Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Borgo d'Ale, 17 febbraio 2017

Convegno su la moria del kiwi nel Vercellese

Le stagioni estive 2015 e 2016 hanno fatto registrare temperature elevate e prolungate come non accadeva da decenni. Alcuni impianti di actinidia hanno iniziato a manifestare sintomi di disseccamento su alcune piante prima in alcune aree del frutteto per poi interessare l'intero appezzamento. Le zone più colpite in Piemonte sono state inizialmente quelle del Vercellese, Alice Castello e Borgo d'Ale in particolare, ma successivamente anche le zone fra Saluzzo e Pinerolo hanno evidenziato impianti completamente collassati. Il bilancio a fine 2016 era preoccupante: 120 ettari distrutti ad Alice Castello e Borgo d'Ale e poco meno nel Saluzzese. Allarma la continua crescita del fenomeno.

I ricercatori di Agrion, supportati dal servizio fitosanitario regionale, hanno cercato di definire il quadro della situazione per provare a venire a capo del problema. Il fenomeno è analogo a quanto si è verificato nel Veronese a partire dal 2012. Là oltre 1.200 ettari sono stati colpiti e in buona parte estirpati.


Impianto collassato

In Piemonte sono stati condotti i rilievi patologici e le analisi di laboratorio presso il Settore fitosanitario della Regione Piemonte, che hanno escluso la presenza di agenti patogeni specifici. Si tratta purtroppo di un problema fisiologico, su cui intervengono diverse cause: terreni compattati, temperature elevate che fanno traspirare molta acqua dalle grandi e tenere foglie dell'actinidia, mentre le radici in asfissia non riescono ad assorbire acqua e nutrienti. Bisogna restituire benessere all'apparato radicale, creando le condizioni di un terreno strutturato e drenato, dove le radici si sviluppino in simbiosi con consorzi microbici e micorrizici che ne favoriscano le funzioni. Infine, una irrigazione "non una goccia di più".


Radici compromesse

Nel 2016 sono state diffuse le prime note tecniche, che mettono in luce alcune cause più importanti e gli interventi agronomici da adottare. Si è formato un gruppo di lavoro, che vede la collaborazione di Agrion con il Settore Fitosanitario, il Crea e l'Università di Torino.

Dal lavoro finora svolto è possibile tracciare le prime conclusioni che vengono oggi presentate ai produttori. Regione Piemonte, i Comuni di Alice Castello e Borgo d'Ale, Agrion – Fondazione Ricerca Agricoltura piemontese e la Cooperativa Borgofrutta, invitano tutti gli operatori del settore all'incontro tecnico che si terrà il 17 febbraio alle ore 9,30 presso il Salone polivalente comunale – Via Roma, 15 Borgo d'Ale (VC). I relatori interverranno su sintomi e fattori predisponenti e daranno le prime indicazioni per prevenire e limitare la diffusione del fenomeno.

Clicca qui per il programma



Data di pubblicazione: 13/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

25/09/2017 Come si distribuira' l'ortofrutta nel 2025? Gdo italiana e fornitori si confrontano a Fresh Retailer
25/09/2017 Fondazione Navarra: prove di diradamento su Fuji
22/09/2017 Convegno 'Tecnologie e strumenti a supporto dell'agricoltura: scienza e ragione alla base di ogni decisione'
22/09/2017 Importanti adesioni internazionali a The Rome Table: il B2B ortofrutticolo di Roma
21/09/2017 A Milano si inaugura il primo frutteto urbano
19/09/2017 China Fruit and Vegetable Expo: opportunita' di entrare in mercati promettenti
18/09/2017 CREA: 63ma Mostra Pomologica
15/09/2017 Noce, coltura ad alto reddito: giornata tecnica per scoprirne i dettagli
15/09/2017 Fresh Retailer Show&Conference: il 29 settembre a Milano l'appuntamento con la GDO italiana
15/09/2017 Porte aperte presso la Cooperativa Agricola La Primavera
14/09/2017 Workshop sulla distribuzione cooperativa dei prodotti freschi nel Lazio
14/09/2017 Bologna: workshop 'Esportare negli USA e collaborare con le imprese americane nell'era di Trump'
14/09/2017 Accademia dei Georgofili: conferenza sul Progetto Agrochar
12/09/2017 Noce, coltura ad alto reddito: giornata tecnica per scoprirne i dettagli
11/09/2017 Simposio internazionale sul Melograno
11/09/2017 Short Master Universitario 'Recupero, caratterizzazione e mantenimento dell'agrobiodiversita' delle colture orticole pugliesi'
08/09/2017 Unaproa e Georgofili invitano a Firenze per un incontro sulla strategia nazionale ortofrutta
08/09/2017 Amsterdam Produce Show: prenota ora il tuo stand!
07/09/2017 Fra Puglia e Sicilia l'Ottavo Simposio Internazionale dell'Uva da Tavola
07/09/2017 Nono simposio internazionale sul kiwi

 

Commenti:


Terreni più arieggiati e mezzi meno pesanti di sicuro aiuterebbero a contrastare l'asfissia. Un inoculo di micorrize darebbe quell'aiutino in più.
Alessandro, Novara, Italia - 16/02/2017 17:09:16


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*