Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Xavier Laduron, Fairebel:

"In Belgio, nessun anello della filiera può vivere con gli attuali prezzi al consumo della Jonagold, è necessario che migliorino"

In Europa, con i costi attuali, per molti frutticoltori è difficile sbarcare il lunario. Soprattutto per i coltivatori belgi della Jonagold, che trovano quasi impossibile sopravvivere sul mercato attuale. "La frutta di questa stagione ha un bell'aspetto, ma i prezzi sono pessimi", commenta Xavier Laduron della Fairebel, la cui filosofia di base è che tutti gli operatori della filiera dovrebbero riuscire a guadagnarsi da vivere. "I coltivatori applicheranno sempre prezzi equi per poter recuperare i costi".


Xavier Laduron

Gli agricoltori che si battono per una retribuzione equa dodici anni fa hanno introdotto in Belgio la Fairebel, un'etichetta dei prodotti lattiero-caseari per il commercio equo e solidale. Da novembre 2020, anche le mele e le pere belghe vengono vendute con questa etichetta. "Se ha avuto successo il lattaio, perché non dovrebbero averlo i frutticoltori? Il nostro settore è in grave difficoltà da anni", afferma Xavier, che coltiva pomacee su 35 ettari. Ormai decine di frutticoltori hanno aderito alla cooperativa Faircoop. Le loro mele e pere sono sugli scaffali con il marchio Fairebel. La cooperativa gestisce il marchio 'Per gli agricoltori, dagli agricoltori'.

Faircoop ha chiesto a PCFruit di determinare il prezzo di costo esatto di un chilogrammo di mele Jonagold o di pere Conference. "Quasi nessun coltivatore conosce l'esatto prezzo all'origine dei suoi frutti. Questo studio ha dimostrato che è persino più alto di quanto pensassimo. Poi vedi che i supermercati belgi vendono un chilogrammo di queste mele a 0,99 euro. È difficile da digerire. Nessun operatore della filiera può vivere di quel prezzo. Deve migliorare, non c'è altra soluzione".

Perché le Jonagold devono sottomettersi alle Pink Lady?
Carrefour e Colruyt attualmente vendono mele e pere Fairebel. "Carrefour è un partner che ha introdotto i nostri nuovi prodotti praticamente fin dall'inizio", spiega Xavier. "Con Colruyt, tuttavia, ci è voluto un po' di tempo. La reazione iniziale dei retailer è quasi sempre negativa. Temono che sia troppo costoso e che le persone siano disposte a pagare questo prezzo".

"Ma le mele Pink Lady si vendono a 4 euro/kg. Perché allora un chilogrammo di Jonagold costa 0,99 euro? La gente spesso dice: 'È diversa. È la Pink Lady'. Ma perché la Jonagold deve sottomettersi alla Pink Lady? La Jonagold è ancora la varietà più conosciuta e venduta in Belgio. Quindi perché non venderla a 3 euro/kg? Bisogna collaborare", afferma Xavier.

Xavier non crede che i consumatori rinuncino alla frutta a causa dell'attuale inflazione. "Prima c'è stata la pandemia, ora c'è la crisi energetica. C'è sempre qualcosa. Non voglio assolutamente sottovalutare la crisi, ma gli aerei sono sempre pieni. La gente va di nuovo a sciare durante le vacanze invernali".

"La maggior parte dei consumatori ha ancora abbastanza soldi per acquistare ciò che desidera. Il cibo rimane una delle maggiori voci di spesa, perché le persone devono mangiare. Per molti consumatori quindi, quei due euro non contano molto, ma per i coltivatori e tutti coloro che operano all'interno della catena, fa un’enorme differenza", continua il coltivatore.

Campagna di marketing costosa o passaparola
Ma il prezzo deve essere accompagnato da una storia, dice Laduron. "Senza il marketing è impossibile. Allora hai due scelte: o spendere milioni in una campagna pubblicitaria o visitare i negozi e raccontare ai consumatori la storia del prodotto locale ed equo e solidale. Al giorno d'oggi, le persone sono più aperte a una storia di commercio equo e solidale. Sono più consapevoli di ciò. Visitiamo molti negozi e notiamo che il 99% degli acquirenti non chiede nemmeno il prezzo. Quindi, il passaparola potrebbero far esplodere le vendite", si augura Xavier.

Anche la qualità del prodotto è una priorità assoluta. "Non vogliamo solo ottenere buoni prezzi, vogliamo fornire prodotti di qualità. Se i consumatori pagano un prezzo più alto, devono poterlo vedere riflesso nella qualità del prodotto. Dobbiamo rispettare i consumatori".

In futuro, la cooperativa vuole trovare altri gruppi di prodotti da includere nel proprio marchio. Ma, per ora, si concentra sulle pomacee. "Richiede ancora tutta la nostra attenzione. I volumi sono limitati, ma stiamo incontrando tutti i frutticoltori professionisti alla Faircoop. Due anni fa, non si sentiva parlare di prezzo equo, ora sta iniziando sempre più a prendere piede. Tuttavia, c'è ancora molto lavoro da fare", conclude Xavier.

Per maggiori informazioni:
Xavier Laduron
Fairebel
Tel: +32 (0) 804 47 726
Email: Laduron.Xavier@faircoop.be  
Web: www.fairebel.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto