Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Agrifor Serre: strutture e soluzioni innovative abbattono i costi aziendali

"La nostra sfida è quella di permettere agli imprenditori agricoli di avere fiducia nei propri mezzi: chi ha prodotto in un certo modo, oggi, grazie anche alla collaborazione di mezzi tecnici all'avanguardia, deve sapere che può farcela." Con queste parole di speranza, nonostante la crisi economica, Giuseppe Marco, titolare dell'azienda Agrifor si rivolge agli operatori del settore.

Dal 1968, Agrifor - sita a Torregrotta, in provincia di Messina - si occupa di prodotti per l'agricoltura e, dal 1990, si è specializzata anche nella costruzione di serre, cercando di soddisfare le esigenze in continua evoluzione di chi lavora in serricoltura.

"Le nostre strutture – illustra a FreshPlaza Giuseppe Marco - sono realizzate con materiali ad altissima resistenza e permettono di realizzare impianti a campate multiple. A falde inclinate oppure ad arco a pareti verticali, le serre possono avere coperture in vetro, vedril, ondex, policarbonato, ondulati plastici, film di polietilene, reti ombreggianti, ecc."



"Le serre ad arco – continua Giuseppe - consentono una perfetta circolazione dell'aria, grazie alle aperture laterali continue a ghigliottina e, soprattutto, a un innovativo dispositivo di apertura di colmo antivento, climatizzante, autolubrificante (nelle foto sopra e sotto). Grazie alla solidità di questo dispositivo, lo sportello di colmo può rimanere aperto, e quindi lasciar circolare l'aria anche in condizioni climatiche difficili, come ad esempio, qui in Sicilia, durante una sciroccata. Il dispositivo di colmo antivento può essere installato su serre preesistenti, grazie a un vero e proprio kit che permette di modificare la propria struttura e migliorarne l'aereazione.”



"Un altro settore su cui lavoriamo dagli inizi della nostra attività, e ora esprimiamo a livelli molto alti, è quello del riscaldamento basale a flusso incrociato (nelle foto sotto) una tecnica innovativa messa a punto da Agrifor sin dall'inizio degli anni '80. Questo sistema assicura una distribuzione uniforme del calore, tramite un bicollettore di testata e una riduzione dei costi di gestione di circa il 50% rispetto ai sistemi tradizionali di riscaldamento, grazie all’ottimale distribuzione del calore mediante un sistema disperdente a doppio tubo in calorene."


Riscaldamento basale a flusso incrociato a tappeto in corso d'opera.

"Questo innovativo sistema di riscaldamento a tubi concentrici è stato concepito da Agrifor per massimizzare, in termini di efficienza ed economicità, l'utilizzo del calore nella parte basale della pianta, quella che più ne necessita per l'assorbimento delle sostanze nutritive", spiega Giuseppe Marco.

Nel suo percorso concentrico di andata e ritorno, il tubo esterno cede il calore al terreno, riassumendolo dal flusso incrociato del tubo interno, permettendo così, una volta che l'impianto è andato a regime, di ottenere un'inconsueta uniformità di distribuzione del calore: si parla di un divario massimo di 1-1,5° C su una distanza di ala scaldante di circa 100 metri.


Riscaldamento basale a flusso incrociato su coltura fuorisuolo: fila di bitubo sotto il sacco di coltura.

"Come tutti sanno, l'utilizzo degli impianti di riscaldamento in agricoltura rappresenta un grosso problema di ordine economico, per via degli ingenti costi energetici. L'impianto di riscaldamento basale a flusso incrociato rappresenta perciò quanto di meglio oggi esista per tecnologia, efficacia, durata nel tempo, funzionalità e bassissimo costo di mantenimento che lo rendono un investimento sostenibile nelle coltivazioni fuori stagione."



"Riguardo il delicato contesto economico, gli ultimi due-tre anni sono stati disastrosi – dichiara Giuseppe Marco - la crisi si è avvertita in maniera pesante ma, in questi primi mesi del 2013, mi sembra di avvisare una certa, seppur debole, ripresa. Quello che ancora capita è che gli imprenditori agricoli ci chiedano dei preventivi per poi lasciare sospesa la trattativa, aspettando di vedere cosa succederà. Anche se con poca disponibilità economica, però, le aziende mi sembrano ancora intenzionate a investire."

Contatti:
Agrifor sas di Marco Giuseppe & C.

Via XXI Ottobre, 538
98040 Torregrotta (ME)
Tel.: (+39) 090 8966276
Fax: (+39) 090 8966277
Skype: agriforserre
Email: info@agriforserre.it
Web: www.agriforserre.it

Data di pubblicazione: 03/04/2013
Autore: Raffaella Quadretti
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/06/2018 PAC: raggiunto l'obiettivo del 100% di domande grafiche
21/06/2018 Dazi, Giansanti (Confagricoltura): cresce l'instabilita' dei mercati
21/06/2018 Calibro degli agrumi: ottenere di piu' senza perdere qualita'
21/06/2018 'Abbiamo bisogno di sedi europee per proteggerci dalle frodi'
21/06/2018 Presentata una nuova selezionatrice per mirtilli
20/06/2018 Studio tedesco sulle emissioni di CO2 dei diversi imballaggi per la filiera ortofrutticola
20/06/2018 L'Emilia-Romagna scommette sugli agricoltori per produzioni piu' sane, senza sprechi e a basso impatto ambientale
20/06/2018 Australia e UE tentano il libero scambio, sfidando il protezionismo di Trump
20/06/2018 Bombe d'acqua: il clima impazzito continua a mietere le sue vittime
19/06/2018 L'imballo parlante personalizzabile: nuova proposta di packaging Ghelfi Ondulati per le Ciliegie di Vignola
19/06/2018 Sipcam-Oxon acquisisce il 100% della svizzera Sofbey SA
19/06/2018 I cambiamenti climatici all'attenzione della politica italiana
19/06/2018 Bilancio UE, Ministro Centinaio: contrari ai tagli alla PAC
19/06/2018 Polonia: la febbre calcistica e i sani snack ortofrutticoli
19/06/2018 Alimentare: pronto metodo comune UE per test doppia qualita'
19/06/2018 Guatemala: colture non danneggiate dall'eruzione del vulcano
19/06/2018 AlgaEnergy rafforza la sua presenza in Italia con l'aggiunta di Giuseppe Castellani come Country Manager
19/06/2018 Mipaaf: pubblicato il nuovo regolamento sull'agricoltura biologica
19/06/2018 Saim Service e la tecnologia per la detannizzazione del kaki
18/06/2018 La Cina e' un mercato estremamente stimolante

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*