Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un inserto femminile calca la mano sui presunti residui

La disinformazione viaggia sul web: "State attente a mele, fragole e pesche"

A certa stampa piace calcare la mano e fare presa sull'emozionalità delle proprie lettrici. E perché no, anche su quel latente senso di ingiustizia che pare pervadere ampi strati della società, come se ci fosse sempre il complotto di qualche furbo per vessare il popolo. Emblematico l'articolo pubblicato dall'inserto "Iodonna" del Corriere della Sera, sui temi dell'ortofrutta declinata al biologico e convenzionale. L'articolo ha la stessa accuratezza che potrebbe averne uno di FreshPlaza sull'ultimo tipo di rossetto, oppure sulla moda di intimo francese.



Si parte subito con un bel ceffone alla mamma di turno, alla quale viene propinata la classifica dei 5 cibi più contaminati, manco fossimo a Chernobyl nell'aprile del 1986. Comunque per la rivista (online in questo caso) bisognerebbe stare lontano da mele, pesche e frutta da albero. A parte che non si sa bene cosa sia la frutta da albero, dato che anche mele e pesche, si presume, siano nella categoria. In tal modo, utilizzando a proprio piacimento dei presunti dati Efsa, si suggerisce alla lettrice di non comprare la "frutta da albero", o al massimo comprare biologico.

Peccato che qualcuno non sappia che la lotta integrata, praticata in Italia, porta ben al di sotto di qualsiasi soglia di tolleranza i residui. Forse i dati presi in considerazione derivavano da prodotti di importazione. Ma non è dato a sapere.



Dopo la frutta da albero, ecco che non bisogna comprare fragole, frutti di bosco e uva, perché contenenti pesticidi oltremisura. Proseguendo nella lettura c'è il sospetto che chi ha elaborato l'articolo sia a digiuno delle leggi, dei controlli, e di quanto impegno migliaia di agricoltori stanno mettendo nel conseguire i patentini per l'uso dei fitofarmaci, spendendo centinaia di euro per regolare le proprie attrezzature. Sperando, comunque, di fare sempre meno trattamenti possibili perché costano. E perché distribuire fitofarmaci non piace a nessuno.



Ma no, per qualcuno è meglio spaventare la gente e continuare scrivendo che lattuga e spinaci sono sporchi. Sì, magari di terra, che si lava via, mentre le competenze di qualcuno sarà difficile renderle linde.

Questo nostro servizio non ha lo scopo di denigrare il lavoro altrui, bensì dare una chiave di lettura più consona e il giusto rispetto a tutti gli operatori della filiera ortofrutticola.

Data di pubblicazione: 24/11/2016
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Maltempo, danni in vaste zone del nord d'Italia
31/07/2017 Quale effetto della Brexit sulla privativa comunitaria per le varieta' vegetali?
31/07/2017 McDonald's lancia l'hamburger con il kale ma i social non gradiscono
31/07/2017 Egitto: esportazioni agricole aumentate del 12%
31/07/2017 Eurostat: da dove vengono frutta e verdura europee
31/07/2017 Aiuti agli agricoltori: ma dove sono queste grandi lotte millantate?
31/07/2017 Buona estate! Riprendiamo le pubblicazioni tra qualche settimana!
28/07/2017 Sicilia: in pagamento i contributi bio
28/07/2017 Paesi Bassi: multe milionarie e servizio civile per i produttori fraudolenti
28/07/2017 Incontro a Washington tra ministri dell'agricoltura italiana e USA
28/07/2017 Siccita': stato di calamita' per sei regioni italiane
28/07/2017 Sudafrica: i produttori temono enormi perdite per via della siccita'
27/07/2017 ULTIMI AGGIORNAMENTI? Consulta La Clessidra!
27/07/2017 Confagricoltura: attivare un piano nazionale per non rimanere senza acqua
27/07/2017 La Fondazione Mach diventa organismo competente dell'Autorita' europea per la sicurezza alimentare
27/07/2017 Reti anti-insetto: efficacia e soluzioni per l'apertura delle testate
27/07/2017 Italia: in attesa di una nuova ondata di caldo, grandine e temporali tengono banco
27/07/2017 Gli standard elevati si raggiungono solo con un proprio centro di imballaggio
26/07/2017 Condizioni piu' rigide per la vendita di terreni agricoli serbi agli stranieri
26/07/2017 Sicilia: un bond da 50 milioni di euro da Unicredit per la filiera agricola

 

Commenti:


Caro Riciputi,
perchè oltre a far notare a noi lettori di Freshplaza, che come addetti ai lavori siamo "più o meno, probabilmente" d'accordo con lei, non prende carta e penna e scrive a IO DONNA il suo parere come ha scritto a noi.
Chissa se finalmente il gregge ha trovato il suo pastore......?
Grazie comunque per lo spunto!
Ettore Navarra produttore ortofrutticolo
Ettore Navarra, Ferrara, ITALIA - 27/11/2016 18:33:20


Ottimo Freshplaza avete riportato attenzione sulla più recente delle tante denigrazioni gratuite fatte sul nostro settore.
Ora però io sono solo un Direttore di mercato per cui non scrivo o contatto certo la redazione di Iodonna ma.... chi lo fa e può avere attenzione e credibilità !?
É una vecchia storia : siamo troppo divisi e manca una unità di crisi unica del settore chiamiamola così che prevenga e gestisca questi svarioni giornalistici...
Coldiretti, Confagricoltura , Cia, Unaproa, Uiacoa, Fruitimprese, Cso, Italmercati, Fedagro, Organismo interprofessionale, Fida dettaglianti, Associazioni varie della grande distribuzione...... tutti possono scrivere e contestare , ma alla fine é difficile ottenere risultati di attenzione ....
Fatto sta che in questa parcelizzaizone siamo noi stessi a lasciare ampio spazio agli ignoranti del settore che però hanno spazi e amplificazioni mediatiche che noi molto difficilmente potremo avere.....
In ogni caso ... piuttosto che niente... qualcuno scriva per favore!
Francesco Cera direttore Maap

Francesco Cera, Padova, Italia (email) - 24/11/2016 19:27:26


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*