L'analisi di Jan Kees Boon (Fruit and Vegetable Facts)

Ripresa parziale dell'import di frutta e verdura in Russia

Nel 2017, l'import russo di frutta e verdura fresca è cresciuto molto rispetto all'anno precedente; in totale si sono registrati 7,1 milioni di tonnellate, il 17% in più rispetto al 2016. L'import di quest'anno non è stato record come quello del 2013. L'anno prima dell'istituzione del boicottaggio in Russia furono importate 8,5 milioni di ton di ortofrutta fresca.

La ripresa parziale delle importazioni è dovuta al fatto che il boicottaggio è stato revocato per alcuni prodotti turchi nel 2017, ma anche i volumi record importati di banane da Ecuador e altri paesi hanno avuto un impatto. I paesi più importanti che mostrano interesse sono Cina, Egitto, Azerbaigian e Moldavia.

Tra i prodotti sorprende soprattutto l'import record di banane. L'anno scorso la Russia ha superato la Germania e ora è il secondo importatore di banane al mondo dopo gli Stati Uniti. Nel 2017 è stato registrato un record anche per il secondo prodotto più importato dalla Russia, ovvero i mandarini. L'anno scorso l'import russo ha raggiunto un record anche per alcuni prodotti meno consumati, come kaki, aglio, angurie, sedano, avocado e mango.



Riprendono le importazioni di pomodori dalla Turchia
L'embargo istituito ad agosto del 2014 per i prodotti in arrivo da UE e da alcuni altri Paesi continua a restare pienamente in vigore. Quello fissato a inizio 2016 sulle importazioni di molti prodotti turchi, nel 2017 è stato revocato. Il boicottaggio sui pomodori, in passato il prodotto importato più importante, è stato revocato solo a novembre 2017, vale a dire dopo la stagione d'esportazione turca; quindi nel 2017 l'import russo ancora non era paragonabile alle 365mila ton di pomodori importate dalla Turchia nel 2014.



La Turchia esporta in Russia soprattutto mandarini
Nel 2017 i mandarini sono stati il prodotto più importante importato dalla Turchia. Con 342mila ton, il volume è notevolmente superiore a quello degli anni precedenti. Uva, limoni e arance sono gli altri prodotti importanti che la Russia importa dalla Turchia. Inoltre, l'anno scorso la nazione ha esportato un volume record di frutta e verdura fresca. Oltre alla ripresa dell'export verso la Russia, anche molti altri Paesi hanno esportato più volumi. Per la Turchia il picco delle esportazioni in Russia si è verificato nel 2014 e 2015, quando l'export riguardava un terzo del totale.



Il commercio attraverso la Bielorussia continua a diminuire
Nel 2017 si è fatto un uso minore della rotta bielorussa rispetto all'annata record del 2015. Allora in Russia si poterono fornire 1,1 milioni di ton di frutta e verdura fresca tramite la Bielorussia. Nel 2016 il volume è diminuito a 630mila ton e l'anno scorso le tonnellate sono state 540mila. Si tratta sempre di una quantità rispettabile. I prodotti interessanti in questo senso sono pere, pomodori, pesche e anche carote, mele, cetrioli, fragole e cavoli.



Pomodori e mele dalla Cina
Nel 2017 la Cina è stato il terzo fornitore di frutta e verdura fresca in Russia. Pomodori e mele sono i prodotti più importanti, ma l'export dalla Cina ha riguardato anche quantità ragionevoli di cipolle, mandarini, cavolo, pompelmo, peperoni, carote e pere. L'import dall'Egitto è composto principalmente da arance, il cui volume nel 2017 è stato di circa 220mila ton e poi anche cipolle (circa 100mila ton), mandarini (30.000 ton) e uve (16.000 ton).



Dall'Azerbaigian la Russia importa principalmente pomodori (157mila ton), kaki (102mila ton) e mele (70.000 ton). La Moldavia fornisce soprattutto mele (230mila ton), uva (55.000 ton) e susine (35.000 ton). Dal Marocco la Russia importa soprattutto mandarini (210mila ton nel 2017) e pomodori (100mila ton).



Per maggiori informazioni:
Jan Kees Boon
Fruit and Vegetable Facts
Tel.: +31 654 687 684
Web: www.fruitandvegetablefacts.com
Email: fruitvegfacts@gmail.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

x

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto