Avvisi

Ricerca di Personale

Speciale continua

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Si preannunciano giornate complicate

Notti di passione e con temperature sempre più fredde

In diverse zone frutticole sono attese nei prossimi giorni temperature al di sotto della media. Anzi, si tratta proprio delle temute gelate tardive. In Trentino Alto Adige, già nelle scorse notti sono stati azionati gli impianti antibrina, come testimoniato dalle successive foto di Andrea Bonn. 

Irrigazione antibrina in Trentino Alto Adige (fonte foto)

In Emilia Romagna la temperatura è scesa, le scorse notti, poco al di sotto dello zero e solo in alcune zone, per cui senza creare danni. Serve però la massima allerta per le prossime settimane, almeno fino alla "luna di Pasqua". 

"La situazione è in forte evoluzione - afferma l'agricoltore, esperto di meteo, Stefano Rivalta della provincia di Ravenna - Diventa ogni giorno più probabile l'irruzione fredda dal 4 al 7 aprile. Si valuteranno nell'imminenza la nuvolosità e ventilazione in quanto le isoterme a 1500 sono attorno a meno 4 °C". 

La Regione Emilia Romagna intanto ha attivato il servizio d'allarme contro le gelate tardive, che può essere raggiunto a questo link. I dati osservati sono aggiornati in tempo reale (ogni ora). I dati previsti sono riferiti al sito e all'altezza del sensore della stazione di riferimento. Qualora le condizioni siano favorevoli a un raffreddamento intenso (cielo terso, bassa umidità e assenza di vento) si consiglia di fare riferimento alla curva più bassa del grafico a questo link. Inoltre, la temperatura degli organi vegetali può essere notevolmente inferiore, per la diversa altezza e per l'assenza di schermatura rispetto al sensore della stazione meteorologica.


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.