Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Mercato ortofrutticolo di Lusia: a dicembre produzione in calo con prezzi stabili

Si chiude con il mese di dicembre un'annata molto difficile, per l'ortofrutta in genere, caratterizzata da una lunga e forte siccità che, a fasi alterne, ha attraversato tutti i mesi, con sporadiche precipitazioni che non hanno dato modo ai terreni di ripristinare le condizioni idriche corrette, caricando il comparto produttivo di ulteriori costi aggiuntivi legati alle fasi di irrigazione, dovendo oltretutto fare i conti con un gravoso incremento del prezzo dei carburanti, senza considerare l'aumento dei costi delle materie prime impiegate nelle varie fasi della produzione.

Lo stesso dicembre ha visto un clima mite, non adatto a riportare equilibrio per le nostre latitudini, creando incertezza e disorientando il settore. Tutto ciò si è tradotto in una riduzione dei volumi scambiati, con il 20% in meno di prodotto venduto rispetto a dicembre 2021, bilanciato da una sostanziale tenuta dei prezzi con valori medi pari a  0,74 €/kg.

Scendendo nel dettaglio registriamo un incremento di prezzo per l'aglio in grappolo, venduto a 3,73 €/kg con un forte aumento dei volumi scambiati rispetto allo stesso mese dell'anno precedente sfiorando le 6 tonnellate di prodotto vendute; il lavorato in treccia invece subisce una forte riduzione quantitativa mantenendo stabile il prezzo.

Anche questo mese osserviamo una certa vivacità nel prezzo medio mensile per la bieta da costa, scambiata a 0,62 €/kg (+19% su dicembre 2021) con volumi purtroppo dimezzati.

Ridotta lievemente l'offerta in mercato di carote con foglia, scambiate a 1,10 €/kg (+10% su dicembre 2021) mentre le defogliate mantengono stabile il prezzo attestandosi su 0,46 €/kg.

Dimezzati i quantitativi scambiati per la catalogna con 26 tonnellate di prodotto, con prezzo in aumento rispetto a dicembre 2021 a 0,63 €/kg.

Come per la quasi totalità dei prodotti anche il cavolfiore mezzafoglia riduce fortemente i sui quantitativi con 12 tonnellate di prodotto movimentate, vedendo scendere del 9% anche i listini di vendita con 0,96 €/kg in media.

Offerta diminuita anche per il comparto cavoli che registrano un incremento di prezzo variabile a seconda della tipologia, con la varietà cuor di bue a 0,70 €/kg (+4%), verza a 0,47 €/kg e cappucci a 0,39 €/kg (+11%).

In controtendenza rispetto all'offerta della maggior parte degli altri prodotti per i finocchi che incrementano la loro presenza in mercato dell' 8% rispetto a dicembre dello scorso anno, portando il prodotto a scendere nei listini di vendita con 0,76 €/kg (-34%).

Prezzi in discesa anche per le lattughe con la cappuccia scambiata a 1,19 €/kg (-30%) e la gentile a € 0,59/kg, il tutto riferito sempre a dicembre 2021.

Quotazioni in risalita anche questo mese per il porro con 0,91 €/kg (+49% su dicembre 2021) con riduzione del 20% nelle quantità scambiate.

Situazione inversa si osserva per il prezzemolo che subisce una contrazione di prezzo, essendo venduto a 1,70 €/kg (-6% su dicembre 2021), mentre l'offerta è in aumento con 7,5 tonnellate di prodotto commercializzate in mercato.

Listini e offerta in riduzione per la quasi totalità dei radicchi, con la tipologia rosso tondo scambiata a 0,59 €/kg (-13%), rosso lungo a  0,65 €/kg (-14%) e variegato aperto a 1,10 €/kg (-1%), il tutto sempre riferito al medesimo periodo dello scorso anno.

Offerta che si riduce anche questo mese per il sedano verde, scambiato in aumento di prezzo rispetto a dicembre 2021 con 0,65 €/kg (+25%).

Quotazioni in aumento per le zucche nella varietà delica con 0,96 €/kg (+35%) con un'offerta di prodotto anch'essa incrementata del 67%, mentre quelle violine subiscono sia una ridotta presenza in mercato sia una contrazione di prezzo, con scambi intorno a 0,33 €/kg in media.

Forte offerta questo mese di zucchini con 6 tonnellate di prodotto scambiate, dimezzando purtroppo il loro valore rispetto a dicembre 2021 con 1,16 €/kg in media.

Il comparto frutta vede con le arance proseguire gli scambi in continuità col mese precedente essendo vendute a 0,85 €/kg. Il kiwi, che con forte aumento di offerta viene venduto in calo a 0,55 €/kg, come le pere che scendono di prezzo del 50% con scambi intorno a  1,26 €/kg e le mele a 0,69 €/kg (-18% su dicembre 2021).


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto