Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Produrre molto di piu' consumando molto di meno: ci pensa una startup maremmana

Sfera, la serra iper-tecnologica per sfamare (davvero) il pianeta

Dentro Sfera si produrranno ortaggi utilizzando il 10% dell'acqua, il 10% del suolo ma con una resa 15 volte superiore che in campo aperto, nella totale assenza di pesticidi. L'intuizione di una super serra nasce appena un anno fa da Luigi Galimberti, imprenditore maremmano: "Abbiamo pensato a un luogo dove la tecnologia e l'innovazione di processo soppiantassero la manipolazione genetica per produrre di più e meglio, il tutto secondo principi di sostenibilità alimentare, economica ed energetica".



Sì, perché la superficie di pianeta destinata all'agricoltura non può estendersi ulteriormente, e allora la produzione deve diventare intensiva, deve potersi adattare a ogni tipo di ambiente, ma garantendo la sicurezza e salvaguardando la biodiversità.



Attraverso approfonditi studi tecnici e di mercato, si è arrivati quindi a concretizzare il progetto Sfera-Waterfood: una serra idroponica altamente efficiente nata dal miglioramento sensibile delle attuali tecniche di coltivazione fuori suolo. Inoltre, il progetto coinvolge in un sistema integrato anche gli aspetti inerenti la produzione, la commercializzazione e la distribuzione.



Non ultimo, con Sfera si vuole recuperare l'autenticità dei sapori e le proprietà nutritive delle specie originarie: "In passato si è scelto di privilegiare varietà resistenti alle malattie, agli urti, o semplicemente che durassero di più sullo scaffale", spiega Galimberti, "tutto ciò a discapito di caratteristiche come il profumo e il sapore. Grazie agli accordi con la GDO potremo ricominciare a lavorare varietà di ortaggi che negli ultimi anni erano scomparse".



Al di là dell'ambizione e della portata che ne contraddistingue la vision, Sfera è pur sempre una startup, la prima di un nuovissimo incubatore e acceleratore d'impresa locato in provincia di Grosseto: BeeCo Farm. Si tratta di un laboratorio dell'innovazione specializzato in tecnologie per l'agricoltura, dove attraverso un modello operoso e collaborativo, come quello delle api da cui prende il nome, si vuole dare risposte concrete e integrate con il tessuto produttivo del territorio.



"Per poter migliorare il trattore e l'aratro servono la conoscenza del campo, delle sue logiche e dinamiche, come pure la padronanza delle logiche dell'innovazione", tende a precisare Galimberti, che di BeeCo Farm è presidente. Il messaggio che sottintende è chiaro: un modello di sviluppo che parli la lingua della terra, e non soltanto quello di app, web e social, che pure hanno un ruolo fondamentale nella comunicazione e nella creazione di network e opportunità.




Se il progetto Sfera non è solo un bel sogno, ma una realtà pronta a materializzarsi, lo si deve soprattutto all'incontro tra Galimberti e il fondo di investimento Oltre Venture. "Con il Team di Oltre ed il Ceo Lorenzo Allevi c'è stata subito molta intesa sul progetto", racconta l'imprenditore, "a loro è piaciuto da subito, e insieme è stato possibile centrare una mission condivisa.

Non solo un partner finanziario, Oltre Venture rappresenta un valido team di professionisti che hanno saputo apprezzare e valorizzare alcuni aspetti del progetto, come l'importanza dell'impatto sociale sul territorio, sulle persone che faranno parte dell'azienda e su tutti gli stakeholders".



Lo stato dell'arte attualmente vede la scelta ormai prossima del sito che accoglierà la prima Sfera in provincia di Grosseto: 13 ettari di estensione per circa 12 milioni di euro di investimento, nella quale si produrranno 5 varietà di pomodori, insalata, e fragole, e che darà occupazione a più di 90 persone, questi i numeri a regime.

Sfera parte sin da subito per affermarsi sul mercato e non come esperimento. Il lavoro svolto nel corso degli ultimi 6 mesi è stato quello di analizzare i competitor nazionali e internazionali, per realizzare un modello che da subito abbia elevate performance.



"Se verranno confermati i dati di previsione si procederà con il piano che prevede la costruzione di altre quattro Sfere in Italia, sempre privilegiando provincie sulle quali impattare positivamente" conclude Galimberti. "L'entusiasmo del board e del team di progetto è al massimo, infatti partiamo sin da subito con l'obiettivo della quotazione in borsa entro 5 anni".

Data di pubblicazione: 09/06/2016



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/06/2018 Scoperta l'attivita' antimicrobica di estratti di funghi antartici contro i batteri fitopatogeni
18/06/2018 L'innovazione vegetale rischia di bloccarsi senza un accesso semplificato alle risorse genetiche
13/06/2018 Piantare alberi da frutto non potrebbe essere piu' facile
12/06/2018 In India, uva da tavola selezionata dai robot
11/06/2018 I robot ci salveranno dalla carenza di manodopera nel settore fragole
11/06/2018 Le patatine del futuro grazie alla stampa 3D
08/06/2018 Un brevetto dell'Universita' di Bolzano per riutilizzare gli scarti della lavorazione delle mele
06/06/2018 Una societa' cinese di innovazione tecnologica si afferma sui mercati d'oltremare
06/06/2018 La cucina robotica che prepara piatti vegetariani, vegani e gluten free
05/06/2018 Bonduelle apre un nuovo centro dell'innovazione
01/06/2018 Alternative al rame e agli insetticidi per l'agricoltura bio: una ricerca italiana
01/06/2018 Il robot impollinatore BrambleBee: un'enorme ape su ruote, con braccio meccanico
31/05/2018 Innovazione e sviluppo sostenibile: Vertical farming a Torino
30/05/2018 Dopo le babyleaf fuori suolo, quelle senza la mano dell'uomo
28/05/2018 Ridurre il costo della manodopera e migliorare la crescita dei raccolti di piccoli frutti
24/05/2018 Agricoltura hi-tech, semina miliardi e pensa sostenibile
23/05/2018 Interpoma 2018 da' spazio alle idee innovative con lo Startup Village
21/05/2018 Impollinazione noce con drone: esperienza italiana in Portogallo
18/05/2018 Cosenza: Confindustria premia la macchina che funziona con gli scarti delle arance
17/05/2018 Lanciato un induttore di colore per l'uva rossa

 

Commenti:


è' un miga progetto e assai super quindi secondo il mio modesto parer dovete realizzare il piu' presto possibile in quanto e' molto utile sia per il popolo italiano che per il resto dei paese europei e il rest avanzato si usa anche per esportazione

Aly, Alessandria, Egitto (email) - 18/06/2016 15:09:09


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*