Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Akin Soyleyen - Aksun:

"La nostra produzione di pompelmi è aumentata del 13 per cento in questa stagione"

I prezzi dei limoni turchi sono aumentati a causa della scarsità dell'offerta, secondo Akin Soyleyen, responsabile marketing dell'esportatore turco Aksun. "Con il lento ritorno alla normalità dopo la pandemia, quest'anno abbiamo una visione più chiara in termini di proiezione della domanda degli agrumi. Abbiamo iniziato con i limoni all'inizio di ottobre, rispetto alla consueta data di fine settembre. A causa della mancanza di offerta, abbiamo dovuto fare le cose con calma, perché la carenza ha fatto sì che i prezzi fossero più alti del normale. Con l'inizio dei limoni di Lamas, la scorsa settimana, la domanda è aumentata, così come l'offerta. Attualmente stiamo confezionando a pieno ritmo arance Navel, limoni, pompelmi e mandarini".

Quest'anno l'offerta di limoni è particolarmente bassa per Aksun, ma la produzione di pompelmi è aumentata, secondo Soyleyen. "Se confrontiamo i volumi con quelli dell'anno scorso, i limoni hanno registrato un calo di circa il 41%, a causa della carenza e della domanda locale. Ma in questa stagione stiamo colmando il gap con arance e mandarini. I pompelmi sono sempre stati la nostra linea principale di agrumi e la produzione è aumentata del 13%, nonostante la carenza generale nel mondo. Siccome anche in Florida e in Israele l'offerta è scarsa, possiamo arrivare in mercati che prima erano più difficili da raggiungere, come il Giappone e le Americhe".

Nonostante le sfide, Soyleyen si aspetta una stagione di successo e che altri Paesi produttori se la passino molto peggio della Turchia. "Ci aspettiamo che la domanda si mantenga forte per tutta la stagione in corso e fino al 2023. Altri Paesi esportatori stanno affrontando i loro problemi. Noi siamo fortunati perché stiamo patendo solo una carenza nell'offerta. Come si può vedere in altre nazioni, ci sono situazioni ben peggiori che avere carenze in alcune linee di prodotti, come gli uragani o le ondate di caldo".

Soyleyen afferma che la campagna delle melagrane dell'azienda è stata ancora più difficile, in quanto le condizioni meteorologiche hanno completamente sovvertito le previsioni di produzione dell'azienda. "Per quanto riguarda le melagrane, la storia è completamente diversa. Ci aspettavamo una buona stagione, prima che Madre Natura decidesse diversamente. Proprio prima del periodo di raccolta, infatti, abbiamo avuto forti piogge, che hanno bloccato la fornitura. Attualmente avere melagrane di qualità superiore è diventato una sorta di lusso. La nostra proiezione iniziale rispetto all'offerta attuale si riduce a una diminuzione di circa il 57% della produzione finale. Detto questo, continuiamo a rifornire i nostri partner a contratto nell'Ue e in Asia; solo che non siamo in grado di soddisfare tutta la domanda che ci arriva. Tutto sommato, speriamo in una stagione migliore l'anno prossimo, e che Madre Natura sia d'accordo con quanto auspichiamo".

Per maggiori informazioni:
Akin Soyleyen
Aksun
Tel: +90 324 234 41 90
Cell: +90 532 590 75 92
Email: akin@aksun.com.tr   
Web: www.aksun.com.tr/en


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto