Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'economista Stefano Zamagni: gli agricoltori comunichino il valore che donano alla societa'

"L'agricoltura è il settore con la più alta densità di dilemmi. L'agricoltura mondiale, nei prossimi trent'anni, dovrà aumentare le produzioni del 70% per sfamare i 9 miliardi di persone che ci saranno sul pianeta. Ma ciò si scontra con la sostenibilità ambientale". Così ha esordito l'economista Stefano Zamagni, docente all'Università di Bologna, intervenendo il 28 gennaio 2017 al Forum della Cdo agroalimentare a Milano Marittima (Ravenna)".


Stefano Zamagni (fonte vita.it)

"Vi hanno insegnato - ha detto l'esperto - a misurare le tonnellate, ma non vi hanno insegnato a mostrare e spiegare tutto il resto che fate. Voi imprenditori agricoli dovete comunicare e far capire che la vostra attività genera anche esternalità positive, cioè benefici alla filiera, quindi all'intera comunità. Se non fate questo, non vi ricompenseranno mai il giusto. Antonio Rosmini teorizzò il concetto della ricompensa per le piccole imprese, quindi l'autorità pubblica deve compensare almeno in parte questo beneficio che le imprese generano per tutti".


Da destra, l'economista Stefano Zamagni, il professor Angelo Frascarelli, il vice ministro Andrea Olivero.

Zamagni ha continuato la sua riflessione dicendo che "Gli ambientalisti attaccano l'agricoltura perché assorbe i due terzi dell'acqua dolce di tutto il pianeta e contribuisce alla deforestazione. Questo è un dilemma etico, lo scontro fra due situazioni entrambe importanti e lecite. Attualmente siamo a un tale grado di superficialità della discussione che mi sconcerta. Gli ambientalisti hanno tratto nuova linfa dal documento di papa Francesco Laudato Si', ma sono fuori strada perché loro vogliono salvare l'ambiente uccidendo le persone, indirettamente. Il Papa invece dice esattamente l'opposto: preservare l'ambiente, ma mettere al primo posto l'uomo".


La platea del Forum Cdo agroalimentare. 28 gennaio 2017.

"Ci sono tre agricolture: contadina, imprenditoriale, capitalista. Quest'ultima è quella che pone problemi, da cui il dilemma. Alcune multinazionali hanno formato un oligopolio. Formalmente è vietato, ma di fatto operano in questo modo, decidendo le sorti di tutto il mondo, nonostante producano solo il 15% del cibo a livello globale. Eppure hanno un potere di influenza quasi totale sui Governi. Poi influenzano il mondo agricolo controllando le sementi. Sono 8 le grandi corporation che controllano le sementi".

"Poi c'è la volatilità dei prezzi agricoli - ha precisato - che è il vero cancro dell'agricoltura. Non si fanno investimenti quando si rischia di avere prezzi incerti nel futuro. La volatilità non dipende dal mercato. Non c'è solo la ragione del clima; i prodotti finanziari derivati hanno avuto come garanzia i prezzi delle materie prime agricole, quindi c'è anche l'effetto della speculazione finanziaria. C'è volatilità anche quando l'offerta è quasi costante. Negli ultimi 20 anni, gli sbalzi sono stati altissimi".


Un ceraseto in collina. Il valore aggiunto dell'imprenditore agricolo sta anche nei benefici che il suo lavoro produce per la collettività, come il mantenimento del territorio.

C'è attività speculativa finanziaria dietro alla volatilità dei prezzi delle commodities globali, "non fatevi ingannare, non è solo questione di maltempo. Un manipolo di imprese detta le conseguenze per tutti: è giusto? Non è il mercato, non è la logica di mercato. Questa logica distruggerà l'economia di mercato. Tanti vengono a parlarvi di economia ma non sanno nulla di economia, dovrei bocciarli all'esame. Diffidate sempre dai cattivi maestri, specie quelli che dicono che non si può cambiare".

"Sul livello culturale - ha concluso davanti a una platea di 300 imprenditori - dovete fare di più. Ma non tanto in termini di corsi di formazione, ma in Cultura con la c maiuscola, cioè formare la mente delle persone. Bisogna cambiare lo slogan consumare di più e pagare meno, in consumare meglio e pagare il giusto. Se passa il messaggio low cost, si uccidono gli agricoltori. Pensiamo a un consumo socialmente responsabile".

Data di pubblicazione: 02/02/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/02/2017 Lavoro nero: fino a 36mila euro di multa per ogni operaio
17/02/2017 APOC e le sue aziende associate in prima linea per implementare il progetto aggregativo
16/02/2017 Gabriele Ferri: il modello Opera e' replicabile in altri comparti produttivi
15/02/2017 Trasporto: un autista italiano costa 28 euro l'ora contro gli 8 di un bulgaro
14/02/2017 Melinda si veste di rosso per dire no alla violenza sulle donne
14/02/2017 Confagricoltura Taranto definisce assurda la legge sul caporalato: gli indici di sfruttamento penalizzano gli imprenditori onesti
07/02/2017 Riforma Pac: abbassare dal 30 al 20% la soglia per accedere agli aiuti
06/02/2017 ICA e Nature's Pride uniscono le forze per sostenere i coltivatori del Guatemala
03/02/2017 Brand ortofrutta sempre piu' social. Ma e' proprio vero?
01/02/2017 Il lavoro di squadra non e' semplice, ma determina il successo di un'impresa
31/01/2017 Giuseppe Battagliola: guadagnare vendendo in perdita si puo'
30/01/2017 La prossima Pac dovra' sostenere le aziende innovative
30/01/2017 Agricoltura di solidarieta': ortaggi stagionali ogni settimana condividendo i costi
27/01/2017 La spagnola Alquimia Fruits rafforza la sua immagine aziendale
26/01/2017 Oltre la crescita… la decrescita
25/01/2017 Ortofrutta e assegni postdatati non vanno d'accordo
20/01/2017 Internazionalizzazione dell'ortofrutta per perseguire crescita e sviluppo
20/01/2017 Aiutaci a delineare il profilo dell'Export Manager in ortofrutta: partecipa al questionario!
19/01/2017 La Linea Verde come caso di successo al corso di Marketing della Facolta' di Scienze Agrarie e Alimentari di Milano
18/01/2017 Pagamenti: i consigli dell'avvocato in caso di insolvenza

 

Commenti:


Mancano le istituzioni capaci di regolare i sistemi economici, che devono garantire equità e benessere sociale.
Le rappresentanze agricole e non, con tutta la buona volontà, non hanno comprensione di come funziona il sistema produttivo, commerciale e di consumo.
Nelle varie stratificazioni di queste dinamiche si inseriscono, appunto, aspetti speculativi finanziari e reali.
Sono un agricoltore, per condizione e per passione, e posso garantire che un agricoltura regolata può risolvere molti problemi di crisi.
Da questo,in breve, vi dico una formula magica che può avere effetti risolutivi immediati: controllare tutti i valori monetari delle materie prime e delle produzioni da una parte e, dall'altra obbligare tutti gli attori della filiera commerciale ad avere un guadagno imposto in termini percentuali.
Cioè: Ricavi-Costi= Guadagno

Onore al merito al professor Zamagni

Un Saluto a tutti

Sabino

Sabino Ditroia, San Ferdinando di Puglia (bt), Italia - 04/02/2017 19:54:14


L'unica cosa che manca in questo articolo come Zamagni ha citato Rosmini manca che in questo momento ci vuole un calo demografico. Questo, non con la guerra, vedendo ieri ed oggi che fa altro che sottrarre risorse alla terra ma bensi un controllo. Nei paesi islamici, vale la poligamia, mi stanno bene tante donne ma non tanti figli. Oggi vediamo che per quella persona saranno una risorsa, ma un domani morta lascierà un profondo vuoto (che tanti di loro piangeranno). Se noi osserviamo questo oggi lo constatiamo nelle grandi citta del centro Sud America
Erino, Rovereto, Italia (email) - 02/02/2017 08:43:37


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*