Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Nuenda: start-up siciliana propone incubatrice che facilita gli innesti

Nuenda, questo il nome della start-up costituita da poco più di un anno da tre giovanissimi universitari che, dopo il liceo, hanno intrapreso carriere accademiche diverse, pur rimanendo sempre in contatto. Nei periodi di vacanza, tra una chiacchiera e l'altra e confrontandosi sui rispettivi percorsi di studi, sono addivenuti a un sistema che mitiga nelle piantine innestate lo stress da innesto.

Compreso il potenziale delle loro idee, Emanuele Marino, Ilary Taranto e Stefano Recupero,hanno deciso di mettere a disposizione di vivaisti e produttori tecniche e tecnologie di ultima generazione che potessero garantire un prodotto finale qualitativamente superiore e concorrenziale nel mercato odierno.



Con la fine della fumigazione dei terreni, la domanda di piante innestate è in forte crescita, poiché, rapportati ai risultati finali ottenuti, i numerosi vantaggi giustificano il maggior pezzo rispetto alla pianta standard. Tuttavia, con le tecniche fin qui conosciute, la realizzazione di piante innestate diventa un lavoro alquanto impegnativo, laborioso e imperfetto con l'incombenza di una vigilanza costante sulle piantine e l'intervento contestuale per riparare alle condizioni climatiche che possono cambiare anche più volte in un giorno, con il conseguente impiego massiccio di manodopera qualificata. 



Realizzare piante innestate per produzioni orticole professionali richiede tanta esperienza e tanta attenzione da parte del vivaio e dei suoi operai, soprattutto durante la fase cruciale dell'attecchimento tra portainnesto e nesto. Le plantule, già in forte stress per il trattamento subìto nella serra del vivaio, dovranno rispondere a condizioni variabili di temperatura, umidità, quantità e qualità della luce, che andranno a incidere fortemente sullo sviluppo della pianta e, di conseguenza, sulla qualità del tessuto cicatriziale in formazione tra essi.

 

Un innesto di qualità mette le basi per una crescita e uno sviluppo migliore. Ma come s'inserisce il sistema ideato dall'Incubatrice Nuenda nel processo produttivo del vivaio da pianta orticolo?

"La nostra incubatrice permette di controllare tutte variabili ambientali, presentandosi come l'habitat perfetto per un attecchimento ottimale tra le due plantule, garantendo un risultato prossimo al 100% - risponde Stefano Recupero - Le luci, la temperatura e l'umidità sono tutte controllate dal nostro sistema, così da permettere un innesto di qualità in qualsiasi periodo dell'anno, andando a incidere fortemente sui costi di manodopera, spazio e logistica di tutto il processo, e quindi, sul prezzo finale".



Le luci utilizzate all'interno delle strutture di incubazione forniscono una radiazione luminosa il più simile possibile a quella naturale del Sole, dosando l'intensità e la quantità proprio per adattarsi a questa fase fenologica molto delicata.

L'Incubatrice Nuenda "riesce a raccogliere fino a un massimo di 60 contenitori, dodici per piano, i quali sono totalmente indipendenti e isolati l'uno dall'altro. Il tutto è stato concepito per dare la possibilità ai vivai di controllare l'ambiente, incluse le condizioni di sterilità".



Il progetto dell'Incubatrice Nuenda si è avvalso della collaborazione con diverse aziende vivaistiche operanti in provincia di Ragusa, aperte alla sperimentazione. Seppur giovane, l'azienda vanta, dunque, una vasta esperienza combinata nel settore ed è impegnata nella ricerca, lo sviluppo e la distribuzione di mezzi tecnici innovativi. Ce ne parla in un video lo stesso Stefano Recupero, nella veste di responsabile comunicazione e vendite (vedi qui sotto).



Contatti:
Nuenda Srls

Sedel Legale Via Firenze, 1/D
97019 Vittoria (RG)
Cell.: (+39) 334 7200881
Email: info@nuenda.it
Web: www.nuenda.it

Autore: Gaetano Piccione

Data di pubblicazione: 05/12/2016



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 La Corea del Sud nazione piu' innovativa del mondo per il quinto anno consecutivo
31/07/2018 Cile primo paese americano a vietare i sacchetti di plastica
31/07/2018 Con nuove tecnologie Idromeccanica Lucchini sbarca all'estero
30/07/2018 Ricercatori americani testano nanocristalli per prevenire i danni da gelo nei frutti
27/07/2018 Innovativo impianto idroponico a basso impatto ambientale: inaugurazione del progetto in Toscana
27/07/2018 Dropcopter pubblica i risultati relativi all'impollinazione con droni
26/07/2018 Progetto SoilVeg: presentati i risultati
26/07/2018 Grado di maturazione degli avocado: uno strumento lo misura
25/07/2018 Progetto B-SMART: carote e barbabietole per costruire edifici piu' solidi
24/07/2018 Sviluppare sistemi autonomi per la raccolta dei piccoli frutti
23/07/2018 La tecnologia promette di calcolare la conservabilita' reale di un prodotto ortofrutticolo
20/07/2018 Un nuovo imballaggio totalmente riciclabile conquistera' il settore ortofrutticolo
16/07/2018 Sviluppato protocollo per stampare tessuto vegetale in 3D
13/07/2018 Estratti vegetali e ipoclorito di sodio fungicidi promettenti per l'orticoltura biologica
13/07/2018 Una penna per testare la maturazione del durian
12/07/2018 La stampa 3D degli alimenti porra' fine allo spreco di cibo?
12/07/2018 Bag Fresco Senso, la novita' 2018 per anguria e melone ready to eat
12/07/2018 Raccoglitore robotizzato per angurie
11/07/2018 Linee complete di confezionamento per il segmento degli ortaggi snack
10/07/2018 Il robot Sweeper raccoglie i primi peperoni in tempo reale. Guarda il video!

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*