di un ente terzo di certificazione. Il marchio in questione viene attribuito a quei prodotti per i quali una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica dipendono dall'origine geografica, e la cui produzione, trasformazione e/o elaborazione avviene in un'area geografica determinata. Per ottenere tale marchio, almeno una fase del processo produttivo deve avvenire in una particolare area.



FP: Qual è la differenza con il marchio di denominazione d'origine protetta (DOP)?
GR: La differenza fra prodotti DOP e prodotti IGP consiste nel fatto che i primi sono elaborati e commercializzati esclusivamente nel territorio dichiarato; mentre per i secondi il territorio richiamato conferisce al prodotto, attraverso alcune fasi o componenti della elaborazione, le sue caratteristiche peculiari, ma non tutti i fattori che concorrono al suo ottenimento provengono da detto territorio.

FP: Quali sono i compiti e i poteri dei Consorzi di tutela?
GR: I Consorzi svolgono attività di vigilanza sui prodotti a Indicazione Geografica avvalendosi di Agenti vigilatori. Questi possono esplicare le proprie funzioni nei confronti di chiunque in ogni fase della produzione, della trasformazione e del commercio. Nell'esercizio di tali compiti, ad essi può essere attribuita la qualifica di agente di pubblica sicurezza. I Consorzi di tutela delle DOP e IGP collaborano con l'Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF). L'attività di vigilanza è rivolta prevalentemente alla fase del commercio attraverso:
- verifiche dirette a riscontrare che le produzioni tutelate rispondano ai requisiti previsti dai disciplinari di produzione;
- vigilanza su prodotti similari, prodotti o commercializzati nell'UE, che con false indicazioni sull'origine, la specie, la natura, le qualità specifiche possano ingenerare confusione nei consumatori e recare danno alle produzioni DOP/IGP.

FP: Quali norme tutelano le indicazioni geografiche e di provenienza?
GR: In ambito nazionale, le violazioni delle DOP e IGP espongono i trasgressori a quanto previsto dalle norme sulla concorrenza sleale, dal Codice della proprietà industriale, dal Codice del consumo, dalle previsioni in materia circa la repressione della pubblicità ingannevole o comparativa illecita e dalle sanzioni dell'art. 517-quater del codice penale.

FP: Quali sono le pene per il reato di Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari?
GR: La violazione delle norme in materia determina una lesione non soltanto degli interessi dei titolari dei diritti di privativa e dei consumatori dei prodotti contraffatti, ma anche interessi di tipo economico generale, relativi al regolare funzionamento del mercato, alla correttezza della concorrenza, alla competitività delle imprese e, dunque, alla tutela dell'economia nazionale nel suo complesso. Per il rilevante disvalore attribuito alle condotte incriminate il legislatore ha introdotto la specifica norma penale innanzi ricordata. Il trattamento sanzionatorio è severo: reclusione fino a due anni e multa fino a euro 20.000. Non si deve, infine, dimenticare che il reato in questione è inserito tra i reati-presupposto previsti dal d.lgs. 231/2001 in materia di responsabilità amministrativa/penale delle società e degli enti. La sanzione pecuniaria può arrivare fino a 500 quote. Tradotta in pratica, significa una sanzione a carico dell'ente compresa tra un minimo di 25.800 e un massimo di 750.000 euro.

Data di pubblicazione: 31/07/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Marketing moments: i brand piu' vivaci dell'estate
28/07/2017 Strategie aziendali: non esistono piu' scelte giuste, esistono scelte coerenti
27/07/2017 Dare identita' al prodotto ortofrutticolo: i nuovi video per il melone Majores e l'anguria Gavina
26/07/2017 Agricoltori, siete diventati i moderni schiavi. La legge della domanda e dell'offerta non esiste piu'
25/07/2017 Bonus pubblicita' per partita IVA e imprese: come ottenerlo e mettere annunci quasi gratis
25/07/2017 Integra spiega come il lavoro in agricoltura puo' prosperare sul benessere dei dipendenti
24/07/2017 A chi darei l'Oscar della comunicazione nel settore ortofrutta? Alla frutta secca
24/07/2017 Licenziare un dipendente disonesto: e' sempre possibile?
21/07/2017 Melone: quando il prezzo puo' moltiplicarsi per 16
20/07/2017 Incontro Cia sulla (imperfetta) Legge contro il caporalato: le perplessita' del mondo agricolo
17/07/2017 Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico
17/07/2017 Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'
13/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - seconda parte
12/07/2017 Orogel premiata da Carrefour
12/07/2017 Resto al Sud: nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno
11/07/2017 La frutta va promossa, non svenduta
11/07/2017 Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?
11/07/2017 Migrazioni e Africa: per la FAO occorre affrontare il nodo della disoccupazione giovanile
10/07/2017 Intervista di FreshPlaza a Massimiliano Giansanti nel suo centesimo giorno da presidente Confagricoltura
10/07/2017 Pesche e nettarine: crisi mediterranea e web

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*