Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Notevole aumento in Russia per le coltivazioni di ortaggi in serra

La coltivazione di ortaggi in serra è uno dei segmenti in più rapido sviluppo, nel settore agricolo russo. Secondo i risultati relativi al 2017, la crescita annuale della produzione di cetrioli è stata dell'11% e quella dei pomodori del 17%. Secondo gli esperti, anche le cifre di quest'anno saranno piuttosto alte. Cresce inoltre la necessità di infrastrutture affidabili, vale a dire apparecchiature elettroniche e per il riscaldamento.

Nel 2017, secondo l'associazione Greenhouses of Russia, nel Paese, l'area totale interessata da coltivazioni in ambiente protetto è aumentata del 10%, raggiungendo una superficie di 2.600 ettari. I leader in termini di capacità produttiva sono il complesso agricolo Yuzhniy (Karachaevo-Cherkessia), GC LipetskAgro (regione di Lipetsk) e GC Zelenaya linija/Magnit, che producono rispettivamente 50.000, 45.000 e 40.000 tonnellate di prodotti coltivati in serra.

Kuban si distingue tra le regioni, con una superficie di 230 ettari e una quota di coltivazione di cetrioli superiore al 50%. D. Patrushev, ministro dell'agricoltura della Federazione Russa, ha dichiarato che, per l'anno in corso, si prevede di coltivare oltre un milione di tonnellate di verdure in serra, motivo per cui si proseguirà con la costruzione di nuove strutture e con la modernizzazione di quelle esistenti.



Ingegneria dei complessi serricoli
Il volume della produzione da colture in serra dipende non solo dalla superficie ma anche dall'infrastruttura, che determina l'efficienza produttiva. L'uso di moderne tecnologie consente un aumento significativo delle coltivazioni. Così, i complessi serricoli che utilizzano un'illuminazione supplementare, possono produrre oltre 120 chili di cetrioli e 80 chili di pomodori per metro quadrato: il doppio rispetto a quello che si otterrebbe senza il contributo della tecnologia. Anche con l'aumento dei costi energetici, il livello dei profitti di tali complessi supera il 20%. Pertanto, il ritorno sull'investimento può essere raggiunto piuttosto rapidamente.

Secondo l'associazione Greenhouses of Russia, la percentuale di serre dotate di attrezzature moderne ha raggiunto il 14%, nel 2017, e per quest'anno si prevede che arriverà al 20%. Uno dei principali fattori che ostacolano la rapida crescita delle serre ad alta tecnologia sono i costi di costruzione relativamente elevati, causati dall'uso eccessivo di materiali d'importazionei. Infatti, nel 2016, delle 4.500 tonnellate di alluminio necessario per la costruzione, 2.900 sono state importate.

Pertanto, i coltivatori hanno poche risorse per acquistare un'attrezzatura necessaria, affidabile ed efficiente. L'utilizzo di equipaggiamenti meno costosi, di qualità relativamente bassa, aumenta i rischi e i relativi costi, riducendo la redditività dei complessi serricoli.

L'opzione migliore sarebbe combinare le principali tecnologie nazionali ed estere. La società Teplichnye technologii, ad esempio, ha fatto questa scelta per i suoi progetti.

Fonte: agronews.com

Data di pubblicazione: 31/07/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Vilmorin: il partner innovativo nella specie peperone
31/07/2018 Analizzato il profilo polifenolico delle varieta' venete di radicchio
31/07/2018 Potterino, il nuovissimo pomodoro Vesuviano di Fenix
31/07/2018 AIIPA: primo semestre 2018 con segno positivo per la IV gamma
31/07/2018 Zucche estive, ottima richiesta dai mercati
31/07/2018 Novita' nel segmento peperoni: due nuovi cavalli di battaglia per HM.Clause
31/07/2018 I colorati di Syngenta: l'evoluzione del pomodoro da mensa di alto gusto
30/07/2018 Lanciata una nuova varieta' di cavolfiore
30/07/2018 Patfrut cresce in orticole e quarta gamma
30/07/2018 HiTec detorsola e taglia a meta' o in quarti i peperoni
30/07/2018 Annina F1, la nuova melanzana striata di Enza Zaden
30/07/2018 L'importanza della scelta varietale per lo zucchino nei trapianti precoci in Sicilia
30/07/2018 Coltivare erbe aromatiche e verdure sotto il livello del mare
27/07/2018 Caravaggio, il radicchio di Treviso di Bejo, esalta l'equilibrio fra innovazione e tipicita'
27/07/2018 Prezzi al rialzo per cetrioli e radicchio
27/07/2018 Le allerte alimentari determinano un aumento della domanda di lattuga coltivata in serra
26/07/2018 Cresce la superficie coltivata a broccoli nella Murcia
26/07/2018 Russia: un'azienda investe 5 milioni di euro nella coltivazione di rucola
26/07/2018 Fungo Puglia festeggia 45 anni di attivita'
26/07/2018 Spagna: l'Estremadura dedichera' 22.000 ettari a pomodoro

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*