Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Angurie: dovrebbe andare decisamente meglio, ma la qualita' non basta

Secondo dati Ismea, nella 27ma settimana del 2017, le operazioni di raccolta di meloni e angurie si stanno progressivamente intensificando negli areali produttivi del nord Italia e il maggior afflusso di prodotto nel circuito commerciale ha provocato un evidente calo dei prezzi all'origine.


Meloni (Foto d'archivio).

Si sono intensificate le operazioni di raccolta dei meloni e l'incremento delle disponibilità ha comportato una generale flessione dei prezzi in campagna. Esordio non esaltante per la tipologia Helios sulla piazza di Trapani, sempre a causa di un'offerta abbondante. Come già anticipato (cfr. FreshPlaza del 13/07/2017), per il clima favorevole e le elevate temperature che ha fatto maturare (se non cuocere, in alcuni casi, ndr) i meloni con circa 20 giorni di anticipo, si teme un gap produttivo a fine luglio/inizi di agosto.

Sempre secondo i dati Ismea, la prima settimana di luglio ha sancito l'inizio della commercializzazione di quantitativi rappresentativi di angurie nei centri di scambio del nord Italia; le prime contrattazioni sono avvenute sulla base di valori mediamente inferiori rispetto a quelli rilevati nell'analogo periodo dello scorso anno. Listini in ulteriore flessione per il prodotto di provenienza leccese.


Mini-angurie (Foto d'archivio).

Dalla Basilicata, un operatore del settore lamenta a FreshPlaza una pessima situazione di mercato, confermando il calo dei prezzi rispetto allo scorso anno: "Merce di qualità a prezzi più che ridicoli. Le promozioni della grande distribuzione a quotazioni stracciate non aiutano. Se poi pensiamo che il prodotto in offerta non è neanche nazionale ma spagnolo spazzolato, la cosa fa davvero arrabbiare. Abbiamo grandi volumi di mini-angurie italiane vendute in campagna a un massimo di 7 centesimi al chilo e la Gdo acquista il medesimo prodotto dalla Spagna". L'operatore sottolinea infatti che l'Italia dovrebbe importare solo quando non sono disponibili produzioni nazionali o non ce sono a sufficienza per soddisfare la domanda.

"Non abbiamo registrato problemi climatici di alcun genere, i volumi sono in linea con le altre annate, e, mai come quest'anno, le angurie sono state spettacolari in termini qualitativi. Per via della mancanza di pioggia, si sono registrati maggiori costi di produzione, ma questo si era già messo in conto. E' il calo delle quotazioni di vendita che proprio costituisce la nota stonata!".

La situazione non è migliore in Calabria o Puglia. Da una cooperativa calabrese confermano la "pessima tendenza di mercato dell'anguria. Un livello di 4 o 5 centesimi di euro in campo è una miseria. Non vale la pena neanche raccogliere. Tutto il settore frutticolo mostra al momento un andamento commerciale in calo: vale per le drupacee, per i meloni e persino per l'uva da tavola. Generalmente, uva e angurie rappresentano i prodotti trainanti nel periodo estivo, ma così non è". Tra le motivazioni, "l'importazione di prodotto estero a prezzi molto più bassi rispetto ai nostri".

Data di pubblicazione: 14/07/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/07/2017 Spagna: i meloni Galia sono piu' economici di 30-40 cent al chilo
21/07/2017 Mappa interattiva del commercio globale di banane, avocado, ananas e angurie
21/07/2017 Messico: problemi climatici compromettono la produzione di avocado bio
21/07/2017 Spagna: mango biologici con una finestra commerciale migliore
21/07/2017 Guido Fruit (Belgio): maggio e giugno, mesi ottimi per le drupacee. Cominciata la stagione dell'uva italiana
21/07/2017 Confagricoltura Toscana: angurie non piantate a causa della siccita', persi 5 milioni di euro
21/07/2017 Azienda Coniglio: 30% in meno per le uve in generale, ma qualita' e sapore ottimi
21/07/2017 Nuove varieta' di pesche piatte con fondo chiuso e piu' colorate
21/07/2017 Futurpera 2017: il punto sul consumo globale e sui mercati esteri piu' promettenti per le pere
21/07/2017 Esportare drupacee in tutto il mondo e' possibile. Il Cile insegna
21/07/2017 Nuova Zelanda: la batteriosi dell'actinidia finisce in tribunale
20/07/2017 Francia: aumento della produzione di ciliegie e calo dei prezzi
20/07/2017 Reti e hydrocooler permettono profitti enormi nei ciliegieti
20/07/2017 Ci sono prospettive per le varieta' di mele Elstar e Jonagold?
20/07/2017 Coldiretti Viterbo: a terra fino al 30% di nocciole per il vento
20/07/2017 Melinda, dato previsionale mele: in media solo 35% di produzione
20/07/2017 Pere Coscia del comprensorio di Ribera (AG): ci sarebbero gli estremi per un marchio di tutela?
20/07/2017 Mercato pesante per pesche e nettarine, in rialzo le quotazioni per albicocche e ciliegie
20/07/2017 Polonia: previsto calo considerevole nel raccolto 2017 di pomacee
20/07/2017 La campagna dei piccoli frutti piemontesi procede secondo le aspettative

 

Commenti:


Sono anni e anni che si sentono sempre le stesse lamentele...ovviamente più che fondate.
Io mi chiedo..ma quanto tempo ci mettono per arrivare all orecchio dei politici?a chi dovrebbe tutelarci? O sono troppo impegnati con altro?
O paura che faranno qualcosa quando sarà troppo tardi. Come il loro solito fare.
Eppure qui lo squilibrio..è proprio evidente.
La cosa che fa più rabbia è che si riempono la bocca e le tasche grazie all agricoltura..facendo poco in cambio.
Antonio, Brindisi, Italia - 14/07/2017 13:09:52


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*