Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Candidate per il 2024 sono Italia e Portogallo

Il Gruppo di contatto fragola si riunisce in Spagna: non mancano le problematiche sul tavolo

Ritorna in presenza la riunione annuale del gruppo di contatto europeo sulla fragola, dopo le ultime tre edizioni tenutesi in videoconferenza a causa dell'emergenza pandemica. Il meeting 2023 si è svolto nella giornata di ieri in Spagna, dove i rappresentanti delle associazioni di coltivatori ed esportatori di Spagna, Francia, Italia e Portogallo sono stati i ospiti della Coop Freson de Palos (Huelva).

La delegazione italiana

Per l'Italia erano presenti: Baldassarre D'Avino (Fruitimprese), Carmela Suriano (Italia Ortofrutta), Francesco Castelluccio (CIA), Antonello Cester (Confagricoltura) e Michela Galimi (Masaf).

Abbiamo sentito Carmela Suriano per un resoconto della giornata, che è stata divisa in due momenti: nella mattinata il meeting con i vari rappresentanti, mentre il pomeriggio è stato dedicato alla visita agli impianti di fragole della cooperativa ospitante.

Visite in campo a Palos de la Frontera 

"Rispetto agli incontri passati, le problematiche affrontate sono state maggiori, dovute ai rincari generali e alla crisi socio-economica che continua a interessare anche questo prodotto in tutti i 4 Paesi. Le superfici coltivate a fragola nei vari areali produttivi restano più o meno stabili, con lievi variazioni per alcuni Paesi. Ad esempio, la Spagna è cresciuta del 2% rispetto a 12 mesi fa. Per l'Italia, invece, ancora non si conoscono gli ettari attuali investiti, motivo per cui la nostra delegazione non ha potuto divulgare dati certi, se non approssimativi", commenta la manager.

Il focus si è concentrato sulle difficoltà derivanti dagli incrementi dei costi produttivi, in particolare quelli legati ai rincari energetici, della logistica, dei prodotti fitoiatrici e degli imballaggi. "La situazione nei mercati europei non è certamente incoraggiante, per i prossimi mesi - riprende Suriano - Si registra una generale diminuzione della domanda, a causa della maggiore propensione al risparmio delle famiglie. Per il momento, gli affari sono soddisfacenti, in quanto l'offerta è davvero limitata a causa delle freddo, ma siamo preoccupati per le prossime settimane, quando si concentrerà la maggior parte delle produzioni italiane. Inoltre, si è discusso della forte carenza e dei rincari della manodopera e di quanto essa incida nei bilanci aziendali".

Si è discusso anche della concorrenza esercitata dai Paesi del Nord Africa, in primis dal Marocco. Questi competitor, oltre ad avere prezzi accattivanti per i consumatori, utilizzano prodotti fitosanitari non consentiti nel continente europeo. Ben vengano, quindi, limitazioni ferree, purché siano rispettate anche dai Paesi extra-UE. 

Il gruppo ha poi valutato di includere nel comitato una delegazione della Grecia, considerata la crescente importanza della fragolicoltura nell'areale del Bacino del Mediterraneo e quindi della possibilità di potersi confrontare con i player ellenici.

Ci si sta infine confrontando sulle location candidate a ospitare la prossima riunione. Per il 2024 sono state infatti individuate Portogallo e Italia per lo svolgimento del futuro meeting del Gruppo di contatto sulla fragola.


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto