Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Jesus Paniagua

"Le aziende italiane pagano molto bene per le clementine spagnole di qualità"

Secondo gli ultimi dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), nel 2020 la Spagna ha prodotto oltre il 52% delle arance europee e quasi il 69% degli easy peeler del continente, diventando il principale Paese produttore di agrumi in Europa. Segue l'Italia, che rappresenta quasi il 28% delle arance e il 20,1% delle clementine e dei mandarini prodotti in Europa.

Tuttavia, nonostante sia il secondo produttore europeo di agrumi, l'Italia è di grande importanza per l'industria spagnola. Jesus Paniagua si è specializzato infatti nella vendita di agrumi verso l’Italia.

"Vendo sul mercato italiano da 35 anni e collaboro da 28 anni con l'azienda Anchise Paoli di Firenze. Nel 2008, abbiamo unito le nostre forze e raggruppato i nostri clienti per lavorare insieme nel nord Italia, dove attualmente abbiamo 20 punti vendita distribuiti tra la costa mediterranea e quella adriatica e le zone interne del Paese”, ha affermato Jesus.


Riccardo Paoli e Jesus Paniagua.

"La stagione delle esportazioni spagnole di frutta è divisa in due periodi. La prima va da metà ottobre a fine novembre, quando l'Italia inizia la produzione e dobbiamo fermarci a causa di un conflitto sui prezzi. La seconda parte va da fine febbraio/inizio marzo, quando gli agrumi italiani stanno terminando, fino alla fine della stagione spagnola".

"Al momento stiamo producendo le arance a Siviglia, modeste quantità di limoni a Malaga e clementine con foglia di Castellon. Proseguiremo tra qualche mese con le varietà più tardive, come Lane Late e Navelate, e con i mandarini della seconda parte della stagione".

"La produzione italiana di clementine è concentrata su un’unica varietà"
"Il mercato italiano delle clementine è in questo senso molto importante per la produzione spagnola perché le aziende italiane pagano molto bene per frutti di qualità", ha affermato Jesus. "Vogliono un prodotto molto particolare, come quello che produciamo qui e, al momento, l'80-90% della produzione italiana di clementine si concentra su un'unica varietà, che inizia a novembre e termina tra la seconda e terza settimana di gennaio".

"Questa clementina, che chiamano clementine Fina, è molto simile alla Clemenules spagnola. È molto gustosa da mangiare e di altissima qualità, ma la sua produzione è concentrata in pochissime settimane. Lo stesso accade per le arance".

"Il prodotto di punta delle arance italiane è la varietà a polpa rossa Tarocco, che rappresenta circa il 50-60% della produzione italiana di arance da tavola".

"Proprio per questo il caso italiano è molto interessante. Ci si chiede perché un Paese che ha una grande produzione di agrumi, importi arance o clementine. La risposta è che hanno concentrato la loro produzione su poche varietà, ma molto buone. Infatti, noi abbiamo molti fornitori italiani che offrono e richiedono prodotti di altissima qualità, per questo per lavorare sul mercato italiano ho dovuto creare e consolidare un marchio, Paniagua, associato alla massima qualità".

"Negli ultimi anni, l'Italia ha piantato sempre più clementine e arance tardive. Al momento però non hanno le quantità che abbiamo noi in Spagna. In questo senso, siamo ancora molto fortunati perché dominiamo questo segmento della stagione europea".

"Stiamo caricando in media 2-3 camion al giorno"
Quest'anno, il clima in Italia è stato segnato da precipitazioni e temperature molto elevate. In effetti, tutto sembra indicare che il 2022 potrebbe passare alla storia come l'anno più caldo mai registrato, proprio come è stato il mese di ottobre, secondo i servizi meteo del Paese.

"Non è stata una campagna normale, ma dobbiamo considerare che la parte più importante della campagna inizierà tra qualche giorno", ha affermato Jesus. "Se è vero che abbiamo lavorato molto e che abbiamo inviato più volumi di clementine rispetto a un’annata normale, sappiamo anche che, per ora, questo aumento delle esportazioni è dovuto più al fatto che l'Italia comincerà più tardi in questa stagione, che alla carenza di prodotto".

"Castellon è l'origine principale delle clementine spagnole esportate in Italia. Stimo che quasi il 70% provenga da quella provincia, e la stragrande maggioranza della frutta che si produce sono clementine con foglia. Si potrebbe dire che il mercato italiano è vitale per le clementine spagnole".

"Insieme all'azienda di Castellon con cui esportiamo clementine con foglia in Italia, carichiamo in media 2-3 camion al giorno verso quel mercato, e ci sono alcuni giorni in cui carichiamo fino a 4 camion. Quando arriverà l'estate inizieremo a spedire le drupacee sul mercato italiano, la specialità della mia azienda e il nostro prodotto più venduto in termini di volume, anche quando l'Italia è in piena stagione".

Per maggiori informazioni:
Jesús Paniagua
41330 Los Rosales
Siviglia - Spagna
+34 609 58 47 33


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto