Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La frutta lasciata marcire sugli alberi e' una sconfitta per tutti

Da Rotondella, in provincia di Matera, giungono queste immagini. Albicocche non raccolte e lasciate sull'albero. Tappeto di frutti per terra il cui unico giovamento, ormai, è la bio-concimazione.



E' la cooperativa Trisaia di Rotondella ad aver diffuso queste foto il 20 giugno. "Ci sentiamo in dovere di denunciare - comunica la cooperativa Trisaia - uno dei fenomeni più gravi e spaventosi degli ultimi anni. Siamo arrivati davvero a un punto in cui l'agricoltore, che con fatica e sudore si impegna per l'intero anno a coltivare piante al fine di raccogliere e vendere i frutti, deve arrendersi di fronte a un sistema in cui egli non riesce nemmeno più a sostenere se stesso, figuriamoci una famiglia intera".



"Questo perché? Il motivo è molto semplice: l'agricoltura non conta più nulla per nessuno e nessuno si preoccupa di tutto questo. Per questa ragione iniziamo a farci un po' di giustizia da soli, rendendo noto questo fenomeno. Tutti devono sapere quale fine hanno fatto le nostre albicocche. E se è vero che l'unione fa la forza, allora uniamoci e combattiamo tutti insieme questo grave problema, invece di far soccombere l'economia del nostro territorio".

"Chiediamo attenzione verso noi agricoltori, che dovremmo vivere di questo senza troppi intoppi, in un settore, quello primario, che è il più importante. Non chiediamo l'elemosina, non chiediamo regali, vogliamo semplicemente vivere e non morire come sono morte le nostre albicocche".



Naturalmente FreshPlaza condivide e diffonde il grido di allarme lanciato dai produttori del Metaponto. Qualcuno, nei giorni scorsi, ha calcolato che un agricoltore abbia dovuto raccogliere 12 kg di albicocche per l'equivalente (€ 3,60) di un cono gelato. Quando si vedono situazioni come queste, la sconfitta è di tutto il sistema.

Quest'anno di albicocche ce ne sono fin troppe, è vero, anche a seguito di condizioni meteo favorevoli. Ma il settore avverte come ormai non più rimandabile un "patto di sopravvivenza", ad esempio il riconoscimento di un prezzo minimo sotto il quale non si debba scendere.

Purtroppo, siamo in regime di libero mercato, dove è l'equilibrio tra domanda e offerta (anche se non sempre il tutto risulta così lineare e trasparente, NdR) a fare il prezzo: se la produzione è in eccesso rispetto alla domanda, il surplus rischia di rimanere sulle piante.

Gli agricoltori più accorti, non a caso, sono quelli che diradano pesantemente, in modo da ottenere calibri elevati:
è innegabile infatti che il mercato richieda per lo più frutta di grossa pezzatura.

Rispetto a 10-15 giorni fa, ora le cose stanno andando leggermente meglio. Un direttore di cooperativa ci dice che le migliori varietà di albicocche sono liquidate 50 centesimi. Ancora poco, ovviamente, ma va anche detto che i volumi in ballo sono enormi e la PLV-Produzione Lorda Vendibile, perciò, ne risente in positivo.

Data di pubblicazione: 26/06/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/04/2018 Offerta continuativa di Noci Pecan Italia grazie all'azienda Sirgole
19/04/2018 Le prime pesche spagnole arrivano con un po' di ritardo
19/04/2018 Ciliegie sotto serra al nord, raccolta imminente
19/04/2018 Ispica: si spera nella campagna delle angurie
19/04/2018 Questa stagione e' stata spettacolare per i produttori di kiwi greci
19/04/2018 Cinque trucchi per far maturare l'avocado
19/04/2018 Costa Rica: vendite di ananas aumentate del 19% in quattro anni
19/04/2018 Canarie: i coltivatori di avocado esigono maggiori controlli
18/04/2018 Tre vivaisti italiani a supporto dell'agricoltura albanese
18/04/2018 Giappone: coppia di mango venduta a piu' di 3000 euro
18/04/2018 La ciliegia come frutto innovativo: nuove varieta' a disposizione
18/04/2018 Coldiretti Campania: le proposte per la rinascita della castanicoltura
17/04/2018 Ontario: in fase di valutazione una nuova varieta' di uva da tavola
17/04/2018 Spagna: piu' facile la vendita di ananas biologici di piccola taglia
17/04/2018 Svizzera: in forte aumento l'areale dedicato a piccoli frutti biologici
17/04/2018 Il successo della nocicoltura italiana passa attraverso la ricerca: il progetto PORT.NOC
17/04/2018 OPAS si rivolge al canale retail per le prossime campagne uva e drupacee
17/04/2018 Sicilia Bedda: il melone giallo siciliano
17/04/2018 Argentina: comincia la stagione di raccolta del kiwi
17/04/2018 La Cooperativa Agricola San Tommaso si racconta in tv

 

Commenti:


mentre per un Kg di pane occorrono 20 Kg di frumento. Dov'è il sindacato delle imprese agricole. Chi difende gli agricoltori? può essere che siamo lasciati soli a far morire lentamente le nostre imprese. Ma fino a quando questa situazione può durare. Eppure chi produce beni primari dovrebbe essere un comparto non dico privilegiato ma sicuramente guardato con tanta attenzione. Invece no. Con la scusa che l'UE ci dà, dopo tanti controlli, qualche aiuto, i nostri prodotti devono essere svenduti!!!! E se il mondo agricolo per soli 10 giorni non produce cosa succede? Immaginate soltanto che gli scaffali della GDO o dei negozi alimentari per 10 giorni rimangono vuoti di prodotti alimentari certo che c'è da riflettere ......
bartolomeo sammartano, palermo, italia (email) - 02/07/2017 20:54:18


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*