Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Agrimessina (Rutigliano - BA): "Ci siamo specializzati nelle forniture dirette di uva da tavola"

Il mercato dell'uva da tavola è ormai globalizzato: questo prodotto arriva sui mercati europei in tutti i periodi dell'anno. Attualmente, l'uva da tavola giunge da diverse origini oltremare: Sudafrica, Cile e successivamente da India, California e Perù. In poche parole, tutti i paesi produttori di uva da tavola hanno il mercato europeo tra i loro principali sbocchi commerciali.

Ad essere importate sono prevalentemente le uve senza semi; negli ultimi 20 anni, tutti i paesi produttori di uva da tavola hanno puntato su queste varietà ibride brevettate, bianche e rosse.



Analizzando il mercato e le esigenze dei consumatori, emerge la volontà di conoscere il prodotto, non solo dal punto di vista delle qualità organolettiche, ma anche nell'individuazione delle sue origini territoriali.

Alfio Messina dell'azienda Agrimessina di Rutigliano (BA), specializzata nella produzione e commercializzazione di uve apirene, così riferisce a FreshPlaza: "Anche all'estero si tende sempre di più a collegare il prodotto al territorio. Noi, in Puglia, prima regione produttiva di uva da tavola in tutta Europa, abbiamo cercato in questi anni proprio di creare un legame tra il prodotto e la sua origine. Oggi stiamo raccogliendo i primi frutti di questo lavoro."

"Naturalmente, oltre alla qualità e all'origine del prodotto, i consumatori chiedono che l'uva sia sana, che rispetti pienamente i disciplinari e i limiti di residui. Ultimamente si guarda anche agli aspetti nutrizionali del prodotto, segno che il consumatore è sempre più attento nelle sue scelte."

Agrimessina esporta la sua uva prevalentemente nel Regno Unito, ma ha rapporti commerciali anche con Germania, Norvegia, Svezia, Danimarca, Finlandia, Russia, Polonia, Repubblica Ceca e altri paesi dell'est.





Nell'ottica del "direct sourcing" (approvvigionamento diretto), l'azienda ha creato la prima struttura logistica tutta italiana nel Regno Unito ed è riuscita, nel 2012, a diventare il primo - in termini di volume di prodotto consegnato - tra tutti i fornitori diretti di una nota catena inglese di supermercati.

"Lo scorso anno abbiamo distribuito circa 10.000 tonnellate di prodotto esclusivamente italiano - sostiene Messina - Sottolineo 'italiano', perché purtroppo l'Italia è un trampolino di lancio per uve di diverse origini, come quelle provenienti da Egitto o Marocco e che, tramite la nostra Penisola, raggiungono i mercati europei."

Più che ampliare i mercati di destinazione per la sua uva, Agrimessina intende specializzarsi nella fornitura di servizi aggiuntivi per le catene della grande distribuzione: "Vogliamo diventare il partner principale delle catene distributive - sottolinea Messina - così saremo in grado di programmare meglio le produzioni e contemporaneamente garantire alla clientela l'origine certa e italiana della frutta che viene posta in vendita, dando impulso all'esportazione dei nostri prodotti."

La ditta Agrimessina si propone oggi come un partner strategico per gli agricoltori ed operatori pugliesi che vogliano esportare i loro prodotti nel Regno Unito. "Un agricoltore o un operatore interessato possono creare un partenariato con noi - spiega Messina - Insieme verificheremo la qualità del prodotto e, sempre insieme, troveremo le strategie più opportune per collocare la merce. Ci deve essere una collaborazione stretta tra noi e la produzione."

"L'elasticità che ci contraddistingue sta proprio nel fatto che possiamo fornire i nostri clienti con volumi variabili, da una sola pedana fino a 10 camion a settimana, e possiamo farlo in maniera diretta." Nei periodi clou della campagna Agrimessina è arrivata anche a movimentare 500-600 tonnellate di uva a settimana.

Secondo Messina, in un periodo di crisi come quello attuale soltanto la sinergia tra mondo agricolo, mondo commerciale e distribuzione può contribuire a superare le difficoltà. "La crisi dei consumi dipende dalla crisi economica generale. Tuttavia, è proprio in questo momento che dobbiamo agire in modo elastico, individuando anche le opportunità che derivano dalla crisi - conclude Messina - Bisogna quindi ridimensionare il packaging, optando per confezioni mirate secondo le esigenze dei consumatori delle singole nazioni e della GDO. Il consumatore di oggi è interessato ad acquistare porzioni di frutta a peso e prezzo determinato, in modo tale da sapere quanto spende. In tal modo sarà più invogliato ad acquistare una porzione di frutta da consumare nella stessa giornata. In questo modo si evitano anche le giacenze nei frigoriferi e gli sprechi di merce."

Contatti:
Alfio Messina
Agrimessina Srl
Rutigliano (BA)
Email: isabella@agrimessina.com

Data di pubblicazione: 28/03/2013
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/02/2018 La Colombia potrebbe diventare il secondo piu' importante produttore di avocado
23/02/2018 Belgio: disponibili le prime mele Magic Star in quantita' limitate
23/02/2018 Le mele ucraine si adattano perfettamente al mercato svedese
23/02/2018 Nocciola Piemonte IGP: avviate le procedure per aggiungere la dicitura 'delle Langhe'
23/02/2018 Royal Gala, William e uve apirene tirano la volata al bio
23/02/2018 Melinda: previste buone remunerazioni per i frutticoltori
23/02/2018 Gruppo di Contatto Fragola Italia-Francia-Spagna: la Basilicata resta il primo produttore italiano
23/02/2018 I produttori italiani di kiwi in visita in Nuova Zelanda
22/02/2018 Accordo tra Intesa Sanpaolo e Loacker per per sostenere la filiera della produzione di nocciole italiane
22/02/2018 Stagione ottima per i melicoltori polacchi
22/02/2018 USA: i melicoltori piantano piu' ettari di mele EverCrisp
22/02/2018 Kiwi al Sud Italia: un'opportunita' in continua espansione
22/02/2018 La stagione spagnola dell’avocado finira' un mese prima con prezzi molto alti
22/02/2018 Ai kiwi neozelandesi di grosso calibro, seguono quelli piccoli italiani
21/02/2018 Pink Lady fa il pienone al Fruit Logistica
21/02/2018 Record per i prezzi delle mele spagnole
21/02/2018 Report annuale 2017 sull'import/export di mele cinesi
21/02/2018 Guide tascabili Dole per (ri)scoprire tutto il meglio della frutta e come e' facile mangiarla
21/02/2018 Una stagione anomala per l'avocado verde
21/02/2018 Coprire i ciliegi ormai e' una priorita'

 

Commenti:


dovrebbe farsi assistere quantomeno da una persona
che conosca la grammatica
rocco siciliano, mola, italia - 20/02/2014 19:07:38


Gentile azienda Agrimessina (Rutigliano - BA) mi chiamo Lorenzo Gassi risiedo a Turi da 15 anni e sono originario di Rutigliano.
La contatto per un'eventuale richiesta di lavoro presso la vs azienda.
Premetto che sono risulto dissocupato dal 1 agosto 2013 avendo cessato il lavoro presso l'azienda ortofrutticola turese Carenza Giuseppe, specializzata in coltivazione e produzione ciliege e uva.
Tengo a precisarvi che in passato ho lavorato a titolo di impresa nel campo del restauro generale edile, e a questo proposito lavorando presso aziende agricole,( ultima Vini Coppi Turi) oltre alle consuete mansioni dei vari lavori in campagna o nello stabilimento,mi occcupavo della manutenzione generale dei restauri dei capannoni, sua abitazione, e masserie......con semplice retribuzione dell'ordinaria giornata. La mia eta' e' di anni 50 ....garantisco impegno,professionalita' e massima serieta' al lavoro.....speranzoso di benevolo riscontro,porgo sinceri saluti.....Lorenzo Gassi

Contatto....tel. casa 0803217503
cell. 3494993543
Lorenzo, turi, turi (email) - 05/08/2013 10:33:59


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*