Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Anche l'Unione europea si e' accorta che gli agricoltori guadagnano poco

In questi giorni si è parlato dell'impegno della Commissione europea a presentare, nella seconda metà del 2017, una proposta legislativa per contrastare le pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare. Chiediamo all'avvocato Gualtiero Roveda, referente di Fruitimprese, chiarimenti in merito.



FreshPlaza (FP): Il Commissario europeo all'agricoltura Phil Hogan pare si stia dando molto da fare per sostenere il settore agricolo.

Gualtiero Roveda (GR): In un recente incontro con i presidenti delle associazioni degli agricoltori e delle cooperative agricole di tutta Europa, Hogan ha evidenziato che è necessario "fornire agli agricoltori gli strumenti adatti per gestire responsabilmente i mercati agricoli con un bilancio adeguato". Il Commissario ha anche preso atto che gli agricoltori - da lui definiti "custodi delle campagne"- svolgono un ruolo essenziale per l'economia europea.

FP: Quali sarebbero le direttrici dell'impegno europeo?

GR: La politica europea, secondo Hogan, deve supportare gli agricoltori perché siano competitivi e sostenibili a livello ambientale, sociale ed economico. A tal fine è necessario individuare strumenti che stabilizzino il loro reddito e diano loro l'opportunità di investire in tecnologia.



FP: Il Commissario ha dichiarato che la Commissione intende affrontare il problema della distribuzione del valore nella filiera.

GR: E' vero. Hogan ha dichiarato che sta collaborando con le altre direzioni della Commissione per sostenere la posizione degli agricoltori, in quanto "non stanno guadagnando come dovrebbero".

FP: La Commissione si è finalmente resa conto che le pratiche commerciali sleali sono un grave problema nella filiera alimentare?

GR: Negli ultimi anni la filiera alimentare europea è stata soggetta a cambiamenti strutturali significativi, che hanno comportato elevati livelli di concentrazione. E' inoltre prassi diffusa relazionarsi con il contraente debole con pratiche sleali quali ritardi nei pagamenti; modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali; risoluzione ingiustificata del contratto; riscossione di pagamenti per servizi fittizi; imposizione di promozioni, pagamenti per l'esposizione della merce in vista e altri pagamenti aggiuntivi. Le pratiche commerciali sleali sono messe in atto laddove vi sono disuguaglianze nelle relazioni commerciali. La disparità di potere contrattuale determina squilibrio e ciò è dovuto alla crescente concentrazione del potere di mercato tra un numero ridotto di gruppi multinazionali.



FP: E sono gli agricoltori i primi a rimetterci?

GR: E' di immediata evidenza che chi detiene prodotto deperibile versi in una situazione di svantaggio. Secondo la Commissione, non solo gli agricoltori sono anelli deboli della filiera, ma anche le PMI (piccole e medie imprese). Non si deve dimenticare che le PMI costituiscono oltre il 90% del tessuto economico europeo e sono esposte alle pratiche commerciali sleali, al punto che per loro diventa più difficile sopravvivere sul mercato, intraprendere nuovi investimenti in prodotti e tecnologie oppure innovare.

FP: Chi sono i soggetti danneggiati dalle pratiche sleali?

GR: Le pratiche commerciali sleali hanno conseguenze negative per agricoltori e PMI, con conseguenti ripercussioni sull'intera economia dell'Unione europea, nonché sui consumatori finali limitandone la scelta dei prodotti e l'accesso a soluzioni innovative.

Riporto testualmente un passaggio riportato da Internazionale, il settimanale diretto da Giovanni De Mauro: "Si dirà allora: qual è il danno che riceve il grande pubblico? In fin dei conti, parliamo di relazioni commerciali tra distributori e fornitori, soggette alle dinamiche del libero commercio e della concorrenza. Ma a questo punto è utile fare un passo indietro e tornare alla domanda iniziale: chi paga davvero le famose promozioni e il sottocosto?"

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza londinese Europe Economics, la compartecipazione delle imprese produttive alle iniziative promozionali presso i distributori ammonta, a livello europeo, a qualcosa come 30 o 40 miliardi di euro. Si tratta di una cifra colossale, pari a più della metà dei sussidi che la Commissione europea garantisce agli agricoltori comunitari attraverso la Politica agricola comune (Pac).

In un certo senso, il denaro pubblico alla fine non è utilizzato per innovare o migliorare la qualità, bensì per tenere in piedi un sistema economico iniquo, in cui il più grande mangia il più piccolo.

Come conclude lo stesso studio, "le pratiche sleali nel commercio limitano la possibilità per i fornitori di reinvestire nelle loro imprese e creano un grado di incertezza (alcuni analisti la definiscono 'paura') che scoraggia impegni a lungo termine. Nel corso del tempo, ciò ridurrà le possibilità di sopravvivenza di fornitori competenti e risulterà in una mancanza di innovazione e di miglioramento della qualità. Alla fine dei conti, queste pratiche danneggiano il consumatore".

Data di pubblicazione: 06/03/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/05/2017 Fruitgrowing interviene nel dibattito sui brevetti vegetali
22/05/2017 Rosso ciliegia sul web: se ne parla tanto, non sempre bene e la tipicita' e' vincente
22/05/2017 Diritto di prelazione: ecco quando l'agricoltore ha la precedenza
19/05/2017 Un ricercatore di UniUdine interviene nel dibattito sui brevetti vegetali
18/05/2017 Perche' il mancato rispetto dei brevetti vegetali danneggia tutti quanti
18/05/2017 Progetto del CEFA per coltivare verdura e frutta in Tanzania
16/05/2017 Tempo di melone sul web: il Mantovano spopola in Italia
15/05/2017 Imprenditori agricoli e legge salva-suicidi. Ecco a chi serve e come funziona
12/05/2017 OP Terre della Luce si presenta al Macfrut: un nuovo passo da protagonista per la Basilicata
10/05/2017 La rivoluzione vegetale e' realta'
09/05/2017 Belgio: metamorfosi totale per Lizzy's Nieuwe Oogst
08/05/2017 Agroalimentare: oltre il 70% delle Pmi non investe nelle tecnologie
08/05/2017 Echi dal web: tutti pazzi per i microgreen
05/05/2017 Quali sfide per il commercio ortofrutticolo nell'era dell'online e del direct sourcing?
04/05/2017 Prevenire e' meglio che curare: la sicurezza sul lavoro e' fondamentale anche in agricoltura
03/05/2017 Il settore non dovrebbe scoraggiarsi di fronte alle sfide
02/05/2017 Sorveglianza sanitaria dei lavoratori stagionali, costi a carico del datore
28/04/2017 All'estero non si va con un solo prodotto, ma con l'intera filiera
27/04/2017 Trieste: Gli Orti di Venezia, Coop Alleanza 3.0 e Vittorio Sgarbi insieme per una pinacoteca d'eccezione
27/04/2017 I risultati della missione in West Africa: collaborare con il fornitore o investire come ha fatto Francescon

 

Commenti:


Egr sig per noi agricoltori che lavoriamo seriamente sui prodotti che portiamo sulle Vs tavole facciamo difficoltà a produrre in quanto abbiamo a che fare con i cambiamenti climatici.Si investe per poi non raccogliere niente come abbiamo subito nel 2017.
I danni subiti non sappiamo se riusciamo a recuperare qualcosa, ma dobbiamo finire di chiedere l'elemosina,
abbiamo subito parecchi danni a causa dellle gelate significa che per almeno due anni non si ha una buona produzione.
Vi ricordo che siamo noi che vi diamo da mangiare sano e se ci fate passare la voglia di produrre cosa succederà.
Ci sono altri sistemi per poter avere dei contributi senza andar a chiedere l'elemosina. Intanto chi paga siamo sempre noi non incassando nulla siamo i primi ad investire e gli ultimi ad incassare.
se servono altre info per un miglioramento basta ciedere
marcello, lamezia terme, italia (email) - 11/03/2017 21:45:02


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*