Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'

L'Ispettorato Nazionale del Lavoro, tramite l'elaborazione di una serie di domande e relative risposte, recentemente diffusa tramite nota interna, ha fornito al personale ispettivo (Inl, Inps e Inail) indicazioni in materia di sospensione dell'attività imprenditoriale. Chiediamo all'avvocato Gualtiero Roveda (foto), consulente di Fruitimprese nazionale, quali sono gli aspetti di maggior interesse per le imprese sull'argomento in questione.

FreshPlaza (FP): Quando gli Organi pubblici di vigilanza possono sospendere l'attività imprenditoriale?
Gualtiero Roveda (GR): Il D.Lgs. n. 81/2008 dispone che il personale ispettivo può adottare provvedimenti di sospensione dell'attività quando riscontra l'impiego di personale irregolare in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro o in caso di gravi e reiterate violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

FP: Quando si può considerare "irregolare" un lavoratore?

GR: E' tale il personale rispetto al quale non è stata effettuata la comunicazione ai Servizi per l'impiego. E' riconducibile alla nozione di lavoratore sia il personale astrattamente inquadrabile come lavoratore dipendente sia quello privo del vincolo di subordinazione se non vi è un rapporto formalizzato. La presenza di un lavoratore autonomo occasionale sarà, conseguentemente, considerata irregolare se dalla documentazione non risultano versamenti di ritenute, contributi o altri elementi che depongano per la genuinità del rapporto (dichiarazioni, lettere di incarico aventi data certa, notule di richiesta compenso presentate, ecc.).


Foto d'archivio

FP: Poniamo il caso che al momento dell'accesso gli ispettori rilevino la presenza di 8 lavoratori di cui 3 "in nero"... L'impresa rischia il provvedimento di sospensione?

GR: Sì. La percentuale va calcolata su base 8. I 3 lavoratori "in nero", rappresentando il 25% del totale dei lavoratori, consentono l'adozione del provvedimento di sospensione. Ai fini del computo, rileva solo il personale presente sul luogo di lavoro nel momento dell'ingresso in azienda.

FP: I lavoratori distaccati sono computati nella base di calcolo dell'impresa utilizzatrice?
GR: Sì.

FP: La regolarizzazione in costanza dell'accesso ispettivo del personale rinvenuto "in nero" impedisce la sospensione dell'attività?
GR: No. Secondo la recente nota dell'Inail, il provvedimento deve essere comunque adottato.

FP: Quando decorre il provvedimento di sospensione?
GR: Di regola la decorrenza della sospensione è posticipata alle ore dodici del giorno successivo o al termine delle attività che non possono essere interrotte. In quest'ultimo caso, gli ispettori devono valutare se l'interruzione immediata non determini una situazione di maggior pericolo, ferma restando l'impossibilità di adibire il personale "in nero" al lavoro. Il Ministero del lavoro aveva, peraltro, già chiarito in precedenza che è opportuno non adottare il provvedimento quando possa recare un grave danno agli impianti o alle attrezzature (ad es. attività a ciclo continuo) ovvero ai beni (ad es. frutti giunti a maturazione o allevamento animali).

FP: Soci amministratori che prestano attività lavorativa in modo irregolare devono essere computati nella base di calcolo?

GR: No.

FP: Quali sono le conseguenze in caso d'inottemperanza al provvedimento di sospensione?
GR: La violazione integra un'ipotesi d'illecito penalmente rilevante, sanzionato con l'arresto da 3 a 6 mesi o l'ammenda da 2.500 a 6.400 euro.

FP: Quali sono le condizioni per la revoca del provvedimento di sospensione?
GR: L'istituto della sospensione è "strumentale" a una sollecita regolarizzazione delle violazioni accertate. Condizioni per la revoca sono la regolarizzazione completa delle posizioni lavorative, il pagamento di 2.000 euro (lavoro irregolare) o 3.200 euro (gravi e reiterate violazioni in materia di sicurezza). Resta salva l'applicazione delle sanzioni penali, civili e amministrative.

Data di pubblicazione: 17/07/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

15/06/2018 Come e' cambiato il modo di fare agricoltura dei giovani imprenditori in 60 anni
14/06/2018 AbioMed: ortofrutta, alleata della salute
11/06/2018 Second Home: la 'seconda casa' creativa per imprenditori e innovatori
11/06/2018 Dall'Albania per imparare a fare ortofrutta organizzata
08/06/2018 Southern Seed: esigenze delle aziende e formazione scolastica a braccetto
07/06/2018 Fruit Logistica: disponibile la quarta parte del Trend Report 2018
06/06/2018 Agroinnova: anni di impegno per una difesa sostenibile delle colture
05/06/2018 Se il cliente e' un'illusione ottica
05/06/2018 Il debutto della fattura elettronica anche per le imprese ortofrutticole
04/06/2018 Coldiretti Calabria e OP Agrinsieme: una partnership che punta all’internazionalizzazione
01/06/2018 Quando il marchio non ha stagioni: il caso ClemenGold
29/05/2018 Venti anni di riconoscimenti al settore ortofrutticolo: il Comune di Rutigliano celebra il premio Grappolo d'Argento
29/05/2018 Fra un mese stop ai contanti per pagare i dipendenti
28/05/2018 SGMarketing: al via la III edizione del corso 'Il marketing dell'ortofrutta: dal prodotto alla categoria'
28/05/2018 Nuova privacy e protezione dati, le nuove sfide per le aziende
24/05/2018 I dieci anni di Cherry Passion e le sfide del settore ortofrutticolo nel racconto di Stefano Pezzo
23/05/2018 Vendere all'estero con un aiuto competente
21/05/2018 Europa e marchi d'impresa: cosa cambia
21/05/2018 Lo sviluppo dell'ortofrutticoltura siciliana passa dall'efficientamento del sistema infrastrutturale e viario
18/05/2018 Le sfide in agricoltura si vincono anche con una buona formazione

 

Commenti:


in agricoltura è perfettamente corretto che vengano fatti questi controlli, e viene considerato caporalato se invece della paga sindacale di 56E l'operaio viene pagato 40 o 45 euri . ma allora mi chiedo, in tutte le attivita commerciali , o artigianali tipo :parrucchieri, estetisti, ecc.. che pagano le commesse dai 100 euri ai 300 al MESE come si devono considerare? (negrieri).
riflettete.
luigi, vittoria, RG - 18/07/2017 21:13:17


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*