Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale delle arance

Attualmente i prezzi delle arance sono alti in molti mercati, per una serie di ragioni che dipendono dalle aree in questione. Il popolare agrume è tradizionalmente molto richiesto nelle stagioni invernali dell'emisfero settentrionale per i suoi benefici per la salute, come gli alti livelli di vitamina C che contiene. A causa delle temperature calde e della siccità in Paesi produttori come la Spagna e l'Italia, ad esempio, si registrano attualmente carenze di offerta sui mercati, che hanno portato a un aumento dei prezzi, soprattutto in Europa.

Le quotazioni sono ulteriormente aumentate a causa della mancanza di calibri più grandi, dovuta anche al caldo di quest'estate. Nel frattempo, le notizie provenienti dall'Egitto sono positive, con un aumento sia dell'offerta che della qualità delle arance di questo Paese. In Florida, negli Stati Uniti, gli uragani che si sono registrati all'inizio di quest'anno non sono riusciti a frenare la stagione, anche se potrebbero esserci delle lacune nell'offerta verso la primavera. L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ha tuttavia avuto un effetto sul mercato argentino, dato che le esportazioni di questa nazione verso la Russia sono diminuite del 69% in questa stagione.

Paesi Bassi: sviluppo positivo del mercato
Secondo un importatore olandese, la situazione del mercato delle arance può essere descritta come buona al momento. "L'inizio è stato un po' rigido, ma la scomparsa dal mercato delle ultime arance sudafricane e il clima più freddo hanno influenzato positivamente il mercato. I prezzi si aggirano tra i 13 e i 15 euro per i calibri più grandi, ma anche le arance di medie dimensioni sono ben pagate a 11-13 euro. L'offerta non è eccessiva, il che aumenta la domanda. Le arance egiziane non sono ancora sul mercato, ma non mi aspetto prezzi bassi neanche per loro in questa stagione".

Anche un altro importatore conferma la domanda sostenuta di arance. "Le arance sono principalmente di calibro medio 60-70-80-90, i calibri più grandi sono ancora molto limitati nella disponibilità. Dovrebbero essere in arrivo le prime Salustiana dalla Spagna e prevediamo che nelle prossime settimane il mercato spagnolo si mantenga stabile".

Germania: offerta variegata di arance sul mercato
Un grossista riferisce che attualmente sul mercato tedesco ci sono alcune lacune nella fornitura di arance spagnole. "C'è poca disponibilità della varietà stagionale principale, ovvero la Navelina, soprattutto nei calibri 1 e 2, quindi i calibri più grandi. Dal calibro 3, invece, i frutti sono disponibili in quantità sufficiente".

Nel frattempo le Valencia Late, Midknight e Delta Seedless erano ancora disponibili dal Sudafrica e venivano acquistate principalmente per la produzione di succo. La loro presenza è stata limitata. Le prime Washington Navel turche sono entrate nel mercato, ma hanno suscitato un'attenzione limitata.

La Navelina italiana ha avuto uno status complementare, con prezzi tra 1,40 e 1,75 euro/kg per i frutti non trattati. Nel complesso, il clima umido e freddo ha migliorato le possibilità di posizionamento in diverse occasioni. Tuttavia, questo ha avuto raramente un impatto sulle valutazioni. Al contrario, i venditori sono per lo più riusciti a confermare le loro precedenti richieste. Le prime Cara spagnole dovrebbero essere in arrivo e anche la campagna italiana delle arance rosse inizierà presto con i primi lotti di arance Moro.

Francia: la mancanza di volumi sul mercato porta a prezzi sostenuti
In Francia le vendite non sono molto dinamiche, nonostante le temperature invernali. Le forniture di arance importate dall'estero, in particolare quelle provenienti dal Sudafrica, stanno terminando. Sul mercato troviamo quindi le origini dell'emisfero settentrionale, come Spagna e Portogallo. Questa campagna è caratterizzata da una mancanza di volumi sul mercato, che porta a prezzi sostenuti. "Tuttavia, anche a fronte di un'offerta più limitata, la richiesta non c'è", afferma un importatore di Rungis.

In termini di qualità, le arance portoghesi e spagnole sono molto buone quest'anno. La varietà Maltese, proveniente dalla Tunisia, dovrebbe arrivare intorno al 10 gennaio, ma il raccolto 2023 dovrebbe registrare un calo del 30-40%.

Belgio: buona la domanda verso le festività, ma offerta limitata
Con l'arrivo del freddo e l'avvicinarsi della fine dell'anno, la domanda di arance, e in realtà di tutti gli agrumi, torna ad aumentare in Belgio. "Notiamo che questo è tradizionalmente un buon periodo per gli agrumi. Sono ovviamente eccellenti come apporto di vitamine con questi giorni freddi e in questo periodo la gente sembra sempre voler cercare un po' di estate con gli agrumi - afferma un commerciante belga - Tuttavia, l'offerta è piuttosto deludente. Il Sudafrica è gradualmente scomparso dal mercato e dalla Spagna, a causa della siccità estiva, arrivano molti meno volumi. Inoltre, questo ha fatto sì che i calibri siano un po' più piccoli rispetto agli altri anni. La buona domanda si traduce in prezzi ragionevoli al momento".

Italia: temperature elevate e siccità colpiscono la produzione di arance
"La vendita delle arance è minima sia in Italia sia all'estero, per via principalmente dell'andamento climatico e quindi all'assenza di temperature invernali. Al momento, su 5 pallet di ordinativi, 4 riguardano le clementine e solo uno le arance. Uno scarso entusiasmo che porta le quotazioni a essere quasi uguali a quelle delle clementine, rispetto alla classica differenza di circa 0,20 €/kg. Ci si aspetta una ripresa delle richieste a partire da gennaio, proprio come sta accadendo da alcuni anni a questa parte". A parlare è una società pugliese che lavora e commercializza agrumi.

Per quanto riguarda la Sicilia, mentre la campagna delle arance bionde, con prezzi da 0,45 a 0,60 euro, è già partita da qualche settimana, bisogna fare un distinguo per quella rossa. "La campagna dell'arancia rossa infatti inizierà il 19 dicembre ufficialmente, con la raccolta e la commercializzazione del Moro - dice un produttore - La pigmentazione del nostro prodotto è legata all'escursione termica. In questo periodo abbiamo avuto giornate molto calde e, solo da pochi giorni, abbiamo temperature ed escursione termica adatti a far giungere a maturazione il frutto. Quindi fare previsioni sui prezzi adesso è ancora impossibile. Il mercato per l'arancia rossa siciliana, specie quella IGP è internazionale. Vogliamo aumentare sempre più quote di mercato in Europa: Francia, Germania, Svizzera. Consolidate queste posizioni, saremo pronti a conquistare anche altri mercati extra-europei".

Un altro produttore siciliano dichiara: "La campagna agrumi ha un ritardo di 15 giorni, a causa delle temperature elevate registrate fino a 20 giorni fa. La siccità estiva ha fatto sì che gli agrumi si presentino di calibro medio-piccolo. Sul piano della commercializzazione, abbiamo avviato la campagna delle arance Tarocco a polpa rossa nella settimana 49-50, con volumi inferiori del 25%. In una situazione di crisi e di rincari in ogni fattore della filiera produttiva, si sta lavorando nell’ottica di trovare un giusto equilibrio tra una maggiore remunerazione alla produzione e una fattiva collaborazione con i retailer, nell’ottica della valorizzazione delle produzioni italiane. Non è semplice, considerato che a differenza dei Paesi competitor produttori di agrumi come la Spagna, in Italia le imprese agricole non possono avvalersi di nessun sostegno sul versante dei rincari energetici".

Spagna: produzione di arance in calo del 19,9%, ma resta l'agrume più popolare
In Spagna le arance subiranno il calo maggiore della gamma degli agrumi, con una diminuzione del 19,9% rispetto alla campagna precedente e del 15,7% rispetto alla media delle ultime cinque campagne. Le eccessive precipitazioni durante le fasi di fioritura e allegagione dei frutti, le temperature estremamente elevate nelle fasi successive e le restrizioni all'irrigazione - in particolare in Andalusia, la principale area di coltivazione delle arance e dove il calo della produzione sarà del 30% - sono fattori determinanti di questa bassa produzione. Ciononostante, le arance saranno come sempre l'agrume più prodotto, con 3.010.491 tonnellate, circa il 50,4% della produzione totale di agrumi. Il 75% delle arance rientra nel gruppo Navel.

La campagna delle arance è iniziata un po' più tardi del solito, con un mercato meno intasato per i frutti dell'emisfero meridionale rispetto alla scorsa stagione. La siccità ha portato una quantità significativa di calibri piccoli, facendo sì che quelli grandi (1 e 2) siano i più desiderati e i meglio pagati. C'è molta richiesta per i calibri 1 e 2, che ottengono prezzi molto più alti rispetto alle arance di piccolo e medio calibro. Nel mese di novembre c'erano ancora scorte di arance d'oltremare, soprattutto arance da succo, che hanno ostacolato un po' le esportazioni spagnole, tranne che per i calibri grandi, mentre le scorte di arance da tavola sono state più in ordine rispetto all'anno scorso. A dicembre, la presenza di arance dell'emisfero meridionale non è più evidente.

Egitto: quest'anno la produzione e la qualità delle arance sono in aumento
In Egitto i volumi di questa stagione sono superiori a quelli dell'anno scorso, con un aumento di almeno l'8%. La qualità è davvero buona. Non ci sono grandi quantità di frutti di grandi dimensioni, mentre sono più presenti quelli di piccole e medie dimensioni. Per le arance c'è una domanda di grandi dimensioni proveniente da Russia, Malesia, Singapore, Brasile, Vietnam, Regno Unito, Polonia, Paesi Bassi e piccoli ordini dalla Cina. La domanda di calibri medi proviene principalmente da Medio Oriente, India e Paesi africani. Per le piccole dimensioni, c'è interesse dalle Maldive e dalle Mauritius. La produzione egiziana di quest'anno ha ottenuto un sostanziale miglioramento della qualità, soprattutto grazie al clima più fresco di settembre e ottobre rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Il clima ha ridotto l'esposizione agli insetti e ha migliorato in modo significativo e naturale la qualità dei prodotti, la loro estetica e il loro sapore.

Cina: le condizioni meteorologiche influenzano le rese e il sapore
Le condizioni meteorologiche, in particolare la siccità, hanno fatto soffrire gli alberi da frutto e hanno diminuito le rese delle arance in Cina. Di conseguenza, i prezzi sono più alti del 10-20% rispetto all'anno scorso. Un altro effetto collaterale è che alcuni frutti hanno un sapore più dolce rispetto alle stagioni precedenti, che sono state meno secche. La resa è diminuita, ma la qualità è aumentata. In altre regioni, tra cui quella di Chongqing, il raccolto è stato abbondante.

La produzione di arance in Cina è cresciuta da 2,3 milioni di ettari nel 2016 a 2,7 milioni di ettari nel 2020. Secondo l'Organizzazione mondiale degli agrumi, la Cina è il terzo produttore mondiale di arance, con 7,5 milioni di tonnellate nella stagione agrumicola 2021/22. La Cina è anche il più grande importatore asiatico di agrumi, con 520mila tonnellate. Un nuovo sviluppo nel mercato internazionale è rappresentato dal fatto che la provincia settentrionale dell'Iran intende avviare le esportazioni di agrumi verso la Cina.

Una serie di sfide si traducono in una bassa produttività e in una stagnazione del ritorno sugli investimenti generati dalla produzione di agrumi. Tra queste, l'insufficienza di varietà di agrumi di alta gamma, la presenza sul mercato di pochi prodotti in grado di soddisfare le diverse preferenze di sapore, l'esistenza di canali di commercializzazione singoli, lo scarso sviluppo della tecnologia di conservazione dei prodotti freschi e delle catene di approvvigionamento, con conseguente alto tasso di danni e sprechi di agrumi, il basso grado di standardizzazione degli impianti e la scarsa consapevolezza dell'agricoltura ecologica e l'aumento dei costi di impianto.

Nord America: forniture stabili e prezzi forti per le arance della Florida
Le forniture di arance dalla Florida continuano ad essere stabili. "Abbiamo abbondanza di arance precoci e di mezza stagione e di arance Valencia quest'anno", dice un produttore-spedizioniere, aggiungendo che le forniture di arance da succo sono simili a quelle dell'anno scorso.

Secondo lui, inoltre, quest'anno la stagione è iniziata in tempo per la Florida. "Poi ci sono stati i due uragani (Nicole e Ian) e le piogge che hanno interrotto la fase iniziale, rallentando un po' le cose anche per le settimane successive", dice il produttore-spedizioniere. Tuttavia, grazie alle previsioni tempestive, sono riusciti a raccogliere in anticipo e a mantenere le scorte di frutta.

Per quanto riguarda le specifiche dei frutti, si nota anche che la colorazione delle arance sta migliorando. "Le nostre arance Hamlin precoci iniziano sempre con un colore scarso, ma attualmente la colorazione è piuttosto soddisfacente", afferma. Per quanto riguarda la selezione, si sta raggiungendo un picco con i calibri 100, con una media di circa il 50% di 100, il 15% di 80, il 25% di 125 e il resto di 138.

Oltre alle arance della Florida, anche la California sta spedendo arance Navel (un prodotto che non è necessariamente in concorrenza con le arance da succo). Anche il Messico ha avviato la produzione. "Tuttavia, non ne abbiamo ancora avuto la percezione, in quanto sono per lo più sulla costa occidentale", dice il produttore-spedizioniere.

Nel frattempo i prezzi delle arance sono stati più forti in questa stagione e ciò ha influito in qualche modo sulla domanda. "È probabile che i prezzi si mantengano su questo livello perché il mercato dei succhi è a corto di arance", aggiunge.

In prospettiva, le Valencia dovrebbero iniziare tra la metà di febbraio e l'inizio di marzo, ma quest'anno ci vorrà un po' più di pianificazione. "Sarà un po' complicato perché i frutti precoci di mezza stagione finiranno prima, quindi stiamo cercando di capire come colmare questo divario - dice il coltivatore-spedizioniere - Pensiamo di avere qualche soluzione per gestire i frutti di mezza stagione fino all'inizio di febbraio e passare alle Valencia probabilmente nella seconda settimana di febbraio. La stagione per noi va fino a metà-fine luglio e probabilmente finiremo in tempo".

Argentina: le esportazioni di arance verso la Russia sono diminuite del 69%
Le esportazioni di arance argentine hanno subito un calo significativo nel 2022. Secondo l'ultimo rapporto dell'Associazione agrumi del nord-ovest argentino (ACNOA), con dati aggiornati alla settimana 40, il Paese ha esportato un totale di 60.328 tonnellate - 37 tonnellate nell'ultima settimana analizzata, durante la quale è stato ampiamente superato il picco di spedizioni di questa stagione - registrando una contrazione delle esportazioni del 22,10% rispetto al 2021, e risultando molto lontano dalle quasi 161mila tonnellate che, secondo i dati FAOSTAT, esportava nel 2010.

L'Europa è stata la principale destinazione delle arance argentine quest'anno, concentrando il 50,5% delle spedizioni ad oggi, ma con un calo del 19,14% rispetto alle spedizioni del 2021. L'America Latina ha ricevuto il 35,6% delle arance commercializzate finora, acquisendo il 37,92% in più di frutta rispetto a quanto acquistato dalla regione nel 2021; le complicazioni logistiche per l'esportazione della frutta sarebbero alla base di queste maggiori spedizioni verso la regione. Al terzo posto c'è la Russia che, con una quota del 7,3%, ha registrato un calo su base annua del 69,10%. Anche l'industria agrumicola argentina ha subito le conseguenze della guerra in Ucraina in uno dei suoi principali mercati negli ultimi anni. In precedenza la Russia si classificava come terza destinazione più importante, solo dietro l'Europa e l'America Latina, che, ricordiamolo, sono blocchi composti ciascuno da più di venti Paesi.

Le altre destinazioni delle arance argentine hanno ricevuto le restanti 4.000 tonnellate, pur registrando un calo congiunto del 60%; nel caso della Cina e di Hong Kong, le spedizioni sono state ridotte completamente.

Il calo delle esportazioni di quest'anno coincide anche con la contrazione della superficie coltivata ad agrumi nell'importante provincia argentina di Tucumán, che, come ha recentemente rivelato l'INTA, è diminuita dopo anni di costante espansione. In particolare, la superficie dedicata all'agrumicoltura ha registrato un calo di 3.878 ettari rispetto alla campagna precedente, pari a una riduzione del 7,46%.

"Le cause di questa diminuzione potrebbero essere legate al calo di redditività sperimentato dall'attività durante le ultime due campagne, dovuto principalmente ai bassi prezzi della frutta per l'industria, ai minori volumi di frutta fresca esportata, al graduale aumento dei costi di produzione, alla concorrenza di altri mercati e al contesto socioeconomico nazionale e internazionale", riassume l'INTA nel suo rapporto.

Australia: gli accordi commerciali aumentano le opportunità di esportazione delle arance in India
I coltivatori australiani di arance hanno ricevuto una spinta con l'annuncio che i dazi per gli agrumi destinati all'India saranno dimezzati alla fine di questo mese, in seguito alla finalizzazione dell'accordo di cooperazione economica e commerciale Australia-India (AI-ECTA).

Citrus Australia, l'ente del settore, ha sottolineato che l'India è un punto di riferimento fondamentale per i coltivatori del Paese, con esportazioni di agrumi australiani sul mercato indiano che in passato hanno raggiunto le 7.800 tonnellate. Questo numero è destinato ad aumentare nei prossimi anni e la riduzione dei dazi contribuirà a promuovere le opportunità di crescita rendendo gli agrumi australiani più competitivi rispetto ad altri fornitori, tra cui il Sudafrica. L'accordo consentirà agli esportatori australiani di agrumi di esportare arance e mandarini in India nell'ambito di un sistema di contingenti a tariffa ridotta. L'attuale tariffa del 30% si ridurrà al 15% una volta entrato in vigore l'accordo. La tariffa ridotta si applica alle prime 13.700 tonnellate annue. Il sistema di contingenti sarà gestito dal governo australiano e ulteriori dettagli saranno forniti all'industria non appena disponibili.

Secondo l'Australian Horticulture Statistics Handbook di Hort Innovation, la produzione australiana di arance ha un valore complessivo di 437,6 milioni di dollari per l'anno che termina a giugno 2021, con 473.697 tonnellate prodotte (il 39% è destinato alla trasformazione, soprattutto per la spremitura). L'Australia è un esportatore netto di arance fresche e la crescita dei volumi negli ultimi tre anni ha registrato una media di 187.247 tonnellate esportate all'anno. Il Giappone è la principale destinazione delle esportazioni di arance australiane (37.625 tonnellate), seguito da Hong Kong (33.587) e dalla Cina (31.684).


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto