Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Angelo Azzarelli del mercato all'ingrosso di Norimberga, sulla vendita di pomodori:

"Gli aumenti del prezzo hanno portato a un drastico calo della domanda"

La Fratelli Azzarelli acquista quasi il 100% dei prodotti dalla Sicilia, sia freschi che essiccati, come agrumi, olio d'oliva, vini, pasta e salse. "Abbiamo un ampio assortimento di prodotti esclusivi di piccole aziende siciliane", afferma il direttore generale Angelo Azzarelli che ci ha parlato delle vendite di pomodori.


Angelo Azzarelli

Varie forniture di pomodori
"Abbiamo tre diverse varietà di pomodori ciliegino, Merinda e datterini, tutte e tre in diversi colori. Forniamo anche pomodori Costoluto e San Marzano. I pomodori sono praticamente i nostri principali prodotti di vendita. A dicembre, ovviamente, portiamo anche le arance della Sicilia e arance Tarocco rosse dell'Etna, oltre a clementine, mandarini e limoni. A causa del caldo di agosto, i volumi sono ridotti. Anche la Sicilia ha vissuto una siccità estrema", afferma Azzarelli. A tal fine, tra gli altri, collabora con alcuni suoi parenti in Sicilia che gestiscono un'azienda con 150 dipendenti.

Attualmente Azzarelli vende i datterini a 5,00-7,00 euro/kg. "L'aumento dei prezzi ha portato a un drastico calo della domanda. Rispetto agli anni precedenti, finora dicembre è molto fiacco". Azzarelli ha espresso preoccupazione per i prezzi dell'energia, soprattutto perché le celle refrigerate devono continuare a funzionare.

Margini di profitto bassi a causa dei costi elevati
"I miei cugini mi dicono che, vista la crisi attuale, il prezzo della plastica necessaria per le serre, tra gli altri, è triplicato. Il problema più grande però è il fatto che è molto difficile trovare fertilizzanti a costi accessibili. Perché anche in questo caso, i prezzi sono triplicati", dice Azzarelli, sottolineando inoltre che i prodotti in Sicilia devono essere preventivamente imballati e poi trasportati in Germania.

I relativi aumenti di prezzo dovuti all'elevato costo dell'energia, dell'imballaggio e del gasolio sono alquanto pressanti. "I supermercati tendono comunque a realizzare grandi profitti, mentre noi, come produttori, raggiungeremo margini molto limitati".

I clienti del settore della ristorazione si stanno ritirando
Alcuni dei clienti abituali del settore della ristorazione di Azzarelli gli hanno anche detto che il prossimo anno potrebbero dover chiudere l'attività. "Da un lato, non riescono più a trovare personale, dall'altro i costi dell'energia sono troppo alti. Inoltre, non può essere che il prezzo dell'energia o dell'elettricità sia superiore a quello dell’affitto. Ci chiediamo davvero come facciano ancora a lavorare. Se poi si trovano dei collaboratori, questi devono comunque essere remunerati. La gente non si deve sorprendere se inizierà a pagare 15 euro per una pizza Margherita", dice Azzarelli.

La crisi sta avendo un impatto anche sulla gamma di prodotti dell'azienda di Norimberga: "Siamo il partner esclusivo nella produzione di una limonata dell'azienda Polara. La forniamo in tutta la Germania, sia al dettaglio che all'ingrosso. Il prodotto è ora diventato un prodotto di lusso che dovremo escludere dalla nostra gamma. Dovremo farlo anche con altri prodotti, perché semplicemente la redditività non è più garantita".

Immagini pomodori fornite dalla Fratelli Azzarelli

Per maggiori informazioni:
Angelo Azzarelli
Fratelli Azzarelli GmbH & Co. KG
Tel.: +49 15159059031
Email: fratelli@azzarelli.de 
Web: www.fratelli-azzarelli.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto