Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Robin Dirks (Growtec) sul sistema di coltivazione 2LEVEL Stationary

"Produciamo il 20 per cento in più di frutta"

"Se si vuole utilizzare in modo più efficiente lo spazio disponibile in una serra, le canaline di coltivazione a più altezze offrono delle buone opportunità per le fragole. L'implementazione le rendevano piuttosto costose e, in particolare, il sistema di sollevamento risultava intrinsecamente vulnerabile alle sfide sulla sicurezza del lavoro e l’affidabilità. Con il sistema di coltivazione 2LEVEL Stationary, forniamo una risposta a queste preoccupazioni, oltre alle sfide che sta affrontando il settore, come la scelta delle piante sempreverdi e la richiesta di un'ulteriore automazione/robotizzazione nella serra", afferma Robin Dirks della Growtec.

In Canada, cinque coltivatori stanno ora lavorando con 2LEVEL, che consente la coltivazione multistrato. Presso l'azienda olandese Delphy ISFC è in corso un trial con questo nuovo sistema.

Dal Canada ai Paesi Bassi
La Growtec è un'azienda relativamente giovane con alle spalle persone molto conosciute nel settore. Negli ultimi anni, ha fornito molte canaline di coltivazione ai coltivatori nord-americani, tramite la loro filiale canadese guidata oggi da Freddy Sarkis. Robin ha iniziato lo scorso anno a rifornire anche il mercato europeo dalla filiale di Etten-Leur, con le canaline dell'azienda.

A destra: Robin Dirks e Rob Kwinten all'impianto di prova di Horst (Paesi Bassi)

In realtà Robin non solo migliora la canalina di coltivazione ma, ove necessario, anche la corrispondente soluzione d’irrigazione. "Non si tratta tanto della gronda come prodotto, ma come parte dell'irrigazione. Possiamo sollevare i coltivatori dalle preoccupazioni relative all'irrigazione, dall'inizio alla fine, anche fino ai gocciolatoi, se lo richiedono". Lo stesso Robin non ha un background di orticoltore. Ma questo non è un problema perché è coadiuvato, tra gli altri, da Rob Kwinten, che inizierà a lavorare da quest'anno per offrire ai coltivatori tutto il supporto di cui hanno bisogno anche dal punto di vista della coltivazione.

Fragole in serra
In Canada, come nei Paesi Bassi, la coltivazione in serra delle fragole si sta sviluppando rapidamente. E questo è anche il livello in cui è arrivata oggi la domanda per questo sistema di coltivazione multistrato. "Soprattutto in questi tempi, è importante cercare il numero ottimale di piante per metro quadrato. Rispetto alla coltivazione su un solo strato, il sistema consente di avere più piante", rivela Robin. "Le canaline sono posizionate in modo tale che l'incidenza della luce rimanga ottimale. L'obiettivo è quello di arrivare a una soluzione colturale che non solo abbia il 20% di piante in più, ma produca sicuramente anche il 20% di frutti in più. Un compromesso economico positivo è tutto ciò che conta".

Nessun consolidamento della struttura
Da notare che, a differenza dei sistemi di sollevamento o oscillazione, non è richiesto alcun consolidamento della struttura. "Il sistema 2LEVEL può quindi essere installato anche nelle serre esistenti. Ad esempio, è stato applicato in una serra destinata in origine ai cetrioli".

Il trial a Horst
In Canada, attualmente sono cinque le serre dotate del sistema 2LEVEL, sia nuovi che già in attività. A Horst, nei Paesi Bassi, è ora in corso un trial presso la Delphy. La sperimentazione è iniziata alla fine dell'anno scorso e i primi frutti sono attesi a febbraio. La coltivazione continuerà fino a novembre.

A destra: Freddy Sarkis, presidente della Growtec

"Calcoliamo anche la redditività del sistema complessivo per la coltivazione illuminata e quella tradizionale. Ora disponiamo di modelli e dati raccolti in Canada, ma le condizioni di crescita in Europa sono diverse", afferma Robin.

Ottimizzazione della densità delle piante
"In Canada, vediamo che le varietà rifiorenti sono diventate lo standard, in quanto rispondono al mercato anche a livello di qualità. Allo stesso tempo, ciò significa una coltivazione più lunga e, di contro, una maggiore pressione delle malattie. In parte per questo, le canaline di coltivazione chiuse sono già diventate lo standard: una risposta al biofilm, meno virus e pressione dei parassiti e anche vantaggiose in termini di manodopera ed energia", continua Freddy. "Con il sistema 2LEVEL, stiamo facendo un ulteriore passo avanti. L'ottimizzazione della densità delle piante è un ulteriore passo avanti verso il miglior ritorno sull’investimento possibile. E alla fine è proprio questo che conta".

Per maggiori informazioni:
Growtec
Freddy Sarkis (Freddy@growtec.com)
Robin Dirks (robin@growtec.com)
www.growtec.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto