Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



"E' scorretto imporre una richiesta di finanziamento per promozioni o per attivita' commerciali"

Pratiche sleali, i rischi per il mondo ortofrutticolo

Il pesce piccolo mangia il più grosso. E' così anche in agricoltura? In certi casi sì, con il settore primario, nello specifico chi vende frutta e verdura, in situazione di svantaggio rispetto a chi compra.



A livello europeo, la Commissione si sta muovendo: lo scopo è quello di evitare i comportamenti dei compratori che, abusando della propria maggior forza commerciale, impongono condizioni contrattuali gravose.

"Le condotte sleali - spiega Gualtiero Roveda, avvocato e consulente per Fruitimprese, stanno penalizzando agricoltori e PMI, tanto che per loro diventa sempre più difficile sopravvivere sul mercato, effettuare investimenti e innovare le aziende. Le inefficienze del settore si ripercuotono immediatamente sui consumatori della UE, in quanto la spesa per i prodotti alimentari assorbe una parte considerevole del bilancio medio delle famiglie".

E' noto che la Commissione europea e i rappresentanti della filiera agro-alimentare a livello comunitario hanno individuato, in tempi relativamente recenti, una serie di principi di buone prassi cui gli operatori debbono ispirarsi nel relazionarsi tra loro.



"Innanzitutto - continua Roveda - le parti contrattuali devono sempre tenere in considerazione gli interessi dei consumatori, dell'intera filiera alimentare e assicurare la massima efficienza e ottimizzazione delle risorse disponibili. Devono, altresì, essere liberi di determinarsi e, nel caso decidano di stringere rapporti commerciali, devono rapportarsi con le controparti in maniera responsabile, in buona fede e con diligenza professionale".

L'elenco delle cosiddette "pratiche sleali" è lungo, come spiega Roveda. Le principali sono le seguenti:
  1. stipulare un contratto evitando di mettere alcuni termini per iscritto. Ciò, infatti, contrasta con la trasparenza che deve informare le relazioni commerciali, soprattutto nel caso in cui il rapporto sia asimmetrico per un differente potere economico;
  2. imporre termini e condizioni generali che contengano clausole inique;
  3. interrompere unilateralmente un rapporto commerciale senza preavviso, o con un preavviso troppo breve e senza una ragione obiettivamente giustificabile;
  4. variare unilateralmente i prezzi dei prodotti;
  5. imporre una richiesta di finanziamento per promozioni o per attività commerciali proprie di una parte;
  6. imporre compensi per l'inserimento nel listino che sono non proporzionali al rischio di commercializzare un nuovo prodotto;
  7. minacciare l'interruzione del rapporto di lavoro o la fine di quest'ultimo per ottenere un vantaggio senza giustificazione oggettiva, ad esempio punendo una parte per esercitare i propri diritti;
  8. chiedere il pagamento di servizi o prodotti non di interesse o il pagamento per questi che chiaramente non corrisponde al valore/costo del servizio reso.

Data di pubblicazione: 20/03/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 La serra idroponica hi-tech Sfera offre 150 posti di lavoro
21/11/2017 Agriges a Growtech 2017
21/11/2017 La UE accelera sulla banda larga nelle aree rurali
21/11/2017 PAC: pagati anticipi a 60mila agricoltori
21/11/2017 Amsterdam Produce Show: il reportage fotografico
21/11/2017 Nova: valutare sempre l'impatto sull'ambiente di qualsiasi input chimico
20/11/2017 Ecomondo: un successo per Bestack
20/11/2017 UE: le superfici bio sono aumentate di 2 milioni di ettari in 5 anni
20/11/2017 Phil Hogan: l'innovazione avra' un ruolo chiave nella PAC dopo il 2020
20/11/2017 Carrelli elevatori, patentini in scadenza
20/11/2017 FuturPera: piccola fiera ma con innovazione. Guarda tutte le foto!
17/11/2017 Valagro al fianco dei produttori di uva da tavola
17/11/2017 Lazio: in arrivo la 'Scuola di export', un piano di promozione e un bando da 6 milioni di euro
17/11/2017 Delegazione cinese a Latina per studiare il settore agroalimentare
17/11/2017 UE: via libera alla mini-riforma PAC dal 1°gennaio 2018
17/11/2017 Aziende italiane in Cina: tutto pronto per la trasferta a Shanghai
17/11/2017 L'inchiostro alimentare vuole sostituire i bollini. Guarda il video!
17/11/2017 FuturPera funziona: ottima affluenza il primo giorno
16/11/2017 Coldiretti: mancano 60 miliardi di metri cubi di acqua
16/11/2017 Detassati al 10 per cento i premi di risultato degli operai agricoli

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*