Focus sul mercato mondiale del cavolo

Sebbene il consumo delle varietà di cavolo tradizionali sia elevato soprattutto in Europa dell'Est, la domanda in questi paesi è sotto pressione. In diverse nazioni i coltivatori stanno lottando per fare profitti. In parte ciò è una conseguenza della domanda in calo, in parte il risultato della chiusura dei confini russi per i cavoli europei. Il cavolo cinese sembra andare meglio del cavolo cappuccio tradizionale. Mentre in Europa il mercato è caratterizzato da una domanda bassa, negli Stati Uniti la richiesta è in aumento grazie alla prossima festività di San Patrizio (17 marzo), durante la quale vengono serviti molti cavoli. Anche in Israele la domanda aumenta intorno a festività come la Pasqua ebraica e il Capodanno.

I produttori ucraini sono con l'acqua alla gola
A causa di una richiesta minore e all'embargo russo i produttori di cavolo fanno fatica a rimanere a galla. Dopo la riduzione nel consumo, il 90% della produzione è stata portata sul mercato spot, dove sono stati fatti affari sul campo o nel commercio all'ingrosso. I coltivatori tengono i cavoli nei magazzini con la speranza che il mercato si riprenda più in là. Di conseguenza, in questa stagione l'andamento dei prezzi è irregolare. Secondo un commerciante non ha senso tenere il cavolo nei magazzini. "Spesso i prezzi non cambiano neanche con l'avanzare della stagione, perciò non ha senso aspettare".

Sebbene i produttori siano consapevoli che il consumo è diminuito, continuano a non avere una buona immagine del mercato perché vendono tutti sul mercato spot. "Per loro è difficile comprendere i cambiamenti e quindi reagiscono nell'unica maniera che conoscono, ovvero riducendo la superficie coltivata". 

In Ucraina il cavolo cappuccio continua ad essere leader sul mercato con una produzione di 1,5 milioni di tonnellate all'anno. Quasi l'intero volume viene introdotto sul mercato domestico. Il cavolo rosso e quello cinese si piazzano al secondo e terzo posto dopo il cavolo cappuccio. Tuttavia, i tempi stanno cambiando e negli ultimi 5 anni il consumo di altre varietà di cavoli è diminuito drasticamente.

Il boicottaggio russo e il consumo in calo, soprattutto dopo la perdita della Crimea e il continuo conflitto nella parte orientale del Paese rendono difficile ai produttori fare profitti. In passato l'Ucraina aveva il vantaggio di un inizio anticipato della stagione, che le permetteva di sbaragliare la concorrenza sul mercato russo. La stagione comincia ad aprile e procede fino all'autunno con la produzione tardiva. Quest'ultima viene immagazzinata per i mesi invernali.



Polonia: stagione da dimenticare per il cavolo cappuccio
Dopo una stagione del cavolo cappuccio descritta da un commerciante come "disastrosa", la situazione per il cavolo cinese appare migliore. A causa dei grandi volumi presenti in stock, la situazione per il cavolo cappuccio resta pessima. Secondo un commerciante: "La domanda in Europa è scarsa e questo produce prezzi bassi". Il mercato è migliore per gli esportatori di cavolo cinese. I volumi disponibili sono sufficienti e i prezzi competono con l'offerta olandese. Un commerciante ha affermato di esportare in Paesi Bassi, Danimarca e Germania. I produttori non approfittano della situazione e ottengono 0,07 euro/kg in meno rispetto alla stagione scorsa.

Il fatto che il cavolo cinese proceda meglio di altre varietà di cavolo è probabilmente dovuto ai volumi minori a disposizione. Le aspettative puntano a un mercato migliore verso la fine di aprile, quando comincerà la nuova stagione. Il cavolo nelle scorte sarà fornito principalmente all'industria di trasformazione o sarà distrutto.

Il freddo rallenta la fornitura di cavolo francese
In Francia ha fatto freddo anche nella nona settimana e ciò ha avuto un impatto notevole sui volumi di cavolo. Ad aver registrato un rapido calo di produzione è stato soprattutto il cavolfiore. Una grande cooperativa francese che solitamente commercializza dagli 80mila ai 100mila cavolfiori alla settimana in questo periodo dell'anno, al 9 marzo ne ha venduti solo 22mila. Tuttavia, rispetto alla settimana scorsa, la fornitura di cavolo sembra essere nuovamente in aumento.

In Francia il settore del cavolo scommette sempre di più sulla commercializzazione di prodotti pre-tagliati che sono pronti per l'uso immediato, anche se la maggior parte dei cavoli viene venduta semplicemente al pezzo. Per quanto riguarda i mini cavoli, essi sono richiesti quasi esclusivamente durante Pasqua e Natale. Ci sono alcuni negozi e ristoranti in Francia che li vendono per tutto l'anno. Il mercato per questi prodotti è di nicchia, ma stabile. Sul mercato francese colpisce particolarmente il fatto che sempre più consumatori consumino il cavolfiore crudo e tagliato come snack. Questa tendenza arriva dal nord America. Il cavolfiore in pezzi viene utilizzato anche per la preparazione di torte salate e pizze.

Italia: il gelo danneggia il raccolto di cavoli
In Italia, si sono volumi sufficienti di cavolo (rosso, bianco e verza). I prezzi sono in aumento, ma sono partiti da un livello basso, principalmente a causa del clima mite registrato a gennaio, seguito dal freddo di febbraio. Un commerciante ha dichiarato che il prodotto disponibile è poco. Il cavolo viene importato da Spagna e Portogallo, tra gli altri Paesi. A gennaio la situazione era diversa. Allora c'era molta offerta proveniente da Puglia e Veneto. Un commerciante ha spiegato: "Il prezzo resta basso, variando tra 0,50 e 0,70 euro". Il cavolo verza è più popolare e raggiunge prezzi maggiori, con circa 0,70 euro.

La richiesta è stata limitata a causa del clima mite registrato all'inizio dell'anno. Il maltempo che ha seguito ha avuto un impatto sulla produzione. In diverse regioni il gelo ha danneggiato i cavoli. Un commerciante ha affermato: "Per quello che possiamo vedere, i volumi sono bassi in tutta Europa".

La Spagna produce principalmente per esportare
Negli ultimi anni, in Spagna, la coltivazione del cavolo a punta ha sperimentato una buona crescita; rapida, in particolare, nelle esportazioni verso il Regno Unito, con la varietà più importante la Dutchy. Sebbene il mercato inglese sia il maggiore acquirente di questa varietà di cavolo, la sua produzione è diminuita del 30% quest'anno. In passato la stagione delle esportazioni per il settore spagnolo è stata migliore perché i rivenditori inglesi non hanno permesso ai produttori locali di stoccare il cavolo. Questa limitazione è stata revocata per due anni, riducendo quindi la stagione delle esportazioni spagnole da novembre-giugno a metà dicembre-metà maggio. Un produttore ha spiegato: "Con un inizio così tardivo non abbiamo il tempo di far ruotare le coltivazioni e piantare nuove colture". 

Tuttavia, la varietà di cavolo a punta è richiesta in Paesi Bassi, Germania e Francia, oltre che in altri paesi dell'Europa settentrionale e centrale. Il Portogallo è il maggiore produttore di questo cavolo, dal momento che questo ha una buona resistenza all'umidità. In Spagna si coltiva anche il cavolo verza, con una stagione d'esportazione che dura da aprile a maggio. Il Regno Unito è il mercato più importante per questo cavolo.

Negli ultimi tre anni la produzione di cavolo è aumentata notevolmente, con incrementi del 30-40% circa all'anno. La produzione spagnola si concentra sul mercato d'esportazione e punta a coprire i vuoti presenti nella stagione europea. In Spagna, il consumo di cavolo verza è molto basso. Quella di Murcia è la regione più importante in materia di produzione di cavoli. A causa delle carenze idriche lì presenti, molte colture sono state spostate ad Alicante e sul delta dell'Ebro, a Tarragona.

Germania: domanda bassa e prezzi ai minimi termini
Attualmente sul mercato tedesco è presente una fornitura eccessiva di cavolo. Produttori e commercianti parlano di un surplus del 20% circa rispetto all'anno scorso. A causa della domanda ridotta sul mercato domestico, i prezzi sono diminuiti a livelli record durante tutta la stagione. Per quanto riguarda il cavolo cappuccio, le dimensioni al di sopra dei 3 kg vengono acquistate per circa 0,05 euro. I calibri medi (2-3 kg) hanno un prezzo leggermente più elevato. Persino i calibri piccoli (fino a 2 kg), che sono molto richiesti, raggiungono con difficoltà 0,15 euro. Il cavolo rosso ha prezzi analoghi.

Attualmente i commercianti nutrono scarse speranze in un miglioramento. Solo nel caso delle vendite di specialità di cavolo, come il cavolo Jaroma, i prezzi raggiungono livelli accettabili; queste sono varietà che al momento vengono coltivate all'estero, perciò i costi di produzione e trasporto sono più alti. Lo stesso vale per il cavolo a punta. Dipendiamo in parte dalle spedizioni dal Portogallo e da altri paesi dell'Europa meridionale, ma i loro prezzi sono notevolmente più bassi di quelli registrati negli anni scorsi.

Il commercio olandese dà per spacciata la stagione dei cavoli
Il raccolto dei Paesi Bassi è stato straordinariamente grande. I magazzini refrigerati sono pieni e l'Europa dell'Est non è ancora arrivata sul mercato. E' presente prevalentemente un surplus per i calibri 36 di cavolo cappuccio. I prezzi sono drasticamente bassi. Il cavolo cappuccio di calibro 36 rende 0,05 euro/kg. I calibri più piccoli ottengono prezzi migliori, ovvero 0,25 euro/kg. Anche il cavolo rosso ottiene prezzi bassi, con 0,06 euro/kg per il calibro 36 e 0,16 euro per il calibro 60.

Il mercato per il cavolo nero si è ripreso nella nona settimana a causa dell'ondata di freddo. La stagione olandese è quasi terminata e questo sta causando delle carenze. Nel corso della decima settimana, il commercio ha registrato una leggera ripresa. La stagione olandese dei cavolini di Bruxelles è già terminata.

USA: prezzi in aumento in vista della festa di San Patrizio
I produttori americani si stanno preparando alla festa di San Patrizio, quando la tradizione vuole che si consumino piatti a base di cavolo. La fornitura statunitense è buona. Un commerciante ha riportato che praticamente tutta l'offerta sarà destinata ai rivenditori nel contesto dei programmi firmati nel periodo precedente alla festa di San Patrizio. La fornitura dovrebbe aumentare del 25%. Secondo un commerciante: "I volumi sono migliori rispetto all'anno scorso, quando il clima ha causato alcuni danni". Piogge e temporali hanno avuto un impatto sul raccolto. Attualmente il Texas è il principale competitor. La competizione in arrivo dalla California è limitata.

I prezzi per i cavoli sono in aumento. Un commerciante ha stimato che quest'anno il prodotto ha un prezzo più alto del 10% rispetto all'anno scorso. Il mercato dovrebbe collassare dopo la festa di San Patrizio e i produttori ne hanno tenuto conto durante la piantagione. Il prossimo picco della domanda molto probabilmente non arriverà prima della primavera.

Israele si chiede se permettere o meno le importazioni
Nonostante i diversi periodi di maltempo registrati in Israele, il prezzo per il cavolo cappuccio e il cavolo rosso sono rimasti stabili. Il prezzo del cavolo cappuccio ammonta a circa 0,50 euro/kg, mentre il cavolo rosso ottiene 0,80 euro/kg. Tali prezzi sono in linea con le tendenze solite. In Israele, le quotazioni sono rimaste prevalentemente stabili negli ultimi anni.

Il Paese produce circa 60.000 ton di cavolo su base annuale. L'intero volume viene venduto sul mercato domestico. La maggior parte del raccolto viene destinato all'industria di trasformazione. Il rimanente è riservato al mercato del fresco. In passato ci sono stati periodi in cui esisteva una richiesta dall'Europa dell'Est e dalla Russia, cosa che offriva un'opportunità d'esportazione. Negli ultimi anni, tuttavia, i prezzi sono stati troppo bassi, rendendo questa opzione non redditizia.

Nonostante la produzione stabile, negli ultimi anni si sono verificate delle carenze a causa di picchi nella domanda, soprattutto intorno alle festività ebraiche, come la Pasqua (in primavera) e il Capodanno (in autunno). In risposta a questo, il governo israeliano ha aggiunto il cavolo a una lista di prodotti per i quali le tariffe di importazione possono essere temporaneamente ridotte per evitare un aumento dei prezzi. Lo scopo del programma è di aprire il mercato in base alle previsioni di offerta e domanda. I produttori hanno poca familiarità con il sistema, lo trovano irragionevole perché è difficile prevedere quando la domanda raggiungerà un picco. Il risultato potrebbe essere l'apertura dei confini, cosa che farebbe diminuire i prezzi e avrebbe un impatto sui produttori locali, quando la maggior parte dei coltivatori di cavolo sta già affrontando delle difficoltà.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018