Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La debole domanda sul mercato europeo costringe gli esportatori marocchini a cercare alternative

Gli esportatori marocchini sono pazientemente in attesa della stabilità dei prezzi in Europa, dove talvolta i mercati hanno offerto quotazioni molto basse per alcuni prodotti marocchini. Secondo Mostafa Mohattan, direttore commerciale della Fructimoor, ciò è dovuto alle condizioni meteo, in quanto l'estate più lunga in Europa ha avuto un impatto positivo sulla produzione domestica.

"Questo ci ha portato a ridurre i nostri volumi d’esportazione verso il mercato europeo e a spedire verso altri mercati, compresa l'Africa, dove la domanda è in crescita", ha affermato Mostafa.

Allo stesso tempo, la giovane azienda Fructimoor è riuscita ad espandere la sua attività. L'esportatore di frutta e verdura con sede nella regione di Souss-Massa, in Marocco, è stato in grado di triplicare in un anno la sua rete di produttori e concludere contratti con grossisti, semi-grossisti, commissionari e produttori alimentari.

Mostafa spiega: "Sebbene la domanda europea per alcuni dei nostri prodotti sia ancora debole, riteniamo che presto si stabilizzerà. Abbiamo già chiuso contratti con l’industria alimentare. Inoltre, abbiamo diversificato la nostra rete di produttori per adattarci ai nuovi vincoli. Ad esempio, abbiamo esternalizzato la produzione di angurie in Mauritania, a causa della carenza d'acqua in Marocco, e abbiamo la capacità di esportare 400 tonnellate di angurie al mese. Inoltre, continuiamo a rifornire i mercati internazionali con il mandarino Nadorcott di Marrakech e Agadir".

Più che un esportatore di frutta e verdura fresca, Fructimoor vuole posizionarsi come una società marocchina di approvvigionamento e consulenza nel settore agricolo, rivolta alle industrie agroalimentari. Mostafa spiega questo ambito della sua attività: "Ad esempio, un industriale che produce sughi per pizza ci ha contattato per effettuare un grosso ordine di peperoni rossi. Gli abbiamo consigliato, se la sua attività glielo consente, di accumulare la maggior parte delle sue scorte verso il fine raccolta, nei mesi di marzo e aprile, quando i prezzi dell'ortaggio sono più bassi, e riserviamo esclusivamente a questo cliente la produzione di fine raccolta di alcuni nostri soci produttori di peperoni".

Pertanto, piuttosto che fare affidamento esclusivamente su hub di prodotti ortofrutticoli, che non garantiscono la stabilità, l'esportatore desidera espandere la sua attività e rivolgersi alle industrie alimentari, consentendo maggiore visibilità e controllo dei costi e delle materie prime, per tutti gli operatori della catena del valore, dai produttori agli industriali ed esportatori.

Mostafa aggiunge: "Invitiamo i produttori alimentari a venire a produrre le loro materie prime con i nostri produttori partner in Marocco. Hanno una solida esperienza e un grande know-how in questo settore e noi abbiamo le competenze, i mezzi, i terreni molto fertili e serre che non hanno bisogno di essere riscaldate, perché il nostro clima è favorevole alla produzione agricola. Ma preferiamo coltivazioni che consumano meno acqua".

"Nel 2023, diversificheremo la nostra clientela e anche i nostri mercati. Non vediamo l'ora di lavorare con nuove industrie e partner in tutto il mondo, e sviluppare con loro attività a lungo termine", conclude Mostafa.

Per maggiori informazioni:
Mostafa Mohattan
Fructimoor
+33 659752318 / +212 656873543
contact@fructimoor.com
fructimoor.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto