Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Castagnole di Paese (TV), oggi 19 maggio ore 17:00

Confagricoltura Treviso: incontro "'La coltivazione del nocciolo'

Un investimento poco impegnativo, che promette una buona redditività futura. È questa la motivazione che spinge molti agricoltori di settori in crisi a lanciarsi nella coltivazione delle nocciole, che in molte zone d'Italia, fino a qualche decennio fa, costituiva una fonte di reddito non indifferente per molte famiglie.

Il tema verrà approfondito in tutti i suoi aspetti nell'incontro "La coltivazione del nocciolo", promosso da Confagricoltura Treviso, che si svolgerà nella sede di Castagnole di Paese oggi 19 maggio alle 17. A fornire tutte le informazioni utili a chi voglia lanciarsi nella nuova avventura agricola sarà Gianluca Griseri, responsabile tecnico di Ascopiemonte, organizzazione dei produttori di frutta a guscio.

Nel Trevigiano è alto l'interesse per le nocciole, valutate da 150 a 450 euro al quintale quando il prezzo medio di un quintale di grano è oggi di 14 euro a quintale, insufficiente a coprire i costi di produzione. A piantare noccioli stanno iniziando i 13 soci della cooperativa Il Noceto, che ha sede a Chiarano, con coltivazioni di noci nelle campagne di Treviso, Venezia e Udine.

"Da qualche anno i cereali sono a redditività zero e in molti stanno cercando alternative – spiega Fabio Morandin, di Confagricoltura, che fa parte della cooperativa -. La coltivazione delle nocciole è un'alternativa molto valida. Richiede un investimento modesto, da 7.000 a 10.000 euro per un ettaro, impianto di irrigazione compreso, che entra in piena produzione dopo 5 anni. La richiesta sul mercato è molto alta, soprattutto da parte di gruppi come Ferrero, Lindt e Pernigotti, che richiedono nocciole di qualità italiana, superiore a quella di Paesi come la Turchia. Il problema odierno è che mentre la Turchia è il maggior produttore mondiale, con il 70 per cento del mercato, l'Italia, pur essendo il secondo, non riesce neppure a coprire il fabbisogno nazionale. Per questo Ferrero e Novi sono alla ricerca di nuovi produttori di nocciole e spingono affinché le Regioni inseriscano nei loro Piani di sviluppo rurale finanziamenti specifici per la coltura".

Il Noceto ha 300 ettari coltivati a noci. Con le nocciole la redditività della cooperativa potrebbe essere rafforzata, andando a costruire un'importante realtà produttiva, economica e occupazionale. "Abbiamo già un impianto di essiccazione e lavorazione per le noci - spiega Morandin -. Ora dovremmo farne uno specifico per le nocciole, per servire non solo i nostri soci del Trevigiano, ma anche quelli di altre province, in modo da dare impulso all'espansione della coltivazione".

In Italia si raccolgono 120.000 tonnellate annue di nocciole, di cui il 14 per cento dal Piemonte. La nocciola è utilizzata principalmente nelle lavorazioni industriali per produrre torroni, creme, cioccolato, biscotteria, crostatine e dolci in genere. Il nocciolo è una pianta molto longeva, che può arrivare a 70-80 anni. E' una cultivar forte, che richiede poca acqua e una minima concimazione e non presenta importanti attacchi fungini e di insetti. La raccolta è manuale nei primi anni e successivamente avviene con l'impiego di mezzi meccanici.

Fonte: www.confagricoltura.it

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

18/10/2017 Gemellaggio expoSE e expoDirekt in Germania
17/10/2017 Domani al via Fruit Attraction 2017: oltre un centinaio le imprese italiane presenti
17/10/2017 Convegno 'Il melograno: tutte le novita', dalla coltivazione al consumo'
16/10/2017 Chiudono il 19 ottobre le iscrizioni a The Rome Table
16/10/2017 Spagna: visite guidate agli impianti di kaki
16/10/2017 Veneto Agricoltura: visita guidata alle prove varietali di radicchio rosso di Chioggia e cavolfiore
13/10/2017 Si avvicina l'appuntamento con FuturPera 2017
13/10/2017 16 ottobre, Giornata mondiale dell'alimentazione
12/10/2017 Oltre un centinaio di imprese italiane sara' presente a Fruit Attraction 2017
12/10/2017 CRPV: visita guidata fagiolino da industria tardivo
11/10/2017 Seminario 'Verifiche e utilizzo in sicurezza dei carri raccogli frutta'
10/10/2017 Noicattaro (BA): Scuola di Specializzazione in Viticoltura con frequenza gratuita
10/10/2017 Convegno "L'uso dei droni per l'agricoltura di precisione"
09/10/2017 The Rome Table: il parere di Marco Salvi
09/10/2017 CRPV: visita guidata lattuga in pieno campo ciclo autunnale
06/10/2017 Agrinsieme: a GROW! il futuro degli accordi di libero scambio per l'agroalimentare italiano
06/10/2017 Casola Valsenio (RA): Festa dei Frutti Dimenticati e del Marrone
05/10/2017 Tavola rotonda 'Promuovere la biodiversita' fra cultura dell'alimentazione e valorizzazione commerciale'
05/10/2017 Convegno su Melograno e Frutta secca
04/10/2017 Le mele di AISM tornano nelle piazze italiane

 

Commenti:


La Ferrero e la Novi cercano solo di fare i propri interessi, tra 5/6 anni quando la produzione aumenterà faranno crollare i prezzi portando i nuovi agricoltori al fallimento ed i vecchi reggeranno perchè le loro attrzzature saranno già ammortizzate. Notare bene quello che sta succedendo in TURCHIA - per non far crollare i prezzi è intervenuta la TMO- In italia non esiste nessuno che potrà evitare lo SCEMPIO. Ad majora.
angelo clarioni, soriano nel cimino, italia - 19/05/2017 10:08:24


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*