Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Intervista di FreshPlaza a Giorgio Mercuri: l'ortofrutta a cavallo tra il 2016 e il 2017

Il 2016 si è chiuso: un anno particolare che ha portato a non pochi sconvolgimenti nella produzione agricola. Condizioni climatiche particolari con stagioni non ben definite nelle loro caratteristiche termiche, di temperatura. Tutto ha avuto una ripercussione sulle colture, la loro maturazione, la raccolta e la lavorazione. Poi le gelate, la neve, le temperature artiche di questo primo assaggio del 2017.

A darci un quadro della situazione è Giorgio Mercuri, nuova guida di Agrinsieme, nonché presidente dell'Alleanza delle Cooperative Italiane settore Agroalimentare.

FreshPlaza (FP) - Feste di fine d'anno, inizio del nuovo, tempo di bilanci e di raffronti.
Giorgio Mercuri (GM) - "Abbiamo chiuso un 2016 dove in realtà i consumi, per quanto riguarda l'ortofrutta, sono stati in crescita e c'è stata un'attenzione rispetto agli anni passati sui prezzi, quindi una loro crescita che, naturalmente, si è riversata anche sulla parte produttiva dei nostri agricoltori. È anche vero che abbiamo vissuto una stagione 2016 particolare, le temperature non hanno distinto le stagioni, un anno che ha prolungato alcune coltivazioni rispetto ad altre. Nnel settore degli ortaggi in particolare, abbiamo vissuto una concentrazione della produzione in autunno, poi un inverno con un calo delle produzioni, causa della maggiore attenzione della grande distribuzione sulla ricerca di prodotti che non sempre siamo riusciti a soddisfare".

FP - Dopo le temperature miti, ecco il freddo polare di questi giorni, gravi danni per l'agricoltura e l'ortofrutta.
GM - "Con l'arrivo delle gelate e nevicate di questi giorni, soprattutto per alcuni prodotti si è verificata una vera e propria distruzione totale. La conseguenza è che non solo oggi non riusciamo a garantire l'approvvigionamento alla grande distribuzione, ma non lo saremo nemmeno nei prossimi mesi. In modo particolare per quanto riguarda il finocchio o il carciofo o alcuni prodotti come alcune crucifere che non resistono a temperature ancora più basse di -8 o -9 gradi centigradi.

Non siamo ancora in grado di quantificare le coltivazioni che non potremo più recuperare. Dobbiamo aspettare altri giorni per capire l'entità dei danni perché le temperature continuano a essere rigide e proseguono a esserci nevicate. Occorrerà un ritorno alla normalità. Prima di 10/15 giorni non saremo in grado di riportare sui mercati quantità importanti di prodotti.

Da sottolineare che oggi le zone più colpite sono la Puglia, una delle aree fortemente vocate per le orticole e la Sicilia dove hanno avuto grossi problemi per il crollo delle temperature. Nell'Isola, dove c'è già un'attenzione sulle colture invernali perché c'è già un discorso di produzione e quant'altro, la situazione meteo non ha garantito la sopravvivenza di alcune coltivazioni e comunque ha bloccato la crescita di altre.

FP -Disastro per molte colture, che notizie avete già avuto?
GM - Per quel che possiamo dire, abbiamo visto foto di vigneti completamente buttati giù dalla neve. Forse saranno danni recuperabili, ma a costi che l'agricoltore deve e dovrà sopportare. Sul discorso della frutta, non sappiamo quale sarà il danno finale che verrà fuori. A dicembre avevamo avuto temperature elevate fino alla vigilia di Natale, molte gemme dei nostri frutti erano pronte a sbocciare.

Cosa accadrà o è già accaduto a queste gemme che non erano in una fase dormiente e che hanno subito questo forte e brusco irrigidimento delle temperature? Lo scopriremo fra qualche giorno, comprendendo se hanno avuto dei danni e di che entità. Sono fenomeni straordinari che creano danni alle aziende e anche ai consumatori i quali dovranno subire un innalzamento inevitabile dei prezzi.

FP - Per forza di cose ci si troverà di fronte a un'invasione di prodotti dall'estero?
GM - Nei prossimi giorni la grande distribuzione, pur di mantenere il prodotto sullo scaffale, sarà obbligata ad approvvigionarsi fuori dal nostro Paese. E qui, massima attenzione al consumatore: nell'ortofrutta, per fortuna, è obbligatoria l'origine del prodotto in etichetta. Ci aspettiamo che tutti espongano questa origine, affinché il consumatore possa fare una scelta consapevole su quello che va acquistando".

Autore: G.G. per FreshPlaza

Data di pubblicazione: 10/01/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/05/2017 Pronta la nuova mappa del genoma degli spinaci
26/05/2017 Migliorie negli imballaggi prevengono la condensa nelle baby leaf
26/05/2017 Wasino RZ: un pomodoro attraente, ideale per la coltivazione bio
26/05/2017 Pomodoro: in qualsiasi forma sia, al momento viene pagato troppo poco
25/05/2017 Bayer: dimostrazioni in campo sulla lattuga e ragionamenti sul futuro
25/05/2017 Il radicchio Geofur in tv su Rete4
25/05/2017 Intensificate le operazioni di raccolta degli ortaggi tipicamente estivi
25/05/2017 Azienda Agricola Modica: il biologico da' soddisfazioni
25/05/2017 Selvaggio F1: portainnesto per pomodoro della Vvibes
24/05/2017 Disponibilita' sufficiente di pomodori svizzeri
24/05/2017 Slovenia: nel 2016 produzione ortaggi in aumento del 16% rispetto al 2013
24/05/2017 Asparagi di Cantello, da 200 anni sulle tavole dei varesini
24/05/2017 Spagna: prezzi alle stelle per gli asparagi
24/05/2017 Calo nei prezzi degli ortaggi a frutto dopo un inizio di stagione insolito
24/05/2017 Alcuni dati sulle carote
23/05/2017 La Spagna si aspetta volumi di aglio simili a quelli dell'anno scorso
23/05/2017 Dragon's Breath: il peperoncino piu' piccante al mondo
23/05/2017 Florette lancia la nuova linea di spalmabili naturali
22/05/2017 I pomodori turchi torneranno in Russia questo inverno?
22/05/2017 In corso la Settimana della Biodiversita' Pugliese

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*